Curatore: N. Cecconi
Editore: Canova
Anno edizione: 2015
In commercio dal: 26 ottobre 2015
Tipo: Libro tecnico professionale
Pagine: 216 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788884092953
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione
Essere imprenditori significa spingersi oltre i propri limiti, scommettere su se stessi e sugli altri, essere pronti a cambiare con le proprie scelte la realtà che ci circonda. Lo spiega bene l'autore, restituendo, assieme al racconto della propria vita, anche uno spaccato del Nordest: dal bombardamento di Treviso nel '44, alla crisi economica, passando per la Dolce Vita e gli anni di piombo. Il fare impresa diviene così metafora esistenziale, in cui la sfida di ogni giorno è un'opportunità per migliorarsi e trovare il proprio ruolo nel mondo.

€ 11,90

€ 14,00

Risparmi € 2,10 (15%)

Venduto e spedito da IBS

12 punti Premium

Disponibile in 3 settimane

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    mauro

    25/11/2015 18:36:34

    Sento spesso dire che gli imprenditori del secondo dopoguerra e dei decenni successivi hanno distrutto l'ambiente. Certo, ci sono quelli che per il dio denaro sono disposti a qualsiasi delittuosa azione. Ogni categoria sociale ha le sue pecore nere. Quindi è sempre sbagliato generalizzare. Ad esempio chi disprezza in blocco tutti gli imprenditori dovrebbe leggere "L'ardua impresa", autobiografia dell'imprenditore trevigiano Elio Ciabatti. Come migliaia di piccoli, medi e grandi industriali italiani che iniziarono l'attività con pochi soldi e contando solo nel proprio ingegno, Ciabatti dovette superare incredibili difficoltà non solo economiche, ma anche burocratiche e sindacali. Per quelli che non conoscono nulla delle condizioni economiche, sociali e materiali della stragrande maggioranza delle famiglie italiane, ecco un ritrattino che ci farà capire meglio di un trattato di sociologia la povertà dell'ambiente del dopoguerra in cui operarono gli imprenditori come Ciabatti. Nel 1945 migliaia di città erano semidistrutte (e alcune distrutte). Milioni di cittadini abitavano in case che oggi sarebbero considerate fatiscenti. Basti sapere che moltissime famiglie italiane non possedevano l'acqua corrente e il bagno in casa. Ovviamente non possedevano il frigorifero, la lavatrice, l'aspirapolvere, il telefono e una radio. Gli arredamenti erano pochi e poveri mobili. Il riscaldamento si otteneva attraverso stufe a legna e carbone. L'acqua per lavare gli indumenti e le persone doveva essere riscaldata con la stufa e versata nei mastelli. Pochi possedevano più di due o tre vestiti e due o tre paia di scarpe. Quasi tutto il salario di un operaio era speso per il cibo. Non credo che le attuali generazioni avrebbero fatto meglio dei loro padri o nonni.

Scrivi una recensione