Categorie

James Hillman

Traduttore: A. Bottini
Illustratore: M. Vernon
Editore: Adelphi
Collana: Gli Adelphi
Edizione: 4
Anno edizione: 2002
Formato: Tascabile
Pagine: 245 p. , ill.
  • EAN: 9788845917172

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Antonello Bellanca

    08/06/2013 16.05.24

    Se sei in cerca, per tramite dei mille perché irrisolti, della tua unicità che credi sia diversa da quella degli altri, poniti anche la domanda su quale sia il punto di contatto tra la tua anima e l'anima mundi. Hillman (a braccetto con Jung) saprà spiegartelo, in maniera magistrale. Antonello Bellanca

  • User Icon

    Fausto Intilla (Inventore-divulgatore scientifico)

    21/07/2006 13.49.14

    Quest'opera, si potrebbe dire che stia alla base di tutto il lavoro di Hillman,da Emotion (1960) a Betrayal e alla favola di Psiche/Eros come mito dell'analisi,fino al "fare anima" e ,di recente,all'attenzione per l'immaginazione estetica e l'anima del mondo (anima mundi).Anche certi capitoli sul sale,l'argento e il colore azzurro in alchimia sono un'elaborazione sulla fenomenologia di Anima.Se dunque Anima è la metafora radicale dell'autore,sembra psicologicamente necessario scavare in questa componente che domina il suo pensiero,colora il suo stile e ha così benevolmente offerto alla sua attenzione tanti temi.Tra le righe di quest'opera,si può facilmente intuire il desiderio dell'autore,di fornire le basi per la visione dell'anima in psicologia,affinchè quest'ultima non si abbandoni alle prospettive archetipiche del Bambino e del mito dello sviluppo o della Madre e del causalismo materiale.La visione dell'anima offerta da questo saggio di Hillman,,non è semplicemente una prospettiva da aggiungersi alle molte altre.Il richiamo dell'anima è convincente;è una seduzione che porta alla fede psicologica,una fede nelle immagini e nel pensiero del cuore,che porta a un'animazione del mondo.Anima crea attaccamenti e legami.Ci fa innamorare.Non possiamo più rimanere osservatori distaccati che scrutano attraverso la lente.Anzi,probabilmente essa non ha nulla a che fare con le metafore ottiche:la sua azione sulla coscienza è invece un continuo lavoro di tessitura,di cottura a fuoco lento,di incantesimo,che la spinge ad appassionati attaccamenti,allontanandola dalla posizione privilegiata di una prospettiva.

Scrivi una recensione