L' alba di sangue. Il tramonto della luna. Vol. 3

Andrea Micalone

Editore: Narcissus.me
Testo in italiano
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
  • EAN: 9786050364682
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 1,99

Venduto e spedito da IBS

2 punti Premium

Scaricabile subito

Aggiungi al carrello Regala

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Descrizione
Tra sussulti provenienti da oscurità sotterranee dimenticate e stormi di uccelli in fuga verso oriente, l'ora dell'Orondrost è ormai giunta. L'apocalisse predetta da tutti gli antichi scritti sta per abbattersi sulle terre conosciute e gli eserciti del Norrendal cercano di compattarsi per l'ultima strenua difesa. Le fortezze sui valichi, dopo una silente attesa durata trecento anni, si preparano ad affrontare la prova più dura. La necessità di eleggere un Generale Unificato è stringente, ma strane alleanze politiche cominciano a palesarsi, mettendo in dubbio i vecchi ordini. La coalizione tra la famiglia regnante nanica, i Taflir, e il Generale elfico Belerar Lidrall, autore di atroci atti di sangue durante la guerra civile di Killingar, costringe Enestar e i suoi compagni a scontrarsi con difficoltà inattese.Intanto Gothar Marg, il Principe Alamurro deciso a rivelare l'identità della Mente, prosegue la propria indagine in sinistre dimore colme di effluvi alchemici e saloni aristocratici dove gli intrighi si addensano.I rapporti tra i regni del Norrendal diventano sempre più tesi, le alleanze si indeboliscono e nuovi oscuri personaggi si rivelano per ottenere il potere. Se dopo il "Tramonto della Luna" sorgesse un nuovo giorno, sarebbe soltanto un'alba di sangue.L'atteso Terzo Volume della saga fantasy che ha conquistato centinaia di lettori è arrivato! "Quando giungerà l'ultima ora, le antiche tenebre invaderanno il mondo e si riprenderanno ciò che è loro. La notte sarà priva di luce e i vivi rimpiangeranno di non essere morti."