Categorie

Franz Kafka

Curatore: U. Gandini
Editore: Feltrinelli
Edizione: 2
Anno edizione: 2008
Formato: Tascabile
Pagine: 297 p. , Brossura
  • EAN: 9788807821301

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nino Amico

    18/02/2014 16.39.07

    “Il disperso”, titolo originario del primo romanzo incompiuto di Kafka scritto fra il 1911 e il 1914 e pubblicato postumo nel 1927 da Max Brod, l'amico ed esecutore testamentario di Kafka che cambiò anche il titolo dell'opera facendolo diventare “America”, è definito il suo romanzo giovanile. Si tratta però di un'opera già molto matura nel percorso letterario dell'autore poiché vi traspare nitidamente la grande forza narrativa di Kafka e la sua capacità di creare figure ricche di costrutto, attorno alle quali ruotano i temi cari all'autore praghese, come la solitudine, il senso di sconfitta, il desiderio di comprensione e di giustizia. Alcuni capitoli sono davvero straordinari, in particolare, a mio avviso, quello che porta il titolo di "Hotel Occidental", ove il protagonista, Karl Rossman, lavora come ragazzo degli ascensori presso un grande albergo, caotico e pieno di vita. In questo capitolo risaltano i bellissimi dialoghi attraverso i quali Karl deve difendersi dalle ingiuste accuse del capocameriere e da quelle del capoportiere. Altro capitolo di grande risalto nella narrazione è quello dove è presente il personaggio di Brunelda, ove risalta in maniera straordinaria l'episodio del comizio elettorale osservato dai protagonisti sul balcone di casa. Chiude il romanzo un altro splendido capitolo che Max Brod intitolò “Il teatro naturale di Oklahoma”, dove si rendono chiari i propositi dell'autore di scrivere un finale positivo e pieno di buoni propositi. Nonostante il finale incompiuto il romanzo è senza dubbio il più ottimista dell'autore, privo quasi del tutto di quel senso di profonda angoscia interiore, di smarrimento e di ineffabile sconforto che traspare in maniera più evidente nelle opere successive.

  • User Icon

    FRANCESCO

    09/10/2008 00.24.29

    LE MIRABOLANTI PERIPEZIE DI KARL ROSSMANN PROEITTATO COATTIVAMENTE SUL SUOLO AMERICANO,IN CERCA DI FORTUNA.TROVERA'STRADE SENZA USCITA.LA STORIA DI KARL E'L'EPICA DEL ROVESCIAMENTO DEI VALORI,DELLA DIGNITA' CALPESTATA,DELL'UOMO CHE PERCORRE OBTORTO COLLO ALL'INDIETRO LA GERARCHIA SOCIALE.E' VITTIMA INCONSAPEVOLE DEL DEGRADO CHE LO CIRCONDA.SI BATTE PER I DIRITTI DEI PIU' DEBOLI ALL'INIZIO,IL DESTINO BEFFARDO GLI FA BALENARE IL MIRAGGIO DI UNA VITA AMMANTATA DI PATINA RUFFIANA ED INGANNEVOLE,IL FINTO BENESSERE OFFERTO DALLO ZIO JAKOB,PERSONA LA CUI RIGIDITA' SFIORA IL PAROSSISMO.IL DESTINO SI FA BEFFE DI KARL.PER UN CURIOSO INTRECCIO SATANICO VIENE SCARICATO DALLO ZIO E LASCIATO IN BALIA DEI FLUTTI.NON FARA' ALTRO CHE CACCIARSI NEI GUAI ,INCONTRA PESSIMI INDIVIDUI SULLA STRADA.FINANCO CHI LO AIUTA MUTA PARERE IN MODO DEL TUTTO INASPETTATO.SUBISCE L'ONTA DELLA PERSECUZIONE DELLA STRADA AD OPERA DI DUE SQUALLIDI SGHERRI OCCASIONALMENTE CAPITATIGLI A TIRO (CHE PURE LUI HA SEMPRE TRATTATO CON I GUANTI)L'UMILIAZIONE DI INFAMANTI CALUNNIE ALLESTITE A SUO DANNO DAL CAPOPORTIERE E DAL CAMERIERE CAPO DELL'HOTEL OCCIDENTAL,LA VIOLENZA FISICA DEL POTERE DISCIPLINARE DI CUI I LESTOFANTI DELLA DIREZIONE ALBERGHIERA PROFITTANO SUBDOLAMENTE.INOLTRE,LA VIOLENZA ISTERICA DELLA VIRAGO VIZIATA DELL'HIGH SOCIETY,KLARA CON IL FIDANZATO A CASA,CONCENTRATO DI FARISASIMO IPOCRITA.GLI AMICI DELLO ZIO:CHE PERSONE SQUALLIDE.EGOISTI,CINICI,MOLESTATORI CHE LO SBATTONO IN MEZZO ALLA STRADA SU DUE PIEDI...NOTEVOLE IL SUO SCATTO DI ORGOGLIO APPENA HA CAPITO LA PANTOMIMA :E' FIDANZATA ,BISOGNA ANDARSENE ,TORNARE DALLO ZIO.GLIELO IMPEDISCONO.DI NOTEVOLE SPESSORE IN QUANTO ILLUSTRA ALLA PERFEZIONE L'EGOISMO PERICOLOSO DI OGNI ANGOLO DI MONDO CAPITALISTICO,LA STORIA DELLA SOFFERENZE ON THE ROAD DELLA MADRE DI THERESE,ABBANDONATA AL SUO DESTINO DI POVERA DERELITTA DALLA INDICIBILE INSENSIBILITA' DELLA POPOLAZIONE.ROMANZO SENZA TEMPO,POTREBBE ESSERE STATO SCRITTO ANZICHE' NEL 1911,NEL 1967,NON CE NE SAREMMO ACCORTI.SEBBENE INCOMPIUTO,CAPOLAVORO.

Scrivi una recensione