Al culmine della disperazione

Emil M. Cioran

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: C. Fantechi, F. Del Fabbro
Editore: Adelphi
Edizione: 2
Anno edizione: 1998
In commercio dal: 21 ottobre 1998
Pagine: 146 p.
  • EAN: 9788845914140
Salvato in 157 liste dei desideri

€ 13,60

€ 16,00
(-15%)

Punti Premium: 14

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Al culmine della disperazione

Emil M. Cioran

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Al culmine della disperazione

Emil M. Cioran

€ 16,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Al culmine della disperazione

Emil M. Cioran

€ 16,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

In questo libro, concepito come una "sfida al mondo", tutto è negazione della misura, violazione del limite, talora sino al paradosso; e tuttavia tra sangue, fuoco, risa demoniache, slanci lirici e interrogativi che sconfinano nell'iperbole, si insinuano osservazioni acutissime, sintesi taglienti che fanno intuire le future folgorazioni: sotto il ribollire di un magma denso di detriti letterari, sotto le esplosioni di un lirismo sfrenato già si colgono un piglio personalissimo, una mano sicura e impietosa.
3,6
di 5
Totale 10
5
4
4
2
3
1
2
2
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Marco

    24/02/2009 02:37:06

    Molto filosofico, sviscera in maniera straordinaria l'esistenza e l'essere uomini. Riflessioni di una linearità logica ineccepibile. Non è sbagliato il suo pensiero ma il suo approccio negativo alla vita.

  • User Icon

    Alessandro

    12/03/2008 09:59:37

    Cioran porta la disperazione a un culmine, quello, amletico, in cui si fa garrula, irride se stessa e sogna di indurci a credere che senza di lui, Cioran, non potremo pensare con l'innocenza d'un tempo. Vuole iniziarci alle profondità rivelate delle sue insonnie, agli abissi dei suoi dubbi, allontanando da noi l'impressione di essere tristi senza quell''how' che assilla il mercante di Venezia. Anzi, ci srotola sotto gl'occhi l''how', finendo per auspicare per sé, per gl'altri, un certo sistema di vita fondato sulla 'chiusura in se stessi'. Ma, per quanto sia geniale, quando perora la sua causa, Cioran è sempre inferiore a se stesso: dietro al suo disprezzo, al suo Nulla, si nasconde un'affermazione. Così Caraco. Come l'uomo del sottosuolo, il misantropo, Oblomov, Amleto, Andrej, il solitario di Ionesco, l'uomo difficile di Hofmannsthal, i personaggi di Bernhard, Cioran vive il "mondo" con angoscia, e dell'angoscia si fa cantore. Cioran è un prodotto del suo tempo, la modernità, ben incastonato nella temperie moderna (donde anche l'auspicio a contestualizzare il suo pensiero): l'aspirazione al nichilismo è sempre frustrata, la prostrazione nervosa - la disperazione - conduce alla negazione della modernità e all'affermazione di un'anti-modernità. Nel suo essere contro, prima non s'accorge, poi ammette che la panoplia delle negazioni conduce ad altrettante affermazioni. Gli è estraneo quel germe nichilistico nel Roquetin di Sartre: si può essere non-umanitari, e non soltanto umanitari o antiumanitari. Chi cova l'ambizione di fondare le sue opinioni sul greve presentimento che la vita non serve a nulla, può avere preferenze per sistemi di vita senza aprire gl'occhi all'immaginazione (nemmeno per sistemi fondati sull'inerzia, sul disimpegno, sul "Tu sei quel che pensi")? La maestà nichilistica di Stavrogin - cui Cioran non nasconde d'ispirarsi - non ha colore, bandiera, preferenza...

  • User Icon

    Federico

    23/10/2006 22:46:48

    Sì, invece si tratta proprio di avere orecchie per ascoltare buona musica, e nulla più. Cioran è uno dei crocevia fondamentali del secolo scorso. Questo non è il suo testo migliore (vedi piuttosto Sommario di decomposizione, La tentazione di esistere, Sillogismi dell'amarezza), ma di certo è il caso di scrollarsi di dosso molte delle sciocchezze scritte. Il qualunquismo e la superficialità infatti possono ottenebrare la vista, tanto da definirlo maccheronicamente come un misto di pessimismo ed esistenzialismo, misconoscendone in ciò l'assoluta originalità. Il febbrile lavoro contro la sua lingua madre, tappa necessaria per approdare allo stile lucido e bruciante della maturità, è un linguaggio che di untuoso e compiaciuto stimola solo le critiche più infelici. Ecco il risvolto del libro: "Il Cioran che a ventidue anni scrive, nella sua madrelingua «superbamente scomposta», Al culmine della disperazione è solo in apparenza diverso dal Cioran lucido e implacabile della maturità, che tesse il suo pensiero sul rigoroso ordito del francese. Tormentato dall’insonnia – il «disastro per eccellenza», il «nulla senza tregua» –, si getta a scrivere forsennatamente per ingannare le interminabili notti di veglia, che senza questa «esplosione salutare» lo spingerebbero al suicidio. Notturno Don Chisciotte, affronta i giganteschi mulini a vento dell’essere universale e dell’esistenza umana menando fendenti che annientano il comune e borghese sentire con un sarcasmo ignaro del correttivo dell’ironia. In questo libro concepito come una «sfida al mondo», tutto è negazione della misura, violazione del limite, sprofondamento nel paradosso. E chi lo legge può subito intendere le parole che Cioran, a distanza di decenni, gli dedicava: «Se c’è qualcosa di inspiegabile nella mia vita, è il fatto che sia riuscito a sopravvivere a tanta febbre, estasi, follia»". Dare un voto basso ad un testo del genere significa non aver mai letto i grandi della letteratura e del pensiero. Devastante sì, nell'accezione più positiva del termine.

  • User Icon

    Otrebor

    26/05/2006 23:27:01

    Scoperto per caso in libreria, mi si è aperto un mondo. Anzi mi si è chiuso il mondo. Quello delle attività, del dovere morale di essere sempre e comunque attivo ed esplicativo. Grazie alla lettura del tormentato 22enne Cioran, si può iniziare a far smettere tutto quanto, a serrare un colpo feroce al tempo, e a slanciarsi nell'eterno: godimento annoiato e passionale fino al parossismo grottesco. Da leggersi assieme a "Memorie dal sottosuolo" di Dostoevskij

  • User Icon

    federico

    03/04/2006 17:40:03

    Non si tratta di avere orecchie per ascoltare; si tratta, semmai, di avere qualche attitudine ad ascoltare buona musica, e non manierismi barocchi. Il pessimismo si esaurisce in chi lo formula (Leopardi), e piace tanto di più a chi non lo capisce, lasciando indifferente chi lo condivide. Cioran non dice nulla di nuovo, ripete, mescola e ripropone ovvietà nel suo stile untuoso e compiaciuto. Soprattutto, chiacchiere impressionate da spendere in società, questo è il nostro povero, insonne Emil.

  • User Icon

    Mantua me Genuit

    02/08/2005 16:52:04

    Non copmpratelo consigliatomi da un amico,rimastone folgorato, l'ho letto in una settimana e devo dire che ha tutte le caratteristiche del polpettone in cui si trattano molti temi in maniera superficiale dando risposte banali e qualunquiste. E' un misto di pessimismo leopardiano ed esistenzialismo alla Sartre,facendone ovviamente le dovute proporzioni;geni gli ultimi citati,mediocre l'autore del libro. Dare 5 ad un testo del genere significa non aver mai letto i grandi della letteratura.

  • User Icon

    Lucia

    13/07/2005 12:10:01

    Bello

  • User Icon

    Stefano Gili

    11/12/2003 14:03:59

    Alla luce di quello che altre persone scrivono di quest'opera, posso notare come la REALTA' spaventi e faccia male. Un libro non ha niente da dire a chi non ha orecchie per ascoltare....

  • User Icon

    Milena

    24/07/2003 00:13:44

    Sciovinista,maschilista,ottuso,senza talento e,quel che è peggio,senza nulla da dire. Devastante sì,nell'accezione più negativa del termine.

  • User Icon

    Stefano

    05/02/2002 15:21:56

    Un libro semplicemente devastante. Cioran è in grado, con la sua "coscienza lucida" di porre l'uomo di fronte ad uno specchio che riflette la sua reale condizione di prigioniero in un luogo che non gli appartiene. Egli indica un percorso a chi ha ancora al giorno d'oggi, il coraggio di mettere in gioco il perchè del proprio essere al mondo. Scrivere diviene per Cioran il rimedio contro un male di vivere che gli fa "desiderare la morte come una vacanza"...per noi, in un secolo bugiardo e fasullo, in un tempo d'angoscia e disperazione, leggere i suoi libri è diventato il rimedio...ci fa sentire meno soli di fronte all'assurdo.

Vedi tutte le 10 recensioni cliente
  • Emil M. Cioran Cover

    Emil M. Cioran (Rasinari, 8 aprile 1911 – Parigi, 20 giugno 1995) è stato un filosofo, saggista e aforista rumeno, tra i più influenti del XX secolo. Nato in Romania, dal 1933 al 1935 visse a Berlino, e dalla seconda guerra mondiale in avanti risiedette in Francia con lo status di apolide; scrisse i primi libri in lingua romena, ma dalla fine del conflitto scrisse sempre in francese. Vicino al pensiero esistenzialista, si distacca comunque dal movimento esistenzialista francese per la sua distanza ideologica dai principali esponenti quali Jean-Paul Sartre, Simone de Beauvoir e Albert Camus, rifiutando l'impegno politico attivo sul fronte progressista e condividendo la filosofia dell'assurdo del suo amico Eugène Ionesco, benché venata dal suo pessimismo radicale.... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali