Categorie

David H. Lawrence

Traduttore: A. Dell'Orto
Collana: I grandi romanzi
Anno edizione: 2007
Formato: Tascabile
Pagine: 448 p. , Brossura
  • EAN: 9788817017985

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Roberto Agostini

    26/11/2014 15.04.39

    Il contatto della protagonista, Constance 'Connie' lady Chatterley, con il guardacaccia Oliver Mellors, trentasettenne del popolo, di dieci anni maggiore della nobildonna allevata in Scozia e all'estero nel culto dell'arte e della libertà, avviene nel bosco circondato dalla desolazione delle Midlands minerarie e fumiganti ("ferro e carbone distruggono l'anima": e il denaro!). L'ambiente riverbera il vuoto ma anche il centro potenziale di una bellezza naturale e spontanea sofferente il matrimonio con il baronetto Clifford, tornato dalla Grande Guerra "scempiato" sulla carrozzella: lei cercherà prima del tradimento una relazione spirituale, ma il marito, scrittore alla moda, è solo in cerca di successo, ostentando superiorità sopra i villaggi operai che ne circondano la tenuta. È il nucleo politico del romanzo, la generazione e la società (upper e lower, pur divise dal potere) che Lawrence inquadra nella crisi post-bellica, incapaci di credere in valori diversi, già nei denti dell'industrialesimo meccanizzato, massificante. Qui si leva la difficoltosa modernità emblematizzata dalla passione di Connie e Mellors, che provano controcorrente un'alternativa per l'uomo e la donna nel corpo realizzato, nel piacere della comprensione sessuale, la fiducia istintuale come ricostruzione. Lawrence, dalla sensibilità femminile ed ecologica anche in quest'ultimo romanzo, bandito in Inghilterra dal 1928, anno di pubblicazione, al 1960 nel moltiplicarsi di edizioni pirata, porta all'estremo le sue profezie: i costumi si alterano sprigionando demolizioni e contraddizioni. Connie e Oliver: l'utopia della liberazione nella solitudine. Ma i nemici si annidano nel sentimentalismo, nella soddisfazione materiale, nelle confusioni su corpo e spirito, fra istinto e intelletto, possesso e mutamento: la tradizione occidentale che il consumismo non sa sciogliere, e oggi inflazionata. "La democrazia di contatto invece della democrazia di denari": è il voto, la suggestione di questo libro potente.

Scrivi una recensione