Un amore eterno. Sonate rondò e bagatelle - CD Audio di Ludwig van Beethoven,Piet Kuijken

Un amore eterno. Sonate rondò e bagatelle

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
Compositore: Ludwig van Beethoven
Supporto: CD Audio
Numero supporti: 2
Etichetta: Fuga Libera
Data di pubblicazione: 16 febbraio 2018
  • EAN: 5400439007451

€ 22,36

€ 23,25
(-4%)

Venduto e spedito da Emozioni Media Store

Solo 1 prodotto disponibile

+ 6,70 € Spese di spedizione

Quantità:
CD

Altri venditori

  • 29,50 € spedizione gratuita

    Venduto e spedito da

    IBS

Mostra tutti (2 offerte da 23,25 €)

Per la sua quarta uscita su etichetta Fuga Libera, il pianista e fortista Piet Kuijken, docente al Conservatorio Reale di Bruxelles e al Conservatorio di Anversa, presenta un programma di musica di Ludwig van Beethoven. Il punto di partenza di questo album doppio è un approccio artistico che è nel contempo pedagogico e musicale: il primo CD contiene brani come la Sonata Pathétique, op. 13 e la Sonata op. 110 eseguite su un pianoforte d’epoca (un Tomkison originale del 1808), mentre il secondo ci invita ad un confronto con brani della stessa portata – la Sonata Appassionata, op. 23 e l’imponente Sonata op. 111 – eseguiti su un pianoforte moderno. Un testo scritto dallo stesso dall’eminente musicista ci invita a comprendere l’approccio interpretativo, all’interno dello stesso tipo di repertorio, quando è affrontato con questi due diversi strumenti. Un progetto interessante, che ci invita a scoprire i diversi aspetti di questo artista!
L'edizione include:
Andante Favori in F, WoO 57
Bagatelles (11), Op. 119
Piano Sonata No. 8 in C minor, Op. 13 ‘Pathetique’
Piano Sonata No. 23 in F minor, Op. 57 ‘Appassionata’
Piano Sonata No. 24 in F sharp major, Op. 78
Piano Sonata No. 31 in A flat major, Op. 110
Piano Sonata No. 32 in C minor, Op. 111
Rondos (2), Op. 51
  • Ludwig van Beethoven Cover

    Compositore tedesco. La formazione musicale e culturale. Dei suoi antenati, contadini fiamminghi, si hanno notizie che risalgono al sec. xvi; il nonno Ludwig, forse il primo musicista della famiglia, aveva lasciato nel 1731 la terra d'origine per stabilirsi a Bonn come strumentista della cappella arcivescovile; anche il figlio di lui, Johann (il padre di B.), fu stipendiato come tenore nella stessa cappella. Le ristrettezze economiche e i disordini psicologici di Johann, che finì alcoolizzato nel 1792, segnarono l'infanzia di B. Dopo un tentativo del padre di lanciarlo come ragazzo prodigio (tentativo che fallì), egli iniziò la sua vera e propria educazione musicale sotto la guida di C.G. Neefe, un seguace dello stile «sentimentale» di Ph.E. Bach, che gli aprì... Approfondisci
Note legali