Un amore dell'altro mondo

Tommaso Pincio

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2002
In commercio dal: 19/03/2002
Pagine: 302 p.
  • EAN: 9788806162160
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,59

€ 4,59

€ 8,50

5 punti Premium

€ 7,22

€ 8,50

Risparmi € 1,28 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    primario

    10/12/2010 19:05:38

    Se non si esce vivi dagli anni '80, anche negli anni '90 non si sta tanto meglio. L'urlo disperato e silenzioso di una generazione. Grande scrittura, che affonda le radici nella letteratura americana (non sembra neanche un libro scritto da un italiano).

  • User Icon

    marco

    15/04/2009 14:46:50

    ho acquistato questo libro spinto dai vaghi legami con la storia di kurt cobain, che rimane l'unico motivo (ma è una mia personalissima opinione) per arrivare alla fine del libro. la storia in sè è piuttosto noiosa e si fa difficoltà ad arrivare alla fine. mi aspettavo qualcosa di meglio, visti anche i numerosi 5/5 del pubblico, ma mi rimane ben poco di questo libro. se non l'amarezza per un personaggio come cobain che non c'è più, ma questo è un altro discorso. 300 pagine di eroina e sul come "sistemarsi" non fanno per me. neanche il resto che c'è in quest'opera. ovviamente questa specie di giudizio dipende dai miei gusti personali, non intende essere "universale". capisco anche coloro ai quali è piaciuto...

  • User Icon

    Estelgard

    29/03/2009 21:22:09

    La storia è decisamente innovativa e scritta in maniera stimolante. Sono d'accordo che legarlo a una generazione (grunge) non è particolarmente pertinente, perchè può assolutamente essere attualizzato. Non è un capolavoro, ma un libro almeno da 3/5; infatti se si leggono i commenti negativi, si comprende che chi li ha scritti non ha la minima idea di cosa possa essere recensire o dare un giudizio su un libro, poichè non ci sono motivazioni plausibili. I pessimi commenti sono davvero da ignorare, forse io non sono così entusiasta come altri, ma il romanzo e lo stile mi hanno entusiasmato, quindi credo che sia da leggere per scoprire un autore nostrano che si distacca da altri.

  • User Icon

    amalia

    18/04/2008 21:16:23

    questo libro mi è piaciuto particolamente per l'intensità che Pincio ha adottato: pungente, ironico, triste, allegro, spassionato... Lo scrittore ha saputo mescolare tutte le Emozioni in quadro che puo' essere considerato indescrivibile. Avevo già letto "La ragazza che non era Lei" e la sua scrittura mi aveva entusiasmato; "Un amore dell'altro mondo" pero' lo trovo insuperabile. Consigliatissimo!

  • User Icon

    claudio

    07/11/2007 16:20:32

    E' un buon libro, ma 5/5 lo lascio per altre opere. Sono dei 70, ma non lo considero né mai lo sbandiererei a mia icona generazionale. Mi sembra poi riduttivo considerarlo un libro esplicitamente legato ad una generazione. Lynch c'è ancora, come e più di prima, la droga c'è ancora, i suicidi idem. E' un libro che parla "semplicemente" di una persona sola e disperata che va incontro al suo destino che appare lampante fin dall'inizio. Strutturato (scritto, letteralmente scritto) strategicamente in maniera da togliere il respiro al lettore, ovvero con periodi infiniti e con un solo personaggio al centro di tutto, i dialoghi sono ridotti all'osso e la parte finale, quella dell'astinenza m'è sembrata sinceramente affrettata e con poco respiro. Inoltre il canovaccio, il motore e trovata del libro è chiaramente debitore a Fight Club, il libro di Palahniuk del 1996. Ciò non toglie che sia molto godibile e sicuramente (considerandolo un prodotto Italiano) consigliabile, leggetelo.

  • User Icon

    Alessandra

    31/08/2005 12:02:28

    Io sono una grande ammiratrice di Kurt Cobain e questo romanzo mi ha affascinato davvero molto. Pincio ha una prosa scorrevole e ti permette di entrare nella psicologia di "Homer", di percepirne le emozioni,di essere partecipe di quello che gli accade e di ciò che pensa... Mi piace l'ingenuità di "Boda",mi infonde tanta tenerezza,e mi fa sorridere,allo stesso tempo,il suo modo di comportarsi...mi fa star male il suo disperato bisogno di "un amore dell'altro mondo",il suo comportamento schivo e scorbutico alle volte... E'un ragazzo che ha solo bisogno di quell'affetto che gli è sempre stato negato, o che comunque nessuno è mai riuscito a dargli... Kurt era così...e se non si fosse ucciso..probabilmente avrebbe continuato ad essere così..puro e innocente... in cerca di amore...arrabbiato con il mondo perchè questo amore..non lo avrebbe trovato da nessuna parte... Le sue canzoni nascono da questa incomprensione...Kurt non capiva il mondo...e il mondo...ovviamente...non capiva lui...e il suo modo di fare e di presentarsi...la sua trasandatezza...che appariva come indifferenza agli occhi di chi non comprendeva questo biondino dall'aria così triste.In realtà era solo rassegnazione...povero "Homer-Kurt".... CORDIALI SALUTI, ALESSANDRA

  • User Icon

    giulia 1984

    05/01/2005 07:03:05

    Io vorrei che tutti i libri mi facessero piangere come mi ha fatto piangere questo

  • User Icon

    fanny

    14/02/2004 09:27:53

    Il problema non è Pincio, ma i suoi provinciali estimatori (critici mediocri), che si entusiasmano stolidamente per questo americanismo da 4 soldi...

  • User Icon

    Marco Antoci D'Agostino

    18/12/2003 18:11:27

    Ho già recensito tante volte questo libro. E' inutile parlarne...dico solo che quelli nati negli anni '70...quelli che sono stati investiti dalla potenza emotiva del Grunge...quelli che ancora oggi sentono che hanno dentro troppa roba e sentono che sarebbe un peccato buttarla via...quelli che convivono con il loro "mal-d'-etre"...ameranno questo libro. Arriveranno alla fine godendosi ogni fraseggio scandito da paragrafi il cui titolo è tratto da stralci di canzoni dei Nirvana...e piangeranno. Piangeranno perchè dentro quel libro c'è un pezzo di noi...un pezzo che non andrà mai perso.

  • User Icon

    nina77

    15/12/2003 10:31:12

    Questo libro mi ha molto stupito e molto commosso. In parte non credo che sia tanto sbagliato definirlo "romanzo generazionale": c'è qualcosa della mancanza di speranza, della fantasia e dell'infantilismo della nostra generazione che secondo me l'autore ha catturato bene. Ma soprattutto ciò che resterà è il suo stile profondamente originale: tutta la solitudine e le idiosincrasie che caratterizzano l'epoca di Kurt Cobain sono rappresentate in modo quasi astratto, usando il meno possibile i nomi propri e inventando in certi casi un lessico vago e generico, sempre leggero e sognante anche quando racconta cose disperate. Il simbolo dell'alieno è quello fondamentale, la Cola - Cola e l'estetica pop anche secondo me non c'entrano nulla. Infine non ho mai trovato da nessuna parte una migliore descrizione della tossicodipendenza. Forse la prima parte è più riuscita della seconda, ma consiglierei questo libro senz'altro, e soprattutto a chi è insoddisfatto della letteratura italiana degli ultimi dieci anni e ha bisogno di qualcosa di veramente nuovo.

  • User Icon

    filippo doria

    27/03/2003 13:32:08

    un libro così noioso non l'avevo mai letto.

  • User Icon

    Mick

    19/03/2003 10:33:31

    Fantastico! Questo e' un libro che ami e che odi allo stesso tempo, che riesce ad angosciarti, a metterti l'ansia, che sicuramente non puo' non emozionarti, ma sopratutto non si puo' non ammirare il talento di Pincio. Coinvolgente!

  • User Icon

    Francesco Gallo

    17/03/2003 22:29:24

    Ma che volete di più? S'è addirittura scomodato il Genna in persona (imprimendo, a fuoco, la sua PAROLA DEFINITIVA su questo capolavoro), per consacrare il Pincio. Piantate tutto quello che state facendo e correte a leggere Un amore dell'altro mondo! E prima, magari, vedetevi L'invasione degli ultracorpi. Ovvero: sistematevi!

  • User Icon

    hal

    18/02/2003 11:54:46

    QUALCHE GUIZZO POETICO NON BASTA A FARE UN ROMANZO.

  • User Icon

    t. slothrop

    23/12/2002 16:15:50

    Diciamolo senza problemi. Tommaso Pincio è il migliore scrittore italiano degli ultimi vent'anni almeno. Quest' "Un'amore dell'altro mondo" lascia a bocca aperta. Un cult book italiano finalmente, qualcosa che potrai fare leggere a tuo figlio tra vent'anni come a noi hanno fatto con Keruac. No, non sto esagerando, siamo di fronte a un'Opera. Lo stile innanzitutto, straordinario. Come se una nuova lingua fosse nata dall'incontro tra italiano e inglese tradotto in italiano. E poi la storia, bella al limite della commozione (celebrale), una storia di solitudine, che tutti noi abbiamo vissuto, una storia fatta di camerette, musica e sogni. Pretestuose le polemiche sull'immaginario americanocentrico dell'autore che hanno accompagnato l'uscita del libro. Ragioniamoci un po': è dal dopogueraa (e dagli anni '80 più che mai) che il nostro immaginario e quello americano coincidono, perché parlare di Califano quando siamo cresciuti con i Rolling Stones, Springsteen e infine Cobain?

  • User Icon

    grinta

    29/08/2002 13:31:12

    affascinante, coinvolgente, bello. Leggetelo!

  • User Icon

    giuseppe genna

    26/08/2002 09:28:23

    Tutti ad accusare, a detrarre. Oppure a lodare, a soffocare di zucchero. Tutti, comunque, intenti a strangolare il bimbo nella culla. Il bimbo sarebbe Tommaso Pincio - in particolare, il Pincio dell'ultimo romanzo, il suo primo einaudiano. Gli strangolatori sono invece i critici, che hanno inscenato un mesto teatrino intorno a uno dei più formidabili romanzi della nostra più recente letteratura e che hanno tentato stolidamente di qualificare una sedicente "giovane critica" allacciandola a una supposta "giovane narrativa". I più mesti e tristi figuri di questa schiera, di per sé mesta e trista, sono senza dubbio Bruno Pischedda e Franco Brevini. L'uno è la versione anagraficamente aggiornata dell'altro. Entrambi frustrati dall'accademia universitaria, eterni contemplatori di uno spettacolo indecente a cui ambirebbero partecipare dal vivo, questa sineddoche binaria della critica italiana parla e scrive con gergo baronale, pensando che veramente qualcuno la stia a sentire, proprio come veramente la massa di editor dà loro credito. Ahimè, la gente non è una massa di editor, e Pischedda & Brevini non se li bada nessuno. Non per questo, desistono: essi vivono, e ci tengono a farcelo sapere. Come? Magari stroncando nella solita maniera furbetta, fintogiovanile, emancipata come può esserlo la Borboni o una scatoletta di cipria. Più candidati che candidi, questi due Jachin e Boaz della sottocultura extraccademica si piccano di saperla lunga: dalla cotonatura dei sempiterni divani da salotto made in Turin al postmoderno, la spettroscopia della loro critica di gusto lascia un sapore amaro sulla lingua di chi li legge, al pari di quello che deve avere colpito, in più occasioni, le loro stesse papille gustative. Scherani di Nessuno, i due moquettati Stizzosi di paese (il nostro), hanno tenuto a fare conoscere il loro parere su Un amore dell'altro mondo, uno degli apici del romanzo italiano contemporaneo. Per colpire il Pincio - che è il nostro Aventino - colpiscono tutto ciò che non è Pincio: l'America, la cultura popolare, l

Vedi tutte le 17 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

Al terzo libro, eccoci al "caso Pincio". Finalmente i media cioè, complice il battage "Stile Libero", riconoscono quello che è, ormai non solo per chi qui scrive, il più "nuovo" narratore del nostro tempo (Marco Belpoliti su "L'Espresso" del 18 aprile: "I nostri anni hanno finalmente trovato il loro catatonico narratore"; Ferruccio Parazzoli su "Famiglia cristiana" del 21 aprile: "L'autore più innovativo e interessante nell'arcaico panorama della narrativa italiana").

Il plot: Homer Boda Alienson vive tra gli umidi, tenebrosi boschi del Nord-Ovest degli USA. Una sera vede in televisione un classico film di fantascienza, L'invasione degli ultracorpi; da quel momento teme che gli alieni, nel sonno, s'impossessino del suo corpo. Anche sua madre, per Homer, è affetta da questa alienante (il cognome è parlante) "diversità (...) fatta di niente". Allora decide di smettere di dormire. Per quasi vent'anni si isola in un dormiveglia che lo aliena ai margini della società (si mantiene come custode della biblioteca, poi vendendo per corrispondenza i suoi vecchi giocattoli: astronavi, razzi, pistole laser) e gli fa sperimentare l'assoluto della solitudine (tutti gli altri sono uguali - proprio in quanto diversi). Finché sui muri trova delle scritte, misteriosi messaggi di qualcuno che come lui avverte che qualcosa è cambiato. Alla fine, sotto un ponte, trova un ragazzo che gli somiglia, e come lui vive in una perenne catatonia. Il suo nome è Kurt, e gli consiglia un "sistema" per ritrovare il sonno perduto: l'eroina. Boda - così lo chiama Kurt: come, da bambino, un suo amico immaginario - diventa un tossico. Boda segue Kurt nell'ambiente della musica grunge sinché diventa una rockstar. Alla fine si lasciano, perché Boda deve rispondere a una domanda: "E l'amore?" Per cercare il suo amore dell'altro mondo va nel deserto del Nevada, dove la leggenda vuole siano sbarcati gli alieni negli anni cinquanta. Qui crede di riconoscere l'anima gemella in una ballerina dalla pelle bianchissima, Molly Resident. Alla fine però, nel profondo di una "miniera abbandonata", gli appare improvvisamente diversa: proprio come il "volto senza niente" della protagonista, alla fine dell'Invasione degli ultracorpi. Allora Boda fugge di nuovo. Si ricongiunge con Kurt al suo atto finale, quando si spara in bocca con una carabina. Il finale ultimo lascia intendere che il protagonista in effetti altri non sia che l'amico immaginario di Kurt.

Come già dello Spazio sfinito (Fanucci, 2000), arci-tema è ovviamente l'assenza. Attorno a una mancanza strutturale si rapprende infatti la scrittura di Pincio, priva di qualsiasi marca che rinvii alla tradizione italiana - e insomma vero e proprio stile dell'assenza di stile; ma attorno a questo vuoto sedimenta piano (e mai fino in fondo: proprio questa incompletezza, di un personaggio che del resto ci viene presentato come inesistente, è il motivo del suo fascino) anche Boda - alter ego di Kurt Cobain (il leader dei Nirvana, mai nominato esplicitamente ma la dedica al quale figura in testa al romanzo e i cui testi ne intitolano i capitoli). Sin dall'incipit, dall'assillante domanda "E l'amore?", questo vuoto si presenta come il vero protagonista. L'amore assoluto, il desiderio inoggettivato e dunque onnipermeante, è del resto forma quintessenziale dell'assenza (in altre forme, la privazione del sonno e l'astinenza del tossicodipendente).

Il paradosso di Pincio è la sua capacità di tornare a evocare temi "assoluti" dopo la coazione ironica del postmoderno (L'amore al tempo di Twin Peaks, come sintetizza Gabriele Pedullà sulla rivista "Il Caffè illustrato", 2002, n. 5). Se Pincio può è perché si richiama alle mitologie che nella modernità i nostri sentimenti primari hanno fondato (e segretamente continuano a plasmare): quelle del romanticismo, cioè. Si pensi alla fortuna, nella narrativa e nella poesia dell'Ottocento (da Novalis a Senancour e Nerval sino a Poe e Baudelaire), di motivi come la quête dell'anima gemella, la nostalgia per l'innocenza perduta, i paradisi artificiali indotti dal "fiore del sonno", la trance del personaggio "sfinito", la vita dissociata e la fine tragica dell'artista "maledetto", l'attraversamento allucinato del deserto e la discesa iniziatica in un sotterraneo stillante di segreti. E appunto, a compendio, l'arci-mito dell'assenza.

Il segreto di Pincio è di riconnettersi a questa grande centrale dell'immaginario occidentale passando per la rielaborazione di massa compiuta negli anni cinquanta e sessanta da film come L'invasione degli ultracorpi (che nel finale fa suo il mito romantico, fra gli altri novalisiano, della miniera) e Il pianeta proibito, e soprattutto dai romanzi di Philip K. Dick (da Ubik sono ricalcate per esempio le scritte sui muri). Questa specie di centrifuga mitologica che è l'universo narrativo di Dick (come ora emerge dalla fondamentale biografia di Lawrence Sutin, Divine invasioni, Fanucci, 2001) è stata in grado di mescolare modelli "alti" come appunto quelli romantici (il fiore oppiaceo delle Tre stimmate di Palmer Eldritch, 1964, replica il fiore azzurro dell'Enrico di Ofterdingen di Novalis; una delle mogli di Dick ricorda che "diceva di essere per un quarto tedesco, e di essere un romantico da Sturm und Drang "; del resto anche il Kurt di Pincio "era a suo modo un romantico"...) con le scorie trash della cultura di massa: in tal modo rifondando, in forma disgregata, una mitologia per il tempo presente.

Non ci sono solo i romantici, però (o il tema gnostico - pure passato per Dick, ovviamente - dello straniero: "Mi ero messo in testa di venire da un altro pianeta", dice Kurt, "di notte mi affacciavo alla finestra e mi mettevo a parlare con (...) la mia famiglia in cielo. La vera famiglia"). Se Il pianeta proibito riprende La tempesta, un romanzo di Dick prende il titolo da Amleto: Time Out of Joint del 1958 (quello ripreso da Thomas Pynchon nell'Arcobaleno della gravità). Proprio un'interrogazione sul tempo è il più forte elemento di novità del terzo romanzo di Pincio. Non più in forma di ucronia da manuale dickiano, è il primo a non potersi dire "di fantascienza". Più sottilmente, però, queste trecento pagine funzionano in effetti come una macchina del tempo, una macchina morbida (titolo di Burroughs citato da Homer): tutta mentale e, specificamente, percettiva.

La fenomenologia catatonica - alla quale sono dedicate tante magnifiche pagine di Pincio, "fatte di niente" come la narrativa che piace a Boda nelle metaletterarie pagine 97 sgg. - per l'appunto dilata al massimo il tempo ("che si era fermato continuando a scorrere"), così come la condizione infantile alla quale anela Boda è desiderio di "crescere senza diventare adulti" (senza perdere, cioè, le stimmate dell'incompletezza). La stessa nostalgia si differenzia da quella volgare dei "trogloditi" - i clienti "drogati" dal piccolo commercio di Boda - perché la si prova "quando si ha la sensazione che il tempo cominci a scorrere nella direzione di ciò che si è lasciato alle spalle" .

C'è nel libro un hors d'oeuvre che tematizza proprio questo esperimento col tempo. Boda acquista una lampada "cinetica" anni sessanta: una bottiglia di vetro con un blocco di cera che si scioglie e incessantemente si ricompone in un "liquido violaceo"; adora l'Astrobaby perché "non era quello che avrebbe dovuto essere" in quanto "illuminava solo se stessa". E alla fine gli appare "una clessidra psichedelica (...) una macchina del tempo luminosa che funzionava proprio come l'eroina: sfruttava luce e calore per controllare lo scorrere del tempo". È anche la migliore definizione per Un amore dell'altro mondo. Come e più sottilmente degli altri libri di Pincio, non proprio un metaromanzo: ma qualcosa che appassiona come un "vero" romanzo - in quanto fatto di qualcosa che commuove come i "veri" sentimenti. E insomma perché non è quello che dovrebbe essere. Per fortuna.