Categorie

Nick Hornby

Traduttore: L. Noulian
Editore: Guanda
Anno edizione: 2015
Pagine: 263 p., Brossura
  • EAN: 9788823512665
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Maunakea

    31/10/2006 07.43.03

    Che dire ? High Fidelity del 1995 oramai è un cult, sicuramente piu' il libro del film (2000 di Stephen Frears con John Cusack, pur non essendo una malvagia trasposizione). E' difficle approcciarsi ad un cult dicendo carino, mi è piaciuto, oppure mah insomma... eppure viene ugualmente di dire la propria opinione su un successo meritato o meno. Intanto credo che avendolo letto in italiano bisogna "prendere con le pize" certe espressioni che possono sembrare cadute di tono ma che magari sono dovute solo alla traduzione, il libro è molto coinvolgente, ammenoche' di musica non si mastichi meno di zero non puo' risultare noioso. Io lo consiglio, ma comunque appartiene già alla categoria die libri che "vanno letti" o regalati se se ne conosce la mancanza.

  • User Icon

    rino

    23/06/2006 11.44.50

    scritto bene, si prova una grande simpatia per i personaggi ma..non mi dice niente di nuovo,forse pechè mentre leggevo respiravo l'atmosfera di "clerks"(il film)...non mi ha fatto sognare, non mi ha fatto ridere, non mi ha fatto piangere, mi ha divertito si, ma senza trascinarmi. non so, non mi sembra un capolavoro, godibile, leggibile, ma non un grande romanzo

  • User Icon

    Sergio Ditrani

    03/03/2006 16.17.09

    Hornby coglie con precisione stati d’animo , pensieri e disillusioni di una generazione e di un’età (intorno ai trent’anni) che determina necessariamente maggiori responsabilità nelle scelte e nella valutazione di chi si è di cosa si vuol fare. Rob, il protagonista , lasciato dalla ragazza(Laura) si trova a fare i conti con se stesso, tormentato da pensieri sulla sua vita, sul dover affrontare questa perdita e tutto ciò che ne è contestualmente connesso. Così la gelosia, le nuove conoscenze, la sua Londra lo portano inevitabilmente ad affrontare pensieri che coinvolgono anche il lettore. Rob rivede il passato per capire il presente e tra le tante riflessioni si iniziano a vedere crepe nelle sue solide vecchie certezze. Le vicende si susseguono …..Hornby coglie nel segno…..l’ansia del protagonista si somma così a quella del lettore.Il finale? Sorprendente. Laura non ha la forza di affrontare tutto ciò che comporta la separazione da Rob e ripartire senza di lui(…è troppo faticoso); Rob che le chiede di sposarla per avere finalmente, col matrimonio, la libertà di non dover fuggire ………motivi dagli evidenti aspetti patologici , assolutamente non “sani” ma necessari espedienti per rincontrarsi e costruire una relazione non sulle stesse basi della precedente. I meccanismi sono diversi e da un’atmosfera che fa presagire al peggio, rendendo il lettore evidentemente sfiduciato, si rimane sorpresi nel vedere come in un attimo, quando meno te l’aspetti tutto può cambiare. Rob, i suoi amici e colleghi di lavoro, Laura sono figure fortemente caratterizzate e che non danno l’idea di poter essere scalfite da nessuna contaminazone o possibilità di cambiamento. Il lettore chiude il libro dopo che nelle ultime pagine, vorticosamente e con un espressione di incredulo entusiasmo osserva che tutti si riscoprono diversi da quello che sono stati fino ad allora e vivono il cambiamento come evento naturale …….. come tutti i reali cambiamenti, ce ne si accorge quando sono già avvenuti. Leggete questo libro e……..fatelo vostro.

  • User Icon

    Nicco

    03/11/2005 18.25.10

    Ho portato con me' questo libro nel mio recente viaggio "on the road" in Florida, e insieme all'immancabile Ipod l'ho letteralmente divorato nel giro di 6 giorni.. Qual'e' la colonna sonora della nostra vita? cosa significano le canzoni? stati d'animo, parole non dette, ricordi, paure... Tutto sacrosantamente VERO.. Uno di quei libri in cui vivi i personaggi come amici e sai gia' come agiranno, perche' e' come se li conoscessi da sempre. Finita l'ultima riga avrei voluto ricominciare da capo...e continuo a farlo adesso il finale e' un po' scarno, ma non privo di significato.. A questo punto mi chiedo(dopo aver letto anche "un ragazzo"): Ma l'impersonificarsi al 99% in ogni libro di Hornby e' un chiaro sintomo della sindrome di Peter Pan?? Ma Marie?? poteva durare un po' di piu'??

  • User Icon

    isa

    10/10/2005 17.51.58

    ho appena chiuso il libro.. quindi devo ancora ruminare e masticare i significati e i significanti che lo contraddistinguono... In generale mi è piaciuto ma vorrei dare le mie sensazioni a caldo... trama molto appetibile ma il finale mi ha lasciata un po' perplessa. Rob alla fine cambia per Laura ma tutto quello in cui crede dove va a finire? mi sembra un finale accomodante...anche se segno di una crescita e di una maturazione.. ci devo pensare... qualcuno di voi ha mai letto per curiosità o per qualche altro motivo uno dei due libri di Fabio Volo? non trovate che abbia preso parecchi spunti da questo libro?

  • User Icon

    millio

    30/07/2005 18.42.28

    La prima volta che mi è capitato di leggere la mia autobiografia ideale. Un libro per me fondamentale.

  • User Icon

    roberta

    19/07/2005 17.35.10

    uno dei libri più belli che abbia mai letto!!

  • User Icon

    mabus

    25/11/2004 23.33.15

    fantastico. leggere alta fedeltà è stato come leggere la 'mia' autobiografia ideale. dentro i miei sogni dall'inizio alla fine. l'ho letto 5 volte e per 5 volte ho riso,ho pianto ,ma ho sopratutto sognato sognato sognato.per me un libro imperdibile,un 'must' per tutti i trentenni o giù di lì.

  • User Icon

    MATTEO

    22/11/2004 18.41.44

    PENSO CHE QUESTO LIBRO SIA SEMPLICEMENTE FANTASTICO,SARò MANIACALE MA L'HO LETTO GIà SETTE VOLTE,ED OGNI VOLTA TROVO UNO SPUNTO DIVERSO SU CUI RIFLETTERE.GRANDE

  • User Icon

    Eva

    01/11/2003 18.55.17

    Il modo di scrivere di Hornby merita tutte le ore di mancato sonno che si impiegano per finire il libro...non riesci a staccartene anche se la mattina dopo devi andare a lavorare alle 5... E' profondamente triste il motivo per cui due trentenni decidono di ricominciare la loro storia...eppure è il motivo della maggior parte delle coppie di quest'età che vivono insieme...inerzia, pigrizia...e Hornby ha reso bene il tutto con ironia e un filo d'amarezza che sa tanto di verità...

  • User Icon

    fabio

    25/08/2003 10.19.37

    Un libro un pò banale e dal finale molto scialbo

  • User Icon

    angela166@interfree.it

    03/07/2003 11.46.45

    Avete tra i trentacinque e i quarant'anni? Avete alle spalle numerose delusioni sentimentali? Amate la musica? Vi sentite ad un bivio? Sentite il bisogno di mettere ordine in voi stessi? Allora non potete perdervi Alta fedeltà di Nick Hornby. Narra, con un stile asciutto, fresco, moderno, ironico ma allo stesso tempo amaro, commovente ma anche divertente, le vicende di un trentenne inglese, Rob, appassionato di musica, ex dj che per tirare avanti gestisce uno pseudo negozio di musica. Rob è un eterno adolescente che non vuole ammettere di essere diventato grande, non vuole crescere. Anche il modo in cui gestisce il suo negozio di musica, è più un hobby che un lavoro vero e proprio. Proprio non riesce a fare diversamente anche se poi prova invidia per chi ha un lavoro stabile, sicuro, una vita da persona matura. "... la notte, faccio di quei sogni che non sono veramente sogni, ma solo un guazzabuglio in cui Laura scopa con Ray, e Marco con Charlie, e sono felice di svegliarmi nel cuore della notte, perché questo significa interrompere il sogno. Ma il piacere dura solo pochi istanti e subito ricolo a picco: da qualche parte Laura davvero sta scopando con Ray (magari non proprio in questo momento, perché sono le 3.56, benché lui, col suo vigore - la sua incapacità a raggiungere l'orgasmo, ah ah - ne sarebbe capacissimo), e io sono qui, in questo piccolo stupido appartamento, da solo, e ho trentacinque anni, e ho un buco di negozio che non va certo a gonfie vele, e i miei amici non mi sembrano affatto degli amici, bensì gente di cui per caso non ho perso il numero di telefono. E se mi rimettessi a dormire e dormissi per quarant'anni e mi svegliassi senza denti, al suono di qualche vecchio successo di musica leggera trasmesso da Melody Radio, in un ospizio per vecchi, non me ne importerebbe più di tanto, perché il peggio della vita, cioè quello che ancora mi resta, sarebbe già passato. E non dovrei nemmeno fare fatica di ammazzarmi. La vita attraverso storie di sentimenti e di sesso. Dalla prima cotta platonica alla s

  • User Icon

    pat

    12/01/2003 17.05.57

    HORNBY??1 MAESTRO!!!

  • User Icon

    Blixa Bargeld

    11/03/2002 18.04.48

    La storia di un "Mittel-trentenne" in crisi che conduce una vita comune(quasi banale) redigendo classifiche di donne, delusioni amorose, gruppi, film, ecc. Se il racconto si svolgesse a Milano, un romanzo del genere non se lo filerebbe nessuno. Buona scorrevolezza, lo si legge che è un piacere.

  • User Icon

    laura

    08/01/2002 18.04.29

    Come si puo' non apprezzare la grande ironia e lo humour di matrice britannica, di Hornby? La scrittura e' piacevole, scorrevle, cinematografica, vivida... E poi il punto di vista! Pensavo fosse un libro maschile, scritto da un uomo per un pubblico di uomini ma non mi vergogno ad ammettere che mi sono immedesimata piu' volte in Rob. Il modo di vivere l'amore ed i sentimenti sono forse comuni ad uomini e donne?

  • User Icon

    Luca

    23/12/2001 11.38.51

    Libro nel complesso noiso e poco entusiasmante. L'unico tocco di vera simpatia ed originalità è Barry, l'amico del protagonista. Concordo nell'inserire gli U2 nelle band da uccidere se si scatenasse la rivoluzione musicale.

  • User Icon

    Giames

    29/11/2001 02.32.39

    L'unico romanzo di Hornby veramente indimenticabile. Fresco e generoso, anche se borghesemente snob. Ma il mister è un ragazzo che sa innamorarsi. Mica come quel merluzzo di Houellebecq.

  • User Icon

    andrea

    17/11/2001 14.12.02

    Bravo Nick! Sei riuscito a fermare sulla carta quello che tutti noi pensiamo, ma non abbiamo mai il tempo di redigere, aggiungendo un po' di musica (ognuno di noi ha le sue canzoni e le sue classifiche). Oggi vince chi riesce a trarre dal quotidiano pillole di saggezza, buon senso e ... il niente! Complimenti comunque, la stoffa c'è, manca solo un po' di contenuto.

  • User Icon

    Ivan

    22/07/2001 04.29.54

    Stupendo! Grande Nick!!! Un libro che ti lascia senza fiato. Ti far venir voglia di ascoltare i tuoi CD preferiti. Grande “storia d’amore”!!! La verità di noi che Nick mette a nudo è incredibile. Mi sono piaciuti molto i personaggi dei suoi colleghi che rappresentano un po’ le due sfaccettature della personalità di Rob. Da leggere e rileggere con della buona musica in sottofondo.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione