Amore a prima vista. Testo polacco a fronte

Wislawa Szymborska

Editore: Adelphi
Anno edizione: 2017
Pagine: 104 p., Brossura
  • EAN: 9788845932373
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
"Con uno sguardo mi ha reso più bella, e io questa bellezza l'ho fatta mia. Felice, ho inghiottito una stella"

Si parla molto di amore nelle poesie di Wislawa Szymborska: ma se ne parla con una così impavida sicurezza di tocco e tonalità così sorprendenti che anche un tema sin troppo frequentato ci appare miracolosamente nuovo. «Sentite come ridono - è un insulto» scrive di due amanti felici. «È difficile immaginare dove si finirebbe / se il loro esempio fosse imitabile» - e ad ogni modo «Il tatto e la ragione impongono di tacerne / come d'uno scandalo nelle alte sfere della Vita». Anche parlando d'amore la voce della Szymborska sa dunque essere irresistibilmente ironica: non a caso Adam Zagajewski diceva di lei che «sembrava appena uscita da uno dei salotti parigini del Settecento». Ma sa anche essere, dietro lo schermo della colloquiale naturalezza e dell'ingannevole semplicità, grave e trafiggente, come quando affida a un panorama divenuto ormai intollerabile il compito di proclamare l'assenza («Non mi fa soffrire / che gli isolotti di ontani sull'acqua / abbiano di nuovo con che stormire») o all'amore a prima vista quello, ancor più temerario, di smascherare il caso-destino che ci governa: «Vorrei chiedere loro / se non ricordano - / una volta un faccia a faccia / in qualche porta girevole? / uno 'scusi' nella ressa? / un 'ha sbagliato numero' nella cornetta? / - ma conosco la risposta. / No, non ricordano».

€ 8,50

€ 10,00

Risparmi € 1,50 (15%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibile in 2 gg lavorativi

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (4 offerte da 10,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Leo

    18/01/2019 12:05:45

    La prima raccolta con la quale ho conosciuto questa grande poetessa e che mi ha spinto ad acquistare l’opera omnia. Meravigliosa

  • User Icon

    Cristiano Cant

    04/12/2017 09:03:37

    Tutto il male di cui è inzuppata questa terra non impedirà alla poesia di resistergli. Essa continuerà sempre ad affacciarci dalle proprie strambe finestrelle,dai lidi dello stupore, rifiorendo spontanea da qualche ramo dimenticato. Il bene di tanto in tanto riesce anche a smarcarsi ad arte nel foltissimo plotone dell'ovvio.L'amore ingenuo, carezzevole, timido e tenero, fidente e sciocchino, umile e riconoscente si rifugerà sempre nel pancione del bello.Ultimo dei sentimentali, ma partendo dalla fine! La poesia è il luogo del sovvertimento, del mistero un po' meno nascosto, un sorriso offerto alla fosca melanconia delle bestie di stalla. E' il posto in cui è la botte a restare ubriaca, perché l'uomo la colma del vino più scelto di cui è capace la parola. Adesso ditemi come non si può adorare una donna che, descrivendo un amore felice, è in realtà agli infelici che si sta rivolgendo, a chi non lo trova mai, non lo conosce, nemmeno lo sfiora o lo fiuta, lo manca completamente in un'intera vita. Perché a certi sì e ad altri no, e questi ultimi magari erano più meritevoli di viverlo? Arrivano i versi: "Un amore felice. Ma è necessario?/Il tatto e la ragione impongono di tacerne,/come d’uno scandalo nelle alte sfere della Vita./Magnifici pargoli nascono senza il suo aiuto./ Mai e poi mai riuscirebbe a popolare la terra,/capita, in fondo, di rado./Chi non conosce l’amore felice/dica pure che in nessun luogo esiste l’amore felice./Con tale fede gli sarà più lieve vivere e morire". Camminate per dei giorni con questo libro in tasca, apritelo a caso in certi pomeriggi di silenzio, in attimi in cui declina una luce singolare, capirete che la poesia è uno stato sensibile, un modo di essere, ostinata impotenza meravigliosa e frugale. Non c'è che questo sotto l'inesatta cappa delle cose quando si tenta di salvare mezza pedina di memoria, non c'è che questo quando dalle soffitte del cielo planano scaglie di contentezza. Sublime! Con tale fede gli sarà più lie vano i versi: "

Scrivi una recensione
Indice

I. La musa in collera
II. Innamorati
III. La chiave
IV. Nulla due volte
V. Notorietà
VI. Opera buffa
VII. Impresso nella memoria
VIII. Sogno d'una notte di mezza estate
IX. L'ombra
X. Il resto
XI. Senza titolo
XII. Nozze d'oro
XIII. Ballata
XIV. Accanto a un bicchiere di vino
XV. ***(Gli sono troppo vicina...)
XVI. Sulla torre di Babele
XVII. Sogno
XVIII. Album
XIX. Riso
XX. Un amore felice
XXI. ***(Il nulla si è rivoltato anche per me...)
XXII. Ringraziamento
XXIII. Il gatto in un appartamento vuoto
XXIV. Addio a una vista
XXV. Amore a prima vista
XXVI. Il primo amore

Nota di Pietro Marchesani
Nota bibliografica