Traduttore: F. Montevecchi
Curatore: M. Cacciari
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
Pagine: XIV-46 p., Brossura
  • EAN: 9788806188764

100° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Classici, poesia, teatro e critica - Classici greci e latini

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 4,86

€ 7,65

€ 9,00

Risparmi € 1,35 (15%)

Venduto e spedito da IBS

8 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Con l'intensa traduzione dell'Antigone sofoclea predisposta per la realizzazione scenica della tragedia, Massimo Cacciari compie un lavoro di attenta mediazione culturale tra quanto il teatro di Sofocle propone, a misura dalla Grecia dei grandi casati,e il teatro di oggi, che vuol essere di tutti e a tutti intende rivolgere il proprio problematico messaggio. "La parola che uccide" è, come Cacciari indica nelle pagine chiarificatrici dell'introduzione, la parola di Antigone che, nel richiamarsi alle leggi non scritte degli dei (ai morti, a tutti i morti, è dovuta sepoltura, anche a Polinice, che pure ha mosso le armi contro Tebe e il fratello Eteocle), "uccide" il potere delle leggi vigenti della città, "dichiarandole come nulla per sé". Del pari tremenda è la parola di Creonte, il sovrano razionalmente irremovibile nell'opporsi al pericolo dell'anarchia: con la condanna della giovane, egli pecca nel difendere il "divino nell'ordine politico" e precipita in un abisso di dolore, costretto a sopravvivere alla morte di Antigone, del figlio, della moglie. Una chiave di lettura e di indagine sulla forza della parola greco-tragica che, senza tono consolatorio, enuncia la verità della conoscenza restituita attraverso lo "spettacolo" della potenza dell'essere umano e dei suoi limiti: l'individuo non è misura esclusiva del reale. In chiusa del volume Walter Le Moli, nella sua Nota di regia, meditando sul significato del teatro tragico e sulla figura dell'attore-professionista di oggi che con quel teatro si confronta, e nel riflettere sulla rilevanza essenziale del linguaggio nell'Antigone, tale da imporre la ricerca di "nuove e più stringenti parole per recitare i versi antichi", precisa che ha approntato e diretto la messa in scena dell'opera sulla versione di Cacciari, in quanto versione capace di instaurare una comunicazione mai interrotta "tra il traduttore e la scena", al fine di dare voce contemporanea alle parole senza tempo di Sofocle.
  Gabriella De Blasio