Categorie

Sahar Delijani

Traduttore: F. Aceto
Editore: Rizzoli
Collana: Rizzoli best
Anno edizione: 2013
Pagine: 358 p. , Rilegato
  • EAN: 9788817065788

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    alessandro

    22/09/2015 09.03.20

    Bastano tre parole: lento, lento, lento. Mi dispiace ma per quanto l'autrice si prodighi in splendide descrizioni di luoghi, personaggi e circostanze non è possibile che ci vogliano quattro pagine per raccontare che il protagonista si sveglia e si alza dal letto, tanto per fare un esempio. Sul tema della rivoluzione poi non trovo nulla assolutamente di nuovo: poche emozioni, nessuna curiosità o evento capace di farti rimanere incollato alla lettura. Mi dispiace dare un giudizio quasi completamente negativo perchè è evidente che la scrittrice è molto brava ma il contenuto non è all'altezza. Per chi volesse conoscere o approfondire l'Iran pre e post rivoluzione consiglio ben altri testi (Ebadi, Nemat, Saberi, Moaveni per citarne alcuni...)

  • User Icon

    Mariflo

    01/08/2014 15.03.23

    Il grande merito di questo libro è quello di richiamare l'attenzione sulla storia recente dell'Iran, dalla seconda metà degli anni 80 ai giorni nostri. Gli sforzi e la ribellione di un popoli, di giovani soprattutto, assettati di democrazia e libertà e, dall'altra, di un regime duro e integralista. In questo contesto si muovono tutta una serie di personaggi variamente legati tra di loro e accomunati dal ricordo di una jacaranda. Ciò che non mi è piaciuto è lo stile della narrazione, spesso lento e dispersivo, incapace, talvolta, anche di richiamare i legami tra i vari personaggi. Comunque consigliato.

  • User Icon

    Lorso57

    27/10/2013 22.00.30

    Un drammatico resoconto di quanto succedeva in Iran dopo la rivoluzione islamica. Migliaia di persone che avevano accolto con favore il cambio di regime si resero conto ben presto di avere a che fare con una delle moderne incarnazioni del Male, i famigerati Guardiani della Rivoluzione che misero a morte migliaia di persone che la pensavano diversamente da loro. A tratti lento nell'esposizione, a tratti estremamente toccante come nel racconto della detenzione e del parto in carcere, questo romanzo ha comunque un grande valore di testimonianza perchè narra i drammi famigliari, le vite spezzate e a volte riannodate, le perdite, i rimpianti di famiglie intere precipitate nel buio assoluto della rivoluzione islamica. Interessante.

Scrivi una recensione