Salvato in 11 liste dei desideri
attualmente non disponibile attualmente non disponibile
Info
Gli anni impossibili
10,45 € 11,00 €
LIBRO
Dettagli Mostra info
Gli anni impossibili 10 punti Premium Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,45 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
10,45 €
Disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Gli anni impossibili - Romano Bilenchi - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Gli anni impossibili Romano Bilenchi
€ 11,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

"La siccità", "La miseria" e "Il gelo" vanno a comporre nel 1984 il trittico de "Gli anni impossibili", quasi una narrazione in progress che accanto a "Conservatorio di Santa Teresa" e alla raccolta di racconti di "Anna e Bruno" forma il romanzo unico e continuo di Bilenchi sull'infanzia e sull'adolescenza. Ma l'età pre-ideologica non assurge a mito, piuttosto prefigura il difficile rapporto con la realtà nella sua doppia declinazione di natura e società, così come non si giunge ad alcuna definizione di maturità che resta, se esiste, oltre il perimetro della scrittura. Introduzione di Giuseppe Nicoletti.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2001
Tascabile
5 settembre 2001
118 p.
9788817126137

Valutazioni e recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
Riccardo
Recensioni: 4/5

"Gli anni impossibili" è un romanzo breve, diviso in tre diverse sezioni narrative, ognuna scandita dall'inizio di una stagione o da un evento particolare. Romano Bilenchi riesce a condensare in poche pagine tutta la sua saggezza di narratore e di psicologo dell'animo umano : l'esperienza del protagonista, suo alter ego, ci tocca perché inevitabilmente ci riconduce ai luoghi della nostra infanzia e ai primi traumi legati alla scoperta della cattiveria umana. Tema centrale del romanzo è il rapporto con la natura, che in Romano assurge ad idillio, mito, esperienza mistica, legata com'è al ricordo del nonno. La natura è anche difesa da un mondo che appare sempre più corrotto ed ipocrita, in cui le convenzioni sociali prevalgono sulla libera espressione dell'uomo (storia della vedova e della figlia), oppure in cui le passioni, così prorompenti, diventano aggressività spinta, virilità esibita, ricerca assoluta del potere, anche mediante il sadismo. Così la sessualità appare inevitabilmente tinta di questo carattere macabro ed aggressivo, non più luogo d'amore ma luogo di conflitto e di potere. Da studente liceale pronto a fare una tesina sull'autore, devo dire che questa lettura mi ha piacevolmente colpito per la sua innovatività, per il suo taglio psicologico, per l'eleganza descrittiva con cui dipinge gli squarci paesaggistici, con la stessa capacità di un Verga. Consigliato.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

4/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(0)
4
(1)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Conosci l'autore

(Colle di Val d’Elsa, Siena, 1909 - Firenze 1989) scrittore italiano. Collaboratore del «Selvaggio» di M. Maccari e direttore (dal 1948 al 1956) del quotidiano «Il Nuovo Corriere», si è imposto come narratore con libri di rigoroso e limpido stile. Oltrepassando i moduli della prosa d’arte, il dettato delle esemplari storie di paese e di periferia create da questo «osservatore militante» (G. Contini) costruisce un perfetto equilibrio di ricordo, fantasia e attento sguardo sulle cose: Il capofabbrica (1935), Anna e Bruno, e altri racconti (1938), Conservatorio di Santa Teresa (1940), La siccità (1941), Dino e altri racconti (1942), Mio cugino Andrea, (1943), Racconti (1958), Il bottone di Stalingrado (1972, premio Viareggio), il volume di ricordi Amici. Vittorini, Rosai e altri incontri (1976...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore