Categorie

François Truffaut

Traduttore: M. Calò
Editore: Marsilio
Edizione: 2
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: IX-329 p. , Brossura
  • EAN: 9788831764940

scheda di Tomasi, D., L'Indice 1993, n. 2
(scheda pubblicata per l'edizione del 1992)

Le avventure di Antoine Doinel rappresentano un caso probabilmente unico nella storia del cinema. Uno stesso regista che scrive e gira cinque film ("I quattrocento colpi", "Antoine et Colette", "Baci rubati", "Non drammatizziamo... è solo questione di corna", "L'amour en fuite") costruiti su uno stesso personaggio, interpretato da un medesimo attore nel corso di vent'anni. A differenza di altri cicli cinematografici, quello di Doinel è interamente giocato sull'invecchiamento del protagonista - attore, sul travaglio del passaggio dall'adolescenza all'età adulta, vissuto come un viaggio che, più che difficile, appare alla fine impossibile. In uno stretto rapporto di identificazione fra attore, personaggio e regista, Truffaut disegna un universo segnato dal conflitto fra il desiderio di libertà e quello di sicurezza. Le sceneggiature contenute in questo volume - dove tuttavia manca quella de "L'amour en fuite", scritta dopo l'uscita dell'edizione francese del libro - rappresentano non un percorso lineare, ma un continuo oscillare fra il gusto per l'istante e il bisogno dell'eterno, fra istinti trasgressivi e desideri di integrazione, fra la necessità di continuare a vivere le tentazioni dell'amore e la voglia di una famiglia. Secondo alcuni piccolo - borghese, secondo altri spirito libero e irriducibile, Antoine Doinel è comunque uno degli esiti più intensi del cinema di Truffaut, sintesi ultima di tutto il suo universo.