Al ballo con Marcel Proust

Principessa Bibesco

Anno edizione: 1978
In commercio dal: 1 marzo 1978
Pagine: XXX-146 p.
  • EAN: 9788838900082
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 7,90

€ 9,30

Risparmi € 1,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email
ti avviseremo quando sarà disponibile
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    La Recherche

    01/09/2008 20:50:32

    Durante un ballo la Principessa Bibesco incontrò il giovane Proust, ma fece di tutto per non fermarsi a parlare con questo strano personaggio che, ad un ballo, non ballava, e se ne stava in un salone riscaldato con il cappotto addosso. Il motivo di questa ritrosia viene, durante la narrazione, imputata al fatto che la principessa temeva di entrare in un mondo da cui sarebbe rimasta incantata, e dal fatto che essendo anche la principessa scrittrice, ma in incognito, in quanto a quei tempi era disdicevole che una bella fanciulla dal sangue blu avesse anche un cervello, non voleva dare adito a pettegolezzi o maldicenze sulla sua attività letteraria. Tuttavia Proust aveva scorto il legame che li avrebbe uniti per sempre, legame tenuto vivo e rafforzato attraverso una fitta corrispondenza. Nel volume la principessa traccia una breve storia dei suoi rapporti con Proust sia attraverso le lettere a lei destinate ma soprattutto ai di lei cugini, i fratelli Antoine ed Emmanuel Bibesco i quali, con Bertrand de Fénelon, erano i migliori amici di Proust. Il libro raccoglie varie missive scambiate tra i quattro amici (sebbene talvolta la principessa scambi lettere destinate ad Emmanuel con quelle del fratello e viceversa) atte a sottolineare il legame quasi morboso tra lo scrittore e i suoi tre amici, Proust, spesso costretto a letto, aveva “bisogno” del contatto con gli altri tre. Dalle descrizioni della principessa la cosa che maggiormente risalta è che Proust nel suo periodo “mondano”, ovvero prima di intraprendere la stesura della sua Opera, era apparentemente uno che si divertiva ad oziare e frequentare salotti, ma in realtà stava “registrando” ogni minimo particolare che avrebbe poi usato nello scrivere la Recherche; nella mente dello scrittore le varie persone che incontrava cominciavano a diventare i Guermantes, Saint Loup, i Verdurin e gli altri personaggi del suo capolavoro.

Scrivi una recensione