Categorie

Antonia Susan Byatt

Traduttore: A. Nadotti, F. Galuzzi
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2012
Formato: Tascabile
Pagine: 330 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788806211493
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Anna

    23/03/2013 17.47.06

    Notevolmente differente l'approccio narrativo dei due racconti: coinvolgente e ben strutturato il primo, misticheggiante, e non sempre lineare, il secondo. Ma l'autrice non delude neanche in questa prova, regalando al lettore una sosta ristoratrice che riconcilia con la letteratura contemporanea, dallo stile alla trama, dalla caratterizzazione psicologica dei personaggi, alla profondità dei contenuti.

  • User Icon

    clara lunardelli

    16/07/2007 20.10.42

    Concordo con quanto scritto: il libro è forte, erudito nella sua prima parte, e nella seconda la storia sembra più un pretesto per aprire alla poesia inglese, piuttosto che interessarsi alla vita dei protagonisti. Però, personalmente, non mi ha infastidito, basta pensare che la loro vita era intrisa della poesia, delle parole scritte da parenti e amici, coi quali è stata ed è condivisa. Resta un libro interessante, profondo, con tratti di vera magica scrittura e comunque sempre insolito, come tutti i libri di Antonia Byatt che è una scoperta tardiva, ma irrinunciabile.

  • User Icon

    lanfranco

    24/10/2004 09.59.12

    Premetto che ho amato moltissimo "Possessione" per la capacità, soprattutto, di unire armoniosamente narrativa, poesia (genialmente inventata), riferimenti storici e letterari che, per quanto immaginari, sono testimoni di un'erudizione umanistica non comune. Nel caso di "Angeli e insetti", benchè la ricetta sia simile, i riferimenti sono "reali" e legati alla vita e alle opere dei maggiori poeti neo-classici e vittoriani (Tennyson, Coleridge, Milton etc....), purtroppo, però, il risultato è alquanto stucchevole e pedante, in particolar modo nel secondo racconto; la prima parte, ossia il primo racconto (Morpho Eugenia), riesce quantomeno ad essere interessante e a catturare l'attenzione. Poi la seconda parte è terribile!! Una pedanteria, anche poetica, inimmaginabile! Quasi la metà dell'intero racconto è fatta di stralci di poesia dei succitati poeti e spesso e volentieri gli stessi identici passaggi vengono riproposti più volte; l'intero racconto è tirato per le orecchie, noioso, privo di argomentazioni,quasi inutilmente verboso. Peccato.

  • User Icon

    CAGLIOSTRO

    18/09/1999 09.10.10

    Un romanzo intenso, a tratti crudele, ma che sa tenerti avvinghiato a Lui sino alla fine. Consiglio comunque prima la lettura di "Possessione", sempre della stessa autrice.Non ci sono parole per descriverlo

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione