Andare insieme, andare lontano

Enrico Letta

Editore: Mondadori
Anno edizione: 2015
Pagine: 136 p., Brossura
  • EAN: 9788804655374
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 9,72

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    S.1971

    13/09/2015 14:51:06

    Un libro intelligente e chiaro. Un'interpretazione politica "informata" che illumina alcuni aspetti complessi della nostra società contemporanea, non solo nazionale. A tratti un po' tecnico, qua e là vagamente retorico, ma molto più spesso appassionato e preciso, come nell'ineccepibile capitolo su Mare nostrum. Consigliato.

  • User Icon

    G.Nencioni (Pisa)

    05/05/2015 13:11:35

    non l'avrei letto se avessi pensato che il libro fosse contro Renzi o magari Berlusconi, proprio perchè riconosco la 'superiorità' di Letta rispetto a tutti quelli che dopo 20 anni, credendo di poter 'festeggiare', hanno invece dovuto rimettere la bottiglia in frigo (poveri loro)...Complimenti Enrico ed un grosso in bocca al lupo per il Tuo incarico di Professore a Parigi!

  • User Icon

    Pier Luigi Tolardo

    27/04/2015 21:36:52

    Se qualcuno pensa che il libro sia contro Renzi rimarra' molto deluso, a Renzi Letta riconosce perfino la scelta positiva di Mattarella Presidente e il superamento del bicameralismo perfetto. Certo lo stile poltico e letterario di Letta non rientra nei canoni del renzismo, per cui Letta non ha bisogno di criticare Renzi. L'allergia per il populismo e' fortissima: Mare Nostrum andava fatta e va rifatta per salvare vite umane anche se fa perdere voti. Le regole elettorali e costituzionali vanno riformate cercando il massimo del coinvolgimento di tutte le forze politiche, solo cosi' si evitano gli errori commessi dal centrodestra con il Porcellum e dal centrosinistra con la riforma costituzionale delle Regioni. Per affrontare i problemi dell'economia il dialogo sociale e' indispensabile. Soprattutto non si esce dalla crisi, l'Italia non ne esce, senza piu' Europa, senza delegare ancor piu' sovranita' , se non si costruiscono partiti politici realmente europei e senza che i vertici delle istituzioni europee possano essere decisi democraticamente dai cittadini europei.

Scrivi una recensione