Categorie

Antonio Tabucchi

Editore: Feltrinelli
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 126 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788807884344

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Andrea Di Carlo

    15/10/2014 00.42.44

    Leggo per la prima volta (a malincuore) un testo del grandissimo e compianto Antonio Tabucchi ed esprimo una valutazione più che positiva-uno dei più grandi scrittori e maître à penser del Novecento ci consegna le sue più intime riflessioni metaletterarie e, al tempo stesso, queste interessanti e mai banali osservazioni sono occupate da considerazioni sul ruolo dello scrittore e dell'intellettuale in una società che Zygmunt Bauman definisce a ragione "liquida". Vivamente consigliato per comprendere l'arte e il pensiero di un artista con la A maiuscola.

  • User Icon

    alida airaghi

    30/06/2014 17.06.44

    "La scrittura, a volte, è cieca. E, nella sua cecità, oracolare. Solo che la sua 'previsione' non riguarda il futuro, ma ciò che successe nel passato a noi o agli altri e che non avevamo capito che era successo e perché". E poi: "Scrivere, scriversi: la questione è sempre la stessa, da millenni, da quando la letteratura comincia. Per parlare di sé bisogna cercare il sé che non c'è...". E ancora: "...raccontare significa estrarre l'esistente dal non esistente, suggerire alla realtà ciò che essa deve fare". Di nuovo: "La letteratura, con il suo potere di trasformare il reale in iper-reale, rendeva tutto quanto ancora più irreale di quanto non fosse sembrato a me. Mi rassegnai: forse la realtà è fantastica di per sé". Infine: "...la letteratura sarà sempre uno specchio dove riconoscerti, se ti cerchi, o soprattutto se non hai altre uscite". Questi saggi di Antonio Tabucchi sulla scrittura (sua, e altrui), ripubblicati da Feltrinelli dopo dieci anni dalla prima edizione, parlano di "verità e finzione, di epistolografia e di autobiografia, di diaristica, di memorialistica, del tempo e di molte altre cose". Ma soprattutto indagano, con estrema acutezza ed eleganza di stile, il mistero della parola, quella detta e taciuta, pronunciata e ascoltata, letta e scritta: nel suo rapporto con la voce e la fisicità, negli incontri casuali e illuminanti, negli addii dell'amore e della morte. Tabucchi rileggeva e postillava i suoi romanzi più famosi, in questi articoli, li spiegava nel loro nascere talvolta imprevisto e irrazionale, e nel loro imporsi categorico alla sua coscienza di narratore. Rileggeva i sogni, reinterpretandoli alla luce di fatti che ancora dovevano accadere, ma certo vagavano in qualche piega del destino; recuperava immagini dei suoi defunti; si interrogava sulle aspettative di ignoti lettori. Con profondità e ironia cercava una definizione per queste sue "poetiche a posteriori tendenzialmente illogiche", un senso che le giustificasse anche eticamente.

Scrivi una recensione