Aspettando al semaforo. L'unica biografia di Enzo Jannacci che racconti qualcosa di vero

Paolo Jannacci

Editore: Mondadori
Collana: Ingrandimenti
Anno edizione: 2011
In commercio dal: 31 ottobre 2011
Pagine: 177 p., Rilegato
  • EAN: 9788804613848
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Che cosa c'è di più jannacciano di Paolo, Paolo Jannacci, quel figlio un po' stralunato che suona a Zelig, con quella faccia da Jannacci? Ecco, questo libro è il racconto di Enzo Jannacci attraverso lo sguardo, il dialogo, la narrazione di Paolo. Le emozioni e gli aneddoti di una vita e di una carriera (il Derby, Gaber, Milano e altre meravigliose nostalgie) ma anche un dialogo (tutto jannacciano) in cui Paolo guida un Enzo imprevedibile, surreale e splendidamente vero. L'autore di "Vengo anch'io" e "El purtava i scarp del tennis" trasmette per la prima volta in un libro la sua geniale, spiazzante, originalissima visione del mondo, dell'esistenza, della società. E fa stupire, pensare, commuovere come solo i poeti sanno fare.

€ 15,30

€ 18,00

Risparmi € 2,70 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ciro Andreotti

    27/07/2013 12:24:07

    La vita del 'cantacomico' Enzo Jannacci rivista e rivisitata, in chiave rigorosamente surreale, da suo figlio Paolo. Enzo Jannacci era (ora di lui si può ben parlare all'imperfetto) un cantautore e molto di più. E' stato prima ancora che autore di gran parte dei successi della Milano, poco prima che fosse 'bevibile', un padre affettuoso e presente nella vita del figlio Paolo e della propria famiglia. Nel corso del libro i ricordi di Paolo, e i frammenti di vita famigliare, si intersecano irreversibilmente con la vita passata in compagnia di un padre così particolare. Paolo Jannacci evoca i ricordi di una vita, la sua, e di un'infanzia vissuta ricevendo a casa personaggi del calibro di Gaber e Fo, fino ad arrivare a percorrere primi incerti 'passi professionali' assieme a suo padre Enzo, in un affresco di rara bellezza che ridà voce e credibilità ad un personaggio che, come si legge nel libro, spesso è stato confuso con "quello che canta semplicemente banali canzonette comiche".

Scrivi una recensione