-15%
L' armadio della vergogna - Franco Giustolisi - copertina

L' armadio della vergogna

Franco Giustolisi

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Editore: Nutrimenti
Anno edizione: 2004
In commercio dal: 1 gennaio 2004
Pagine: 306 p., ill. , Rilegato
  • EAN: 9788888389189
LIBRO € 15,30
Salvato in 6 liste dei desideri

€ 15,30

€ 18,00
(-15%)

Punti Premium: 15

Venduto e spedito da IBS

Attualmente non disponibile
Leggi qui l'informativa sulla privacy
Inserisci la tua email ti avviseremo quando sarà disponibile
spinner

Grazie, riceverai una mail appena il prodotto sarà disponibile

Non è stato possibile elaborare la tua richiesta, riprova.

PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

L' armadio della vergogna

Franco Giustolisi

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


L' armadio della vergogna

Franco Giustolisi

€ 18,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

L' armadio della vergogna

Franco Giustolisi

€ 18,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Fra il 1943 e il 1945 decine di migliaia di civili furono vittime di 2273 stragi brutali compiute da nazisti e fascisti in tutto il paese. Nei mesi successivi alla Liberazione, molti dei colpevoli furono individuati e su di loro furono aperti procedimenti penali. Ma dal 1947 una mano ignota ha messo tutto a tacere. Dentro un armadio custodito nella Procura generale militare, 695 fascicoli sono rimasti sepolti per mezzo secolo. Dal 1994 la Procura militare ha riavviato i processi a carico dei pochi superstiti. L'autore, che ha portato alla luce l'esistenza dell'armadio della vergogna, ripercorre l'intera vicenda dell'insabbiamento e ricostruisce quelle stragi.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,6
di 5
Totale 5
5
3
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Anna Maria Leone

    05/10/2012 17:14:11

    Come tutti quanti hanno letto il libro sono sconvolta, non perchè io non sia stata a conoscenza (diciamo che ne sono consapevole da quando ho avuto l'uso della ragione, soprattutto per merito dei miei genitori che non mi hanno mai nascosto nulla di quanto accadde in quegli anni) del livello di vergogna e di bestialità in cui può precipitare il cosiddetto "essere umano" (perchè, diciamocelo in tutta franchezza, persino i tedeschi e i fascisti credono di poter essere definiti "esseri umani" e ci vuole un bel coraggio, più o meno come quello che hanno dimostrato massacrando bambini e persone inermi!), ma perchè c'è qualcosa che non mi torna, nella ricostruzione delle motivazioni che hanno portato a nascondere le responsabilità, magari dentro un Armadio chiuso a chiave, sperando che nessuno mai le potesse riportare alla luce. Ciò che non mi torna è l'aver del tutto ignorato il ruolo che i cosiddetti italiani e italiane ebbero nell'immediato dopoguerra. Basta dire che sul Lago di Garda i tedeschi tornarono già dal 1947/48, per comprare ville e permettersi di fare i turisti come se nulla fosse accaduto. Gli italiani di allora, senza mostrare alcuna dignità o orgoglio di popolo (e quando mai!) si prostituirono letteralmente accogliendoli, servendo loro cappuccini caldi, difendendoli dagli italiani veri che, memori di quanto avvenuto soltanto poco tempo prima, volevano ricacciarli indietro e provavano un senso di vomito soltanto nel sentir pronunciare parole in quella lingua che non hanno mai più potuto accettare. Altro che Guerra Fredda, altro che politici spaventati dall'idea che l'italica gente avrebbe potuto tornare a rivangare il passato impedendo così il ristabilirsi di una sana e serena convivenza tra i popoli. Ma finiamola....L'Armadio della Vergogna è stato l'estremo tentativo di nascondere insieme ai nomi dei responsabili delle stragi, le colpe degli italiani e lo ripeto: soprattutto di quelli che si sono prostituiti per un cappuccino!

  • User Icon

    Paraguay

    23/07/2012 12:06:44

    X Monica: condivido in toto quello che hai scritto: come non potrei! Prendendo in esame la parte finale del tiuo intervento ti dico..."è la storia bellezza!!!!". Si è proprio così e non credere che non dormano sonni tranquilli, anzi dormono meglio di noi che continuiamo a roderci dentro per delle atrocità che col passare degli anni sarà sempre più difficile tramandarle alle generazioni future (i nostri figli!). Comunque complimenti.

  • User Icon

    monica

    10/02/2012 13:50:20

    Un armadio con un contenuto vergognoso, seicento fascicoli riguardanti eccidi perpetrati dai nazi-fascisti in Italia a danno degli italiani. Per cinquanta anni nascose i nome dei colpevoli i luoghi dei massacri e i nomi delle vittime, e il perche' fu tutto insabbiato non e' ancora chiaro, ma ora che 'e stato aperto racconta una delle pagine piu' buie della nostra storia, pagine indimenticabili. Paesi saccheggiati bruciati e gli abitanti trucidati fucilati o bruciati vivi o squartati con spade o bombe. Si impalavano donne i bambini venivano usati come tiro a segno, stragi pefettamente ornganizzate. Strage di Marzabotto, delle Fosse Ardeatine, di Cefalonia e tante ancora. Emergono nomi come Kappler Meier Priebke, quanti di loro la fecero franca? Ora si riaprono i casi ma dopo tanto tempo i colpevoli sono morti cosi' come i testimoni quindi caso chiuso e si archivia. Vergognoso armadio, vergognoso il tuo contenuto ma chi lo chiuse a chiave puo' dormire sonni tranquilli pensando alle vittime che non ebbero giustizia, pensando agli assassini che vissero felicemente le loro vite dopo aver tolto la vita a centinaia di innocenti?

  • User Icon

    akaspecials

    05/06/2011 12:27:09

    Come documento di storia nazionale rappresenta un libro unico che, realizzato grazie alla tenacia dell'autore, porta alla ns. conoscenza dei fatti tenuti apposta nascosti per motivi politici di ordine perfino transnazionale, ma la giustizia meritava altra sorte. A differenza dei tedeschi l'Italia deve ancora concludere quel perìodo e i risultati politici attuali lo rivelano ancora.

  • User Icon

    Renzo Montagnoli

    04/09/2007 19:40:40

    Un libro che apre squarci di verità su infamie perpetrate nella seconda guerra mondiale e che svela come e perchè tanti crimini siano rimasti impuniti. Se c'è la vergogna dell'operato dei carnefici, ce n'è altrettanta, e anche di più, in chi doveva fare giustizia e non l'ha fatta, trincerandosi dietro la solita ragion di stato. Da leggere e far leggere, per non dimenticare.

Vedi tutte le 5 recensioni cliente

Sarà una commissione parlamentare d'inchiesta a stabilire chi sia stato politicamente responsabile della decisione di lasciare impuniti i crimini di guerra commessi ai danni dei cittadini italiani. Le cause delle manovre di insabbiamento messe in atto dalla Procura militare generale, come ha riconosciuto lo stesso Consiglio della magistratura militare, furono infatti essenzialmente politiche. Innanzitutto, e inizialmente, sottrarre migliaia di criminali di guerra italiani ai processi che, se estradati, li attendevano nei diversi paesi occupati dall'Italia fascista, contribuendo così alla rimozione dalla memoria degli italiani del ruolo di aggressore avuto dall'Italia nel conflitto. Quindi non infastidire con il ricordo dei crimini tedeschi il riarmo della Germania democratica all'interno dell'alleanza atlantica. È impossibile stabilire precisamente, stando alla documentazione disponibile, quando la ragion di stato ebbe il sopravvento sul desiderio di giustizia, inducendo la magistratura militare a occultare la documentazione raccolta sui crimini tedeschi nell'ormai celebre "armadio della vergogna", la cui vicenda è ricostruita da Giustolisi nella prima parte di questo libro. 695 fascicoli che, spesso accompagnati dalle generalità dei presunti colpevoli, e raccogliendo le testimonianze dei sopravvissuti; nonché gli interrogatori svolti dalle autorità militari alleate, avrebbero permesso nel 1947, quando cioè avrebbero dovuto essere inoltrate alle procure militari competenti, di fare giustizia di 2273 episodi, fra violenze, stragi e omicidi compiuti dalle truppe di occupazione tedesca, in molti casi con l'attiva complicità di quelle repubblichine. Il rinvenimento di quelle carte nel 1994, che vengono, pur senza pretesa di esaustività, analizzate con dovizia nella seconda parte del libro, ha oggi permesso di avviare, pur tra mille difficoltà, nuove indagini e in alcuni casi di celebrare finalmente i processi.

Cesare Panizza

Note legali