DISPONIBILITA' IMMEDIATA

Al servizio di Adolf Hitler

V. S. Alexander

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Traduttore: Giulio Lupieri
Editore: Newton Compton
Formato: EPUB
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 333,13 KB
Pagine della versione a stampa: 348 p.
  • EAN: 9788822717375

26° nella classifica Bestseller di IBS Ebook eBook - Narrativa straniera - Di ambientazione storica

pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 5,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK
Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

All'inizio del 1943 i genitori di Magda Ritter inviano la loro figlia presso alcuni parenti in Baviera, sperando di tenerla al sicuro dalle bombe alleate che piovono su Berlino. Dalle giovani donne tedesche, in tempi così duri, ci si aspetta che facciano il loro dovere lavorando per il Reich e sposandosi per dare alla patria figli forti e in salute. Assegnata al rifugio di montagna di Hitler, solo dopo settimane di addestramento Martha scopre ciò che dovrà fare: sarà una delle giovani donne che assaggiano il cibo del Führer, offrendo la propria vita per evitargli di essere avvelenato. Così sperduto tra le montagne, il rifugio sembra lontanissimo dalla cruda realtà della guerra. Ma Magda, nonostante abbia cominciato ad abituarsi a quella pericolosa occupazione, non può fare a meno di accorgersi delle atrocità del reich e si trova sempre più invischiata in intrighi che metteranno alla prova la sua lealtà. In gioco ci sono la salvezza, la libertà e la vendetta.
2,42
di 5
Totale 4
5
1
4
0
3
1
2
1
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Sebastiano

    04/04/2018 19:54:54

    Bella la parte storica, scontatissima le vicende che riguardano Magda, Karl e Franz

  • User Icon

    monica

    22/02/2018 14:10:15

    se non si considera l'ambientazione storica si potrebbe definire un romanzo d'amore a lieto fine. lettura facile per nulla impegnativa, un lavoro di ricerca storica che vale il massimo dei voti ma non mi sento di definire il libro un capolavoro. il finale poi e' assurdo per questo non posso dare un voto maggiore.

  • User Icon

    carlotta pucci

    15/02/2018 10:37:04

    Il libro è passabile in tutta la parte documentaristica cioè quando rappresenta la vita e i luoghi in cui si muove la protagonista, dalla Berghof alla Tana del lupo, al campo di concentramento alla Berlino su cui incombono i Russi per finire al Bunker della Cancelleria. Dico solo passabile perchè non so quanto l'autore si sia documentato e quanto abbia lavorato di fantasia: ma alla fine del testo l'autore espone le sue fonti e una bibliografia che sembrano degne di rispetto.. Non va bene, invece, la parte romanzesca. La storia d'amore dei due protagonisti è fiacca e scontata. Il finale, poi, nel Bunker, è inutilmente grandguigolesco: non c'era nessun bisogno che Magda vi si inserisse a gamba tesa e con tanto di "predica"dato che lla situazione di per sè andava in una sola direzione...

  • User Icon

    Romolo Ricapito

    12/02/2018 21:52:40

    Ho acquistato questo romanzo con convinzione anche se poco prima ne era stato pubblicato uno italiano con lo stesso argomento e lo stesso titolo, o quasi. Infatti il titolo originale è "The Taster", l'assaggiatrice, mentre il romanzo italiano è le Assaggiatrici. Lo stile è sobrio, senza fronzoli ma efficace e mi è piaciuta la descrizione della gioventù tedesca al femminile che finisce a collaborare al servizio di Adolf Hitler. Attraverso la protagonista, Magda, apprendiamo molto del nazismo grazie alle ambientazioni e al materiale storico ricostruito. L''autore è un uomo ma a causa delle iniziali alla fine per uno svarione del traduttore si legge. note dell'autrice. L'innovazione della trama è la consapevolezza delle gerarchie tedesche al servizio di Hitler che il Fuhrer sia uno spavaldo imbonitore imbottito del nulla. Da qui la costruzione di attentati che furono veramente eseguiti pur se senza successo. La parte più bella è quella ambientata al Berghof, la casa di montagna di Hitler in Baviera. Affascinanti sono le vicende di Magda e l'amore per il soldato karl è raccontato senza sentimentalismi, ma è finalizzato al contesto.Buona anche la parte della descrizione della distruzione di Berlino e quella relativa al bunker di Hitler r.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente
| Vedi di più >
Note legali