DISPONIBILITA' IMMEDIATA

-15%
Appunti per un naufragio - Davide Enia - copertina

Appunti per un naufragio

Davide Enia

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Collana: Il contesto
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 18 maggio 2017
Pagine: 211 p., Brossura
  • EAN: 9788838936579
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

€ 12,75

€ 15,00
(-15%)

Punti Premium: 13

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

Appunti per un naufragio

Davide Enia

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


Appunti per un naufragio

Davide Enia

€ 15,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

Appunti per un naufragio

Davide Enia

€ 15,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (5 offerte da 15,00 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Vincitore della quarantaquattresima edizione del Premio Letterario Internazionale Mondello, sezione Opera italiana

In Appunti per un naufragio emerge la vera storia di persone accomunate dall’esperienza della fragilità della vita, che come una rivelazione spinge ognuno verso un nuovo approdo, verso l’ascolto e la scoperta dell’altro.

«Ho frequentato Lampedusa per anni. Ho visto sbarcarvi qualche migliaio di persone, ho incontrato il personale medico e gli uomini della Guardia Costiera, ho mangiato a casa dei residenti, sono uscito in barca con i pescatori, ho ascoltato ragazzi sopravvissuti alla traversata e ho dialogato con i testimoni diretti».

Un padre e un figlio guardano la storia svolgersi davanti a loro, nel mare di Lampedusa. «Appunti per un naufragio è un romanzo. Racconta ciò che sta accadendo nel Mediterraneo – le traversate, i soccorsi, gli approdi, le morti – parla del rapporto tra me e mio padre e affronta la malattia di mio zio, suo fratello». Lampedusa, da lepas, lo scoglio eroso dalla furia degli elementi, che resiste nella vastità del mare aperto. Oppure Lampedusa da lampas, la fiaccola che risplende nel buio, che sconfigge l’oscurità. Su questa isola protesa a sud, tra Africa e Europa, Davide Enia guarda in faccia chi arriva e chi attende, e narra la storia di un naufragio individuale e collettivo. Da un lato una moltitudine in movimento, che attraversa intere nazioni e poi il Mar Mediterraneo, in condizioni al di là di ogni immaginazione. Dall’altro, a cercare di accoglierla, un pugno di uomini e donne sul confine di un’epoca e di un continente. Nel mezzo si è posto l’autore stesso, per raccontare la scoperta di ciò che accade davvero in mare e in terra, e il fallimento delle parole che si inabissano nel tentativo di comprendere i paradossi del presente. A partire da una forte esperienza, dal toccare con mano la disumana tragedia degli sbarchi, Enia dà voce ai volontari, agli amici d’infanzia, alle testimonianze dei ragazzi che approdano miracolosamente sull’isola. E mette a nudo le conseguenze emotive di questa realtà toccante e sconcertante, soprattutto nel rapporto con il padre, medico da poco in pensione, che accetta di recarsi con lui a Lampedusa. Ritrovarsi assieme a testimoniare il dolore pubblico di quelli che approdano e di coloro che li salvano dalla morte, accanto a quello privato della malattia dello zio, li spinge a reinventare un rapporto, a forgiare un nuovo e inedito dialogo che si sostituisce ai silenzi del passato.
4,5
di 5
Totale 4
5
2
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Pietro

    06/02/2019 10:04:09

    Lampedusa, i migranti, l'autore e la sua storia. un intreccio di vite dolce, colmo di tenerezza. un libro da leggere, rileggere. Consigliatissimo

  • User Icon

    eleonora fiorini

    19/09/2018 10:55:21

    Libro caratterizzato da una scrittura che risulta scorrevole, inoltre tratta di una tematica molto attuale. Consigliato assolutamente.

  • User Icon

    Loris

    10/09/2018 07:38:03

    Trovare un genere in cui far rientrare questo libro non è facile, ma tutto sommato neppure necessario. Indubbiamente è la cronaca di un’indagine sul campo, un viaggio in più tappe a Lampedusa per toccare con mano e provare a comprendere la realtà degli sbarchi. Ci sono le testimonianze di volontari, medici, ufficiali della guardia costiera, le chiacchierate con amici e conoscenti coinvolti per forza di cose. In tutti il lettore trova lo spaesamento di fronte alla sofferenza di chi arriva, a volte la paura, più spesso la voglia di intervenire per alleviare il dolore, insieme al senso di impotenza che deriva dalla consapevolezza di non poter salvare tutti, di dover fare scelte atroci in tempi rapidi. Sono gli stessi sentimenti che l’autore prova nell’affrontare la malattia incurabile dello zio. Enia riesce a intrecciare efficacemente i due fili della narrazione, scivola dal pubblico all’intimo, ricorda e ricostruisce il passato per accettare il presente e trovarci segni di speranza. Svolge un compito prezioso, aiuta il lettore ad andare oltre la cronaca di naufragi e sbarchi, in attesa che siano gli stessi migranti a trovare la loro voce, a raccontarsi in prima persona. La Storia che pensavamo finita continua a procedere, l’Africa si muove verso l’Europa.

  • User Icon

    claudia

    15/07/2018 14:51:52

    Un libro da leggere, in cui si racconta di Lampedusa e degli sbarchi attraverso testimoni posti a distanze diverse dai fatti, senza alcuna presunzione di parlare per altri e anzi: augurandosi che chi emigra trovi voce, presto. L'autore secondo me è molto bravo nello spostarsi dal dolore individuale a quello collettivo, sociale.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente

Volere andare in profondità a una storia, cercare di capire, raccontare e testimoniare. Quello che fa Davide Enia con Appunti per un naufragio (211 pagine, 15 euro), edito da Sellerio e fresco vincitore del Premio Mondello per la sezione Opera italiana, con Michele Mari (Leggenda privata) e Laura Pariani (Di ferro e di acciaio, di cui abbiamo scritto qui). La storia è quella degli sbarchi di migranti a Lampedusa. Righe che finiscono spesso sui giornali nelle pagine di cronaca o in quelle di politica quando questa diventa contesa tra partiti. Numeri di persone tratte in salvo, numeri di persone decedute, numeri di uscite della Guardia Costiera. Ma dietro quei numeri, racconta Enia, ci sono delle vite, degli esseri umani.

“Possiamo nominare la frontiera, il momento dell’incontro, mostrare i corpi dei vini e dei morti nei documentari. Le nostre parole possono raccontare di mani che curano e che innalzano fili spinati. Ma la storia della migrazione saranno loro stessi a raccontarla, coloro che sono partiti e, pagando un prezzo inimmaginabile, sono approdati in questi lidi”. Un prezzo fatto di violenza “manco all’animali ci fanno le cose che fanno alle donne”, di morte ma anche di speranza. Lampedusa è solo una tappa dell’odissea di chi cerca una una di vita migliore. E molto spesso rappresenta il limen, il confine tra un prima e un dopo. L’approdo sull’Isola è una nuova nascita, un nuovo compleanno. Una data degna di essere festeggiata.

«Andate in giro a raccontare cosa avete visto perché ce n’è bisogno perché ce ne è bisogno, in continente non hanno le idee chiare di cosa stia accadendo davvero, ma non intendo cosa accade qui a Lampedusa un punto di passaggio, la tappa di una odissea, mi riferisco davvero cosa accade a ‘sti poveri cristi che arrivano qui, le atrocità che sono costretti a subire, la mortificazione della loro stessa esistenza, lo svilimento dei sogni e delle speranze».

Enia affronta l’isola insieme al padre, medico in pensione che lo accompagna a Lampedusa. Una esperienza che li spinge a creare un nuovo rapporto che prende il posto di quello fondato sui silenzi e che permette anche di raccontare della malattia dello zio, in un intreccio di ricordi e sguardi sul presente.

Recensione di Antonio Giordano

(...) Nel suo libro – per metà narrazione autobiografica e per metà reportage – Enia dà voce a testimoni e volontari, al personale medico, agli uomini della Guardia costiera, agli amici che lo ospitano quando torna a Lampedusa. Sull’isola ha visto sbarcare centinaia di persone, è uscito in barca con i pescatori, ha conversato con i residenti, ha ascoltato i sopravvissuti (...). Enia si sofferma a lungo su chi a Lampedusa è in prima linea ed è questo uno dei pregi del libro –, su chi deve decidere, quando è in mezzo a un mare con onde alte sette metri e le donne, i bambini, gli uomini da soccorrere sono magari ricoperti di nafta e hanno mani che scivolano via, a quali persone prestare soccorso. Con una sola occhiata bisogna decidere fra le vite di tre uomini e le vite di una madre con il figlio. E così si tirano su i tre uomini e si lasciano affondare la madre e il figlio perché tre vite sono più di due. E ci parla, attraverso la loro testimonianza, del trauma dei soccorritori, che soffrono di sindrome da stress post-traumatico come se vivessero in una zona di guerra (...). Evocato più volte nel corso della narrazione, il naufragio del 3 ottobre 2013 occupa l’ultima parte del libro e segna un punto di non ritorno (...). Enia narra frammenti di storie, quelle degli africani che cercano di ricongiungersi con le loro famiglie che vivono nel Nord Europa. Alle testimonianze dirette Enia mescola la sua vicenda personale, in particolare il rapporto con il padre e con l’amato zio Beppe, gravemente ammalato, e sia nelle pagine del suo racconto sia nelle pagine del reportage mostra di avere un dono prezioso, quello di saper ascoltare. Ci fa vedere con pudore come il saper ascoltare porti l’altro a parlare, anche se non ci è abituato, perché “parlare è un’attività da femmina”. In Sicilia i deboli parlano, i veri maschi tacciono: “La consegna del silenzio, soglia di quella rocca quasi inscalfibile che è l’omertà, è una conditio sine qua non per integrarsi”. E il modo in cui il dramma di Lampedusa viene inserito nel contesto culturale siciliano è un altro dei pregi di questo libro necessario. C’è poi un viaggio che non può essere raccontato e che aleggia tra le pagine, quello nel deserto che bisogna attraversare per arrivare al mare. La storia di chi migra è a tutt’oggi il tassello mancante di questo mosaico, ci ricorda Enia. Nel titolo stesso del libro è racchiuso il fallimento della parola nel raccontare il tempo presente. “Possiamo nominare la frontiera, il momento dell’incontro, mostrare i corpi dei vivi e dei morti nei documentari”, ma la storia della migrazione potrà raccontarla solo chi l’ha vissuta. Ci dirà itinerari e desideri, i nomi delle persone massacrate nel deserto e delle violenze nelle carceri libiche, soprattutto sulle donne, perché è “sempre peggio essere donna, dalla parte sbagliata della frontiera”.

Recensione di Franca Cavagnoli

  • Davide Enia Cover

    Davide Enia nasce a Palermo il 2 aprile 1974. Passa l’infanzia a giocare a calcio in mezzo alla strada. Nel 2002 scrive, dirige e interpreta «Italia-Brasile 3 a 2», pièce teatrale sulla gloriosa partita del 1982. Vince nel 2003 il Premio Tondelli al Premio Riccione per il Teatro con l’unanimità di giudizio della giuria col testo teatrale «Scanna», storia di una famiglia chiusa in un rifugio durante una guerra. A fine anno vince il Premio Ubu speciale. Nel 2004 scrive, dirige e interpreta «maggio ‘43», testo sui bombardamenti di Palermo e sulla guerra vista con gli occhi di un dodicenne. Alla Biennale di Venezia debutta «Scanna», di cui firma la regia. Collabora con la trasmissione  televisiva REPORT, per la... Approfondisci
| Vedi di più >
Note legali