Editore: Corbaccio
Anno edizione: 2010
In commercio dal: 18 febbraio 2010
Pagine: 314 p., Rilegato
  • EAN: 9788863800159
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Descrizione

Roma, autunno 1497. Nessuno conosce l'identità di Segundo. Non ha volto, non ha casa, non ha passato. Ma ha una vendetta da compiere. Nascosto dietro studiati travestimenti, falcia le vite di comuni sicari e di cardinali viziosi e corrotti, sfruttando le loro debolezze, lasciando dietro di sé una scia di sangue. Andrea Gianani invece è un giovane sensibile, appassionato d'arte, in contrasto con i fratelli che non condividono le sue scelte. In un momento fatale i destini di questi due uomini diversi si incrociano, cambiando in modo drastico le loro esistenze. L'Urbe, che morde il freno sotto il giogo dei Borgia, si tinge di rosso porpora, mentre la natura si scatena contro la malvagità degli uomini. Nel dramma sono coinvolti il popolo in quotidiana lotta contro fame e ingiustizie, i frati del convento di San Francesco a Ripa che prestano la loro opera caritatevole, gli artisti del Rinascimento, tra cui un giovane Michelangelo ancora sconosciuto e la corte papale con i suoi velenosi intrighi. Anche amare è difficile, sia per Gemma, schiava di un debito e delle sue insicurezze, sia per Isabella, giovane incupita dalla vedovanza: entrambe inseguono sogni d'amore impossibili. Al funzionario Riccardo Fusco è affidato il compito di sbrogliare l'intricata vicenda. Intuitivo e caparbio, rifiuta il ruolo di semplice pedina nelle mani del papa spagnolo e inventa uno stratagemma per far prevalere la Giustizia sulle contingenti leggi degli uomini.

€ 8,80

€ 17,60

Risparmi € 8,80 (50%)

Venduto e spedito da IBS

9 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (2 offerte da 7,75 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Ruggero Camurri

    26/05/2017 11:49:32

    Quasi irritante per la banalità della storia, l'affollamento di stereotipi, la modesta dello stile narrativo.

  • User Icon

    luigi

    08/11/2010 14:04:08

    Come i precedenti libri delle sorelle Martignoni che ho letto, anche questo mi ha entusiasmato molto. Il racconto è scorrevole; ben scritto. L'ho letto tutto di un fiato...non riuscivo a smettere. I personaggi sono coinvolgenti. Bravissime. Non vedo l'ora di leggere il prossimo romanzo. Complimnenti!

Scrivi una recensione