Categorie

Elena Ferrante

Editore: E/O
Collana: Dal mondo
Anno edizione: 2011
Pagine: 400 p.

11 ° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Moderna e contemporanea (dopo il 1945)

  • EAN: 9788866320326


Non c’è lampada che si possa strofinare abbastanza da farne uscire un’amica vera, neppure se questa è un’amica geniale.

Anche andare da Don Achille era proibito, ma lei decise di farlo ugualmente e io le andai dietro. Anzi, fu in quell'occasione che mi convinsi che niente potesse fermarla, e che anzi ogni sua disobbedienza avesse sbocchi che per la meraviglia toglievano il fiato.

Elena Greco – detta Lenuccia – e Raffaella – per tutti Lina , ma per l’amica sarà sempre Lila - lo sanno bene, ed è per questo che l’una si tiene stretta all’altra lungo tutto il corso di una vita.
E le due vite partono parallele, in un rione popolare della Napoli degli anni cinquanta, per poi proseguire lungo traiettorie distinte, inscritte nelle contingenze e nelle scelte dettate da due caratteri diversi. Elena, la cui voce ci narra la vicenda, la prende alla lontana, e comincia a raccontare sin dall’infanzia e da quei giorni di scuola in cui la maestra tributa continui omaggi all’intelligenza e alla bravura di Lila, bambina alla quale tutto sembra venir facile, spontaneo.
Nella luce di questa sua amica geniale, anticonformista, dall’intelligenza brillante e dal carattere inquieto e selvatico, Elena vive e cresce. Fuori dalla classe, lontano dai banchi, il mondo è dominato da figure maschili sanguigne, iraconde, temibili. Come quella di Don Achille, babau di cui si favoleggiano gesta crudeli e mitologiche, uomo che vive in un apartamento in cima alla rampa di scale più tetra che ci sia: una rampa che un giorno Lenuccia e Lila si daranno reciprocamente coraggio di salire.
Sono i gesti come questi, o le scorribande finite a sassaiole contro le bande di ragazzi, che consolidano e rendono speciale giorno dopo giorno l’amicizia delle due bambine.

Un’amicizia, appunto, più forte di ogni differenza, e che anzi proprio dalle differenze trae sostentamento e si rafforza. Anche quando Lila è costretta a lasciare gli studi, per i quali era tanto portata, e avviarsi verso le pastoie di un fidanzamento che certamente le andrà stretto, mentre Lenuccia avrà la possibilità di affrancarsi attraverso lo studio dalle miserie cui la sua condizione la condannerebbe.
Il romanzo comincia con la scomparsa di Lila, avvenuta attorno ai settant’anni di età, che spinge Elena a mettersi sulle tracce dell’amica e a ripercorrere, a tutto beneficio del lettore, la storia che le ha unite.
Vividissima è la descrizione della Napoli degli anni cinquanta e alle soglie del boom economico, colta soprattutto nelle luci e negli odori dei quartieri più popolari, e teatro dell’infanzia delle due amiche. Una macondo violenta e meravigliosa per sopravvivere nella quale è necessario vestirsi di una corazza ben spessa, a dispetto delle tenerezze che si possono covare in petto.
E poi, più avanti nel tempo, assistiamo in filigrana all’affermarsi di un costume maligno che – lo intuiamo – degenererà nelle forme criminali della camorra, frutto terribile di quella stessa attitudine.

Il romanzo, pur compiuto e leggibile come storia a sé stante, s’interrompe sulla soglia dei sedici anni di Lenuccia e Lila, per darci appuntamento fra qualche mese, con la seconda puntata di questa saga, che si preannuncia lunga. Ma chi è Elena Ferrante? L’autrice di “L’amore molesto” è elusiva al punto da aver alimentato un mistero duraturo e coinvolgente nella comunità dei lettori. Goffredo Fofi, che disse un gran bene della prima prova narrativa di Ferrante, è fra coloro che sono stati sospettati di essere la penna dissimulata da uno pseudonimo.
A riprova di questo, è stato fatto notare come le poche interviste realizzate con Ferrante siano praticamente tutte opera di Fofi.
Ma la cospirazione più accreditata è quella che vorrebbe che Elena Ferrante sia in realtà Domenico Starnone. Un’autrice elusiva, irrintracciabile (e forse non è un caso che l’ultimo dei tre libri di cui si compone “Autobiografia erotica di Aristide Gambia” s’intitoli proprio “Le irrintracciabili”). Se non è Starnone, si è anche detto, è senz’altro sua moglie, Anita Raja, traduttrice e consulente editoriale della casa E/O, per la quale Ferrante pubblica. Il mistero s’infittisce, perché autorevoli critici si sono spesi a cercare al passino sottile alcune analogie stilistiche fra alcuni passaggi nei libri di Starnone (in particolare “Via Gemito”) e altri presenti nei titoli di Ferrante. Nessuno di questi investigatori, a dire il vero, se n’è uscito finora con quella che può essere considerata una “pistola fumante”, e anzi è lo stesso Starnone a smentire seccamente, nel suo ultimo libro, la veridicità delle affermazioni fatte da critici e sedicenti investigatori letterari. Ma tant’è: vita e letteratura sono anch’esse amiche geniali, e confondono talvolta i propri limiti sfumando reciprocamente l’una nell’altra.

A cura di Wuz.it

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alessandra R.

    23/11/2016 17.39.24

    Consigliato caldamente da un'amica, l'ho letto lo scorso anno tutto in un fiato, non riuscivo a staccarmi, dovevo sapere cosa succedeva alle due protagoniste. Scritto veramente bene, coinvolgente, si entra nella storia come se fosse la propria (e ognuno riconosce un po' di se' stesso in una delle due protagoniste). Bell'affresco anche dal punto di vista storico. Grande Ferrante, chiunque tu sia.

  • User Icon

    daniela

    21/11/2016 10.11.43

    ho comprato questo libro dopo aver letto recensioni entusiastiche ... forse non sono entrata nello spirito del racconto, ma io ho fatto una fatica incredibile a finirlo, troppo pesante ... Non mi è piaciuto.

  • User Icon

    Roberta

    10/11/2016 14.50.40

    Leggere recensioni con meno di quattro stelline mi lascia perplessa e quasi dispiaciuta. A me ha fatto impazzire, mi ha fatto restare incollata alle pagine fino alla fine del quarto e ultimo volume, mi ha fatto riflettere, mi ha smosso internamente, ha tirato fuori a forza questioni accantonate del mio essere. L'autrice (o autore?) ha una capacità di evocazione pazzesca, descrive a parole stati d'animo che credevo impossibile poter descrivere o condividere.. Capolavoro

  • User Icon

    alessia

    20/10/2016 07.30.12

    In una Napoli che arriva al lettore come un pugno allo stomaco si svolgono le vite delle due protagoniste vive e intense. La scrittura é trascinante ogni personaggio non viene descritto banalmente, ma tracimato e definito pagina dopo pagina, scompare e ricompare e via via scopre la sua natura i suoi controsensi. É facile ritrovare aspetti della vita di ognuno di noi ha tastato, intravisto...anche se non ha necessariamente abitato a Napoli!! La forza del romanzo, oltre che la trama, é la forza dei sentimenti che emergono: Soffocati,mutanti, amicizie mai prive di ambivalenze, amorini che si rivelano bisogni. Un romanzo unico, da consigliare!

  • User Icon

    Valentina

    10/10/2016 19.36.54

    Lascio qui un commento che però vale per l'intera tetralogia: è un capolavoro. E' difficile spiegarsi in poche righe, io stessa sono rimasta sorpresa dalla potenza incalzante di quelle pagine e sono certa che queste mie poche parole non rendano la bellezza infinita di tutta l'opera. E' un saper empatizzare profondamente e verbalizzare. E' un saper lavorare con le immagini come riesce a pochi. E' sì un romanzo, ma nel suo significato di opera poetica.

  • User Icon

    ampa

    07/10/2016 17.21.58

    La storia è semplice ma ben articolata, densa di emozioni e ben ambientata nel contesto storico e geografico. Lascia la curiosità di leggere il secondo volume.

  • User Icon

    Guglielmo

    03/10/2016 19.48.44

    Libro mediocre assai (mi ricorda la tanto vituperata Carolina Invernizio) di uno scrittore o scrittrice che se ha scritto questo libro può solo essere mediocre. Due domande: 1) forse è per questo che si firma con uno pseudonimo? 2) Che importanza ha chi sia in realtà?

  • User Icon

    Sofia

    10/09/2016 11.52.45

    Io leggo delle recensioni che mi rendono basita.. Secondo me questo libro e quelli a lui legati sono bellissimi, scritti in un modo che ti immagini tutte le scene e ti sembra viverle con le protagoniste. Tutto molto fluido .. Io me li sono letteralmente " mangiata" in qualche settimana. Stupendo. Se è famoso ormai in tutto il mondo un motivo ci sarà ! Ed è primo,in classifica in molti paesi.. In America si parla della Febbre della Ferrante!

  • User Icon

    luro62

    26/06/2016 16.34.28

    Ho letto il libro fino alla fine. Che ha vissuto in meridione negli anni 50 e 60'riconosce gli atteggiamenti, i pensieri le storie. Essere a vicino al mare e non andarci non era strano in tanti posti. Non c'era tempo. L'Amica Geniale sembra che sia Lila in quanto con cervello superiore. Quei cervelli che apprendono subito, comprendono particolari che altri non vedono. Mentre e' chiamata cosi' Lenu che in sostanza una che studia molto. C' e' la storia del riscatto sociale con lo studio. (All' epoca era una strada, ora non più) ma che comunque non permetteva da subito di entrare in societa'. Ci entreranno i figli. Il romanzo si legge bene, la lettura scorre ma la storia e' troppo scontata. Si comprende come va a finire tutta la serie dalle prime pagine. Lenu che sente al telefono il figlio di Lila, che dice del carattere di Lila, che comunica la sua eta', che dice che lei si e' allontanata e Lila no. Storia di riscatto fuori dalla propria terra. Lettura estiva.

  • User Icon

    Gio'

    16/06/2016 18.15.03

    È da due mesi circa che ho finito i quattro libri dell'Amica geniale e il vuoto che hanno lasciato i vari personaggi è incolmabile,la scrittura, le descrizioni, le storie che si intrecciano, Lila e Lenù, perfino Napoli mi manca, con le sue mille sfaccettature. La prima volta che presi in mano il primo volume lo abbandonai dopo poche pagine, scoraggiata dalla varietà dei personaggi e delle loro storie. Una volta ripreso però non li ho più lasciati! Grazie Elena Ferrante, chiunque tu sia!

  • User Icon

    Simona

    03/06/2016 14.49.01

    Scritto indubbiamente bene ma la trama non mi ha colpito. Anzi l'amicizia quasi ossessione fra la due amiche è ripetitiva e noiosa.

  • User Icon

    stefy75

    30/05/2016 14.45.43

    Difficile descrivere la sensazione che mi ha lasciato questo libro, sia durante la lettura, sia ora, a lettura conclusa. Direi 'il nulla'. Non mi ha lasciato nulla, non mi ha appassionato, non mi ha emozionato. La lettura è stata scorrevole, perché il libro non è scritto male, ma è una scrittura vuota, asciutta. Stupisce di tanto successo una lettura così insignificante.

  • User Icon

    stefy75

    05/05/2016 09.46.25

    Difficile descrivere la sensazione che mi ha lasciato questo libro, sia durante la lettura, sia ora, a lettura conclusa. Direi 'il nulla'. Non mi ha lasciato nulla, non mi ha appassionato, non mi ha emozionato. La lettura è stata scorrevole, perché il libro non è scritto male, ma è una scrittura vuota, asciutta. Stupisce di tanto successo una lettura così povera.

  • User Icon

    laura

    01/05/2016 12.24.37

    Prima di tutto,non facciamo paragoni con Anna Maria Ortense,che è ben altra scrittrice.Riguardo alla Ferrante,direi che ,a meno che uno non sia Proust,le storie troppo lunghe alla fine stancano. Ho apprezzato i primi due libri della tetralogia,molto godibili per stile,ambiente e descrizione dei personaggi.Sto finendo il terzo con una certa fatica e poi mi dedicherò all'ultimo.,quasi per dovere. Io avrei terminato la narrazione con''Storia del nuovo cognome''.La simpatia e l'interesse per le due protagoniste,a questo punto si stanno trasformando in antipatia e fastidio.

  • User Icon

    Simona

    05/04/2016 16.25.35

    L'inizio del libro mi è piaciuto, il racconto avrebbe le carte in regola per essere un bel libro! Ma dopo poco la trama ha iniziato ad ingarbugliarsi ed essere poco scorrevole! A tratti noiosa! Peccato!

  • User Icon

    Alessandra

    31/03/2016 23.44.57

    Troppo discorsivo, un susseguirsi di vicende che vengono praticamente riassunte (cosa che infatti è , visto che a narrare l'infanzia e l'adolescenza delle due amiche e' una delle due, ormai grande). Poi manca una trama, sembra un susseguirsi di ricordi a caso, e il lettore non empatizza coi personaggi. Poca profondità e una scrittura troppo, troppo discorsiva. Peccato, da napoletana mi ci ero approcciata con entusiasmo.

  • User Icon

    Emanuele

    14/03/2016 10.00.14

    Fatico enormemente ad esprimere un giudizio sulla tetralogia di Elena Ferrante. Fatico perché mi ha tenuto incollato alle sue 1500 pagine e non riesco a capire il perché. Potrei azzardare, come primo tentativo, perché mi sembra un romanzo che esprime sentimenti, emozioni, relazioni molto "vere". E in questo mi sembra che la Ferrante sia stata bravissima. Mi sono anche chiesto se sia possibile che in una vita (anzi, in due vite) ci possa essere così tanto. E la risposta è stata sì. In due vite, vissute con l'intensità di Lenù e Lila, ci può essere così tanto. Ciò che forse mi ha lasciato un po' perplesso è l'analisi ripetuta, soprattutto negli ultimi due romanzi, dei sentimenti di Lila da parte di Lenù (la voce narrante). Ogni tanto ho percepito eco di "già letto". In ogni caso è una lettura che consiglio vivamente.

  • User Icon

    susy

    05/03/2016 09.49.54

    Qualcuno ha detto che le sensazioni sono soggettive. E' proprio vero, a me questo libro è piaciuto molto. La scrittrice è riuscita a tracciare uno scenario di violenza, povertà e degrado con delicatezza, facendoci amare quasi tutti i protagonisti del romanzo. La personalità di Lila è così sfaccettata da essere assolutamente reale. La crescita di Lenù così intensa da farmi sospettare che siano sentimenti provati in prima persona da chi scrive il romanzo. Vado a cercarmi subito il secondo romanzo

  • User Icon

    diletta

    09/02/2016 14.22.37

    Anche questo libro lasciato a metà. Non capisco i commenti entusiastici di molti utenti. Io non sono riuscita ad andare oltre la metà!

  • User Icon

    Federica

    11/01/2016 10.57.16

    Scrivo la recensione anche se non ho ancora concluso il libro che però mi sta coinvolgendo moltissimo ed ho già acquistato il secondo volume. Non avevo mai letto Elena ferrante e la conoscevo solo per aver visto il film "I giorni dell'abbandono" tratto dal suo romanzo. La sua scrittura è fluida e la trama secondo me è accattivante. Condivido le migliori recensioni. Consigliato

Vedi tutte le 94 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione