Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Antigone - Sofocle - copertina

Antigone

Sofocle

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Traduttore: Federica Montevecchi
Curatore: Massimo Cacciari
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2007
In commercio dal: 20 febbraio 2007
Pagine: XIV-46 p., Brossura
  • EAN: 9788806188764

47° nella classifica Bestseller di IBS Libri Classici, poesia, teatro e critica - Letteratura teatrale

Salvato in 76 liste dei desideri

€ 9,50

€ 10,00
(-5%)

Punti Premium: 10

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA Verifica disponibilità in Negozio

Antigone

Sofocle

Caro cliente IBS, da oggi puoi ritirare il tuo prodotto nella libreria Feltrinelli più vicina a te.

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: 02 91435230

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Antigone

Sofocle

€ 10,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Antigone

Sofocle

€ 10,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: 02 91435230


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l'elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio ufirst.
4 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
5 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 9,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

"Il 'bando' di Antigone "condanna" Ismene all'ordine della pólis; solo lì potrà abitare, non importa sotto quali leggi, suddita per sempre. Nel tempo della pólis dovranno instancabilmente cercare occasionali compromessi la prudenza degli anziani e la volontà di potenza dei regnanti, la timorosa pietas di Ismene e la paura servile della prima guardia, immagine di quella del plethos, della plebe disprezzata da Antigone. Qui sarà chiamato a sopravvivere Creonte, sconfitto insieme al cieco Tiresia. Dura legge e dura prova, la cui necessità la parola tragica enuncia senza ombra di consolazione. E perciò il pathos che suscita fa sapere - e solo nel sapere 'guarisce'." (dall'introduzione di Massimo Cacciari)
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,71
di 5
Totale 7
5
5
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rosss

    14/05/2020 16:39:25

    Una delle tragedie greche più ricche di emozioni. Antigone è un'eroina antica, ma anche moderna, dei giorni nostri, capace di obbedire solo alle leggi del cuore, anche e soprattutto quando quest'ultime sono in contrasto con le leggi terrene. Consigliatissimo!

  • User Icon

    Arnaldo

    13/05/2020 12:34:09

    La tragedia vede la forte contrapposizione, che diventa scontro, tra il nomos di Creonte ed i nomima di Antigone, cioè tra giuspositivismo e giusnaturalismo, legge dell'uomo e diritto naturale. Ne deriva, così, un quadro altamente drammatico perchè da un parte c'è la legge della polis da ononorare, pena l'anarchia a danno della democrazia, e dall'altra c'è la coscienza che ha una dimensione talmente personale che anche il cittadino più fedele entra in conflitto con l'obbligo giuridico.

  • User Icon

    Vincenzo

    25/09/2019 15:21:43

    Personalmente posso dire di amare la letteratura greca in generale e la tragedia in particolare. Il genere teatrale è molto lontano dalla letteratura odierna e non ho letto molti testi di questo tipo, ma le tragedie greche, a mio parere, sono sempre attuali. Anche per la loro brevità, si leggono velocemente e con facilità, benchè il bagaglio culturale che le accompagna e i presupposti storici e letterari appartengano ad un'epoca molto lontana dalla nostra. In certi aspetti -come già ho detto- le considero, però, attuali: l'insaziabile desiderio dell'uomo di conoscere, di instaurare un legame con la realtà e con il divino; i valori intramontabili della morale umana, come l'amicizia, gli affetti familiari, ma anche la necessità di vendetta e la consapevolezza dei propri errori. Il "πάθει μάθος" ("pàtei màtos", cioè "imparo attraverso la sofferenza") è il moderno "ciò che non uccide, fortifica" e, così, Sofocle, a distanza di venticinque secoli, è ancora capace di insegnarci tanto e di farci riflettere su noi stessi e sul mondo che ci circonda. E poi, se ritenete la lettura delle tragedie greche troppo noiosa, potete sempre recarvi a teatro a vederne delle bellissime e fedeli rappresentazioni.

  • User Icon

    Alfredo

    25/09/2019 08:30:35

    Sofocle racconta la storia di Antigone, decisa a dare sepoltura al fratello Polinice contro la volontà di Creonte, nuovo re di Tebe. Essendo scoperta, è condannata a vivere imprigionata in una grotta. In seguito alle profezie dell'indovino Tiresia, il re decide di liberarla ma, nel frattempo, la donna si è tolta la vita impiccandosi. Questo evento provoca il suicidio di Emone figlio del re e promesso sposo di Antigone, ed in seguito quello della di Euridice, moglie di Creonte. In questa opera Sofocle affronta il contrasto tra Antigone e Creonte in termini di disputa tra leggi divine e leggi umane: Antigone sostiene le prime mentre il re ritiene che le leggi da lui stabilite siano al di sopra di quelle. Creonte, così, appare al pubblico ateniese come la tipica figura del sovrano dispotico che si pone anche al di sopra degli affetti. La ribellione di Antigone non riguarda solo la sottomissione alla legge del re, ma anche il ruolo che la donna ha nella società greca, cioè sempre sottomessa alla volontà dell'uomo. E Creonte, infatti, considera ancora più intollerabile l'opposizione di Antigone perché a farlo è una donna.

  • User Icon

    S.

    20/09/2019 15:36:46

    Un testo di una potenza enorme, da leggere e rileggere, da studenti e da adulti per comprendere la portata enorme che i grandi classici continuano ad avere nelle nostre vite. Munirsi di un'edizione di qualità fa la differenza. In questo Einaudi è una garanzia!

  • User Icon

    Simona

    02/09/2019 09:40:40

    Tragedia che narra la condizione della donna all'interno della società classica. Nonostante siano passati molti secoli dalla data di stesura, l'opera risulta essere molto attuale.

  • User Icon

    Francesca

    07/03/2019 15:51:58

    Tragedia bellissima, da leggere assolutamente se si è appassionati di teatro classico. Coinvolgente e attuale.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente
Con l'intensa traduzione dell'Antigone sofoclea predisposta per la realizzazione scenica della tragedia, Massimo Cacciari compie un lavoro di attenta mediazione culturale tra quanto il teatro di Sofocle propone, a misura dalla Grecia dei grandi casati,e il teatro di oggi, che vuol essere di tutti e a tutti intende rivolgere il proprio problematico messaggio. "La parola che uccide" è, come Cacciari indica nelle pagine chiarificatrici dell'introduzione, la parola di Antigone che, nel richiamarsi alle leggi non scritte degli dei (ai morti, a tutti i morti, è dovuta sepoltura, anche a Polinice, che pure ha mosso le armi contro Tebe e il fratello Eteocle), "uccide" il potere delle leggi vigenti della città, "dichiarandole come nulla per sé". Del pari tremenda è la parola di Creonte, il sovrano razionalmente irremovibile nell'opporsi al pericolo dell'anarchia: con la condanna della giovane, egli pecca nel difendere il "divino nell'ordine politico" e precipita in un abisso di dolore, costretto a sopravvivere alla morte di Antigone, del figlio, della moglie. Una chiave di lettura e di indagine sulla forza della parola greco-tragica che, senza tono consolatorio, enuncia la verità della conoscenza restituita attraverso lo "spettacolo" della potenza dell'essere umano e dei suoi limiti: l'individuo non è misura esclusiva del reale. In chiusa del volume Walter Le Moli, nella sua Nota di regia, meditando sul significato del teatro tragico e sulla figura dell'attore-professionista di oggi che con quel teatro si confronta, e nel riflettere sulla rilevanza essenziale del linguaggio nell'Antigone, tale da imporre la ricerca di "nuove e più stringenti parole per recitare i versi antichi", precisa che ha approntato e diretto la messa in scena dell'opera sulla versione di Cacciari, in quanto versione capace di instaurare una comunicazione mai interrotta "tra il traduttore e la scena", al fine di dare voce contemporanea alle parole senza tempo di Sofocle.
  Gabriella De Blasio
  • Sofocle Cover

    Sofocle (496 a.C. - 406 a.C.) fu forse, tra i grandi tragici, il più amato dal suo pubblico. Ebbe subito grande successo e lo conservò anche dopo l'affermarsi del giovane Euripide. Nacque da ricca famiglia e ricevette un'educazione raffinata; fu musicista e attore prima che poeta. Partecipò attivamente alla vita pubblica di Atene, con cariche importanti. Seguace di Pericle, fu due volte stratego e fu eletto nel collegio straordinario dei sei magistrati che resse la città dopo il disastro di Sicilia (413 a.C); nel 411 fu tra i chiamati a stabilire una nuova costituzione. Ebbe anche incarichi di natura religiosa. Dei 123 drammi che il grammatico Aristofane di Bisanzio gli attribuisce, soltanto sette sono giunti a noi: "Aiace", "Elettra",... Approfondisci
Note legali