Traduttore: L. Verna
Curatore: A. Morino
Editore: Einaudi
Collana: Gli struzzi
Anno edizione: 1993
Pagine: 187 p.
  • EAN: 9788806131012

€ 5,02

€ 9,30

Usato di Libraccio.it venduto da IBS

5 punti Premium

Disponibilità immediata

Garanzia Libraccio
Quantità:

€ 7,90

€ 9,30

Risparmi € 1,40 (15%)

Venduto e spedito da IBS

Nuovo - attualmente non disponibile


scheda di Martinetto, V., L'Indice 1993, n. 7

Dopo "Il regno di questo mondo" e "Concerto barocco", Einaudi prosegue la pubblicazione delle opere del grande scrittore cubano con questo che è stato l'ultimo romanzo scritto prima della morte. All'origine di "L'arpa e l'ombra" c'è l'irritazione provocata molti anni prima dalla lettura di due versioni marcatamente agiografiche dell'impresa colombiana - quelle di Leon Blov (1884) e di Paul Claudel (1935) - in cui la figura dello scopritore assume connotati sovrumani. Appellandosi ai dettami aristotelici, Carpentier imposta la propria "variazione" sul tema, riequilibrando l'apoteosi encomiastica di Colombo sull'asse di un'umanissima verosimiglianza. Grande specialista del genere storico, l'autore parte da documenti reali - il diario e le lettere dell'Ammiraglio, il fallito processo della sua beatificazione intrapreso dai papi Pio IX e Leone XIII - e ne indaga creativamente le cause, facendo sì che la Storia esca dalla rigida ufficialità per assumere la concretezza e lo spessore delle contraddizioni che la alimentano. Quello di Carpentier è un gesto polemico di riappropriazione di una prospettiva storica altrimenti eurocentrica: e tuttavia non sacrifica mai la letterarietà alla rivendicazione. Anzi. Tale gesto consiste proprio nel concedere a un avvenimento altrimenti schiacciato e raggelato dallo sguardo immobile delle celebreazioni, l'indulgenza antipartigiana dell'ipotesi, quand'anche l'ipotesi assuma - come la vicenda amorosa fra Colombo e la regina Isabella - colori esplicitamente affabulativi. E in questo modo che Carpentier contribuisce a quell'originale visione del mondo che, insieme ad altre, fonda l'autonomia e la specificità della letteratura latinoamericana.