Automazione e nuova classe. La società gestita da un grande sistema telematico

Sabino Acquaviva

Editore: GB
Edizione: 4
Anno edizione: 1993
Pagine: 224 p.
  • EAN: 9788886272018
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:

€ 5,25

€ 15,00

Risparmi € 9,75 (65%)

Venduto e spedito da IBS

5 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 


scheda di Berra, M., L'Indice 1994, n. 7

Alla fine degli anni cinquanta la massiccia introduzione di macchinari automatizzati nelle fabbriche e successivamente negli uffici aveva suscitato un ampio dibattito sul suo significato e sulle sue implicazioni economico-sociali. L'autore affronta il tema dell'automazione da! punto di vista sociologico, tratta del rapporto fra progresso tecnologico e mutamento sociale. In particolare si pone il problema di come vada ripensata la tradizionale concezione ottocentesca di divisione in classi e di come vada rielaborata la definizione di classe operaia. Le trasformazioni dell'organizzazione del lavoro, il passaggio da un sistema fondato sulla gerarchia e sull'autorità a uno che dà spazio ai gruppi di lavoro, alle loro competenze e alle loro decisioni sono il terreno su cui si costituisce una nuova classe di tecnici e specialisti. Questa tende a dilatarsi sempre più nelle imprese e a diffondere il suo potere a livello sociale. La rivisitazione del libro a vent'anni di distanza è un'occasione per riflettere sulle conseguenze di quel progresso tecnicoscientifico e sulle interpretazioni datene dalla letteratura sociologica. E anche per verificare il ruolo e il potere economico, politico e culturale nella società odierna di tecnici ed esperti.