Ambient Music (Limited Edition) - Vinile LP di Riccardo Sinigaglia

Ambient Music (Limited Edition)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Soave
  • EAN: 8055323521741
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 28,90

Punti Premium: 29

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 24,50 €)

Limited Vinyl Edition
Futuro Antico, l'affascinante collaborazione di Riccardo Sinigaglia con Walter Maioli e Gabin Dabirè ha evocato nel suo nome l'incantesimo di testimoniare contemporaneamente passato e futuro. Ambient Music, il primo lavoro da solista di Riccardo Sinigaglia - registrato nel Dic. 1984 e originariamente uscito solo in cassetta nel 1985 - alla fine offre quell'idea, incarnando diverse scadenze inconciliabili non solo nel nome. I suoni delle due performance - "Watertube" e "Ringspiel" - sembrano come se arrivassero da un passato che abbiamo grande difficoltà a riconoscerci e immaginarci mentre contemporaneamente lavoriamo come una proiezione di un futuro che è allo stesso tempo la nostra contemporaneità, ma che lo supera anche.
"Watertube" inizia come un soundscape Ambient basato su synth e su nastro magnetico che aggiunge lentamente un pianoforte preparato che alla fine compete per l'udibilità con una frase che evoca il watertube titolato, trattato, avvolto e accatastato mentre cambia fase producendo un poliritmia affollata che gorgoglia e bolle in modo asincrono, avvicinandosi ma senza mai infrangersi nel caos. È una strana versione della discrezione obliqua di Eno apparentemente sopraffatta dalla perversità di un modello stereichiano che cambia forma, ma nel momento in cui il primo sta per essere sopraffatto, la composizione inizia una lenta recessione verso il sistema da cui è originata. "Ringspiel" è un affare più giocoso ma deformato, un'ecologia complessa piuttosto che una semplice economia di suoni. Aprendosi con una melodia stravagante, apparentemente suonata su un pianoforte giocattolo preparato, lascia il posto a un loop di nastro punteggiato in tutto il resto del brano da singoli suoni le cui origini rimangono incerte. Questi producono melodie sparse che sottolineano un minimalismo basato su Elettronica con un cuore sintetico che nondimeno mette in mostra un nucleo pulsante, umido, fibroso che batte con la vita organica. Finisce non nella bizzarria iniziale ma nel frammentare frammenti di suoni percussivi.
Un disco fondamentale per gli amanti del minimalismo italiano, disponibili per la prima volta in LP in edizione limitata.
Disco 1
1
Watertube
2
Ringspiel
  • Riccardo Sinigaglia Cover

    Insieme al fratello Daniele Sinigallia, da sempre si è dedicato alla ricerca musicale e all’approfondimento del rapporto con le parole. Co-firma e produce alcuni successi della recente storia musicale italiana come “Due destini” e “La descrizione di un attimo” per i Tiromancino, “Vento d’estate” e “Lasciarsi un giorno a Roma” di Niccolò Fabi o “Cara Valentina” per Max Gazzè, o come l’album “Non erano fiori” di Coez, contribuendo significativamente alla popolarità della scena romana dagli anni ’90 fino ad oggi.Si è anche dedicato alla composizione di colonne sonore per film e documentari come, per esempio, “Paz” e “I cento giorni di mafia capitale”.Dall’ultimo... Approfondisci
Note legali