Editore: Marsilio
Collana: Farfalle
Anno edizione: 2017
In commercio dal: 28 settembre 2017
Pagine: 480 p., Rilegato
  • EAN: 9788831728348

53° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Narrativa italiana - Gialli - Narrativa gialla

Disponibile anche in altri formati:

€ 16,15

€ 19,00

Risparmi € 2,85 (15%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Alinghi

    22/07/2018 16:23:21

    Primo libro letto dell'autore e l'impatto è indubbiamemte positivo. Mai banale, sempre avvincente, mixa perfettamente storia recente e romanzo. Finale ricco di colpi di scena e sorprese che riscatta ampiamente una parte leggermente ingarbuglaita. Scritto ottimamemte, struttura a flash back perfettamemte riuscita. Per la quinta stella manca però la capacità di farti immedesimare nella storia.

  • User Icon

    Davide

    27/06/2018 14:12:41

    Michele o Africa, tu da che parte stai? Anche questo libro non si smentisce, e ci porta nei meandri dell'animo tormentato e romantico del commissario Balistreri. Assolutamente consigliato, voto 5/5

  • User Icon

    GIAMBA

    04/04/2018 07:01:18

    Giallo abbastanza complesso dai risvolti inaspettati. Clichè ormai consolidato, forse ci si aspetta qualcosa di nuovo, comunque avvincente.

  • User Icon

    Ciro D'Onofrio

    30/01/2018 18:53:44

    Ballando nel buio è un libro controverso, dalla trama intensa che assicura un giallo fitto ed un protagonista affascinante nella sua spasmodica e cinica ricerca di riscatto.Molto efficace e suggestivo il susseguirsi dei flashback tra l’Italia degli anni settanta, divisiva, appassionata, crudele e barricadera e l’Italia degli anni ottanta, illusa nel suo edonismo rampante ma di plastica.Un tourbillion affascinante di fatti e personaggi che però ha la debolezza di diventare un vortice fin troppo feroce e che produce, soprattutto sul finale,soluzioni confuse e raffazzonate

  • User Icon

    Sonia

    22/01/2018 13:33:51

    Suspence fino all’ultima riga. Il coinvolgimento negli scritti di Costantini non ha eguali. Anche in questo quarto libro.

  • User Icon

    Charlie

    19/01/2018 11:24:57

    Straordinario. Non credo che ci sia un altro termine per descriverlo. Per me, che ho vissuto gli anni '70 e le vicende politiche di quell'epoca a Roma, ancor più avvincente. L'ho finito stamattina e lo rileggerei da capo. Grande Costantini

  • User Icon

    Chicca63

    08/01/2018 15:10:09

    Ormai Balistreri-dipendente. Da leggere tutto d'un fiato per completare il quadro. Bellissimi.

  • User Icon

    Francesco

    01/01/2018 10:10:41

    Quinta fatica di Costantini: continua la saga del commissario Balistrieri. Lavoro al pari della trilogia e superiore al precedente. Bella ambientazione e perfetti depistaggi dei protagonisti: finale non scontato...anzi. Autore e saga ormai da Cult

  • User Icon

    ormos

    29/12/2017 07:28:33

    Costantini ha nuovamente messo in scena una incalzante, magistrale rappresentazione del commissario Michele Balistreri, protagonista di tutti i suoi libri ed in particolare della Trilogia del Male, a cui questo romanzo è intimamente collegato. La narrazione, come sempre, si svolge su due livelli temporali differenti, i cui contorni diventano via via più sfumati fino ad una completa osmosi. Il Balistreri degli anni ’70 è un ragazzo dall’aria maudit, animato dalla convinzione di cambiare il mondo lottando contro tutto e contro tutti per l’affermazione dei valori e princìpi nei quali crede. La maturità reca con sé disillusione ma anche razionalità e pragmatismo, e questo, nella metà degli anni ’80 (anzi più precisamente in pieno Mundial Mexico 86), porta Balistreri a passare la barricata ed a lottare per gli stessi valori di allora ma nelle vesti di coloro che una volta avversava, i servitori dello Stato. Ma il passato non si cancella e il caso nel quale è coinvolto a causa del suo lavoro finirà per coinvolgere (di più: travolgere) lui stesso, la sua famiglia, la sua vita, costringendo il più mite Michele ad una strenua lotta interiore con gli slanci di “Africa”, e riaprendo inaspettatamente un capitolo drammatico degli anni in cui ha vissuto in Libia (di qui l’indispensabile lettura della Trilogia). Ancora un libro magistrale per Costantini, che sta disegnando una saga complessa ed estremamente articolata, realistica e credibile, nella quale trovano posto la politica, la mafia, il terrorismo, la corruzione, così come l’amore e le debolezze umane. Un autore che ha creato dipendenza e del quale attenderò con pazienza il prossimo romanzo.

  • User Icon

    Lorettta

    24/12/2017 17:56:51

    Bellissimo ti prende e non riesci a staccare. Balistreri non sai se odiarlo o amare.....

  • User Icon

    silvia

    18/12/2017 17:30:05

    questo scrittore è veramente bravo. Ho letto tutti i suoi libri e non saprei scegliere il migliore. Anche quest'ultimo è bellissimo sia nella narrativa normale sia nell'intreccio poliziesco. Mi piace assai Balistreri. Aspetto con piacere il prossimo libro.

  • User Icon

    Fabio

    29/11/2017 10:16:31

    A mio parere uno dei migliori romanzi di questo Autore. Protagonista è sempre Balistreri ma,anche se molti sono i richiami alle vicende passate,non è necessario aver letto gli altri romanzi per apprezzare "Ballando nel Buio" che è una storia a sé seppure a cavallo di vicende da cui prendeva spunto "Tu sei il male". L'Autore ha un suo marchio di fabbrica e alcune costanti che ricorrono sempre,curiosamente ad esempio gli episodi cruciali avvengono sempre in concomitanza di finali della coppa del mondo di calcio e la capacità di depistare il lettore da parte di Costantini è almeno pari a quella dei suoi personaggi più equivoci e complessi. Finale molto intenso,non facilmente prevedibile,perchè la storia è molto ben raccontata.Bella la descrizione di come eravamo,con una Roma che non esiste più se non nei ricordi dell'Autore e dei lettori che hanno avuto la fortuna di viverci,anche in quelli anni difficili.

  • User Icon

    davide951

    05/11/2017 09:10:16

    Ottimo libro.Da consiglire la lettura anche se bisogna leggere prima i precedenti dello stesso protagonista.Non do le 5 stelle che si riservano solo ai capolavori.

  • User Icon

    Luca

    04/11/2017 19:30:37

    Non vedevo l'ora di leggere un nuovo lavoro di Costantini. L'ho iniziato con l'intenzione di farmelo durare un po'. Non sono più riuscito a staccarmene e l'ho finito in un giorno. Credo basti questo a definirne il livello.

  • User Icon

    bruno

    28/10/2017 17:43:12

    La rabbia del commissario Ballestreri continua a bruciare in un continuo saltare avanti ed indietro di 12 anni. Sono belle e fedeli le descrizioni di quegli anni, un tuffo nel passato. Molti colpi di scena, una lettura affatto noiosa con un finale inatteso. E sotto una profonda disillusione per quello che questo Paese avrebbe potuto essere e mai non sarà

  • User Icon

    Buon libro

    26/10/2017 13:17:28

    Buon libro, non all'altezza della trilogia ma certamente migliore rispetto al precedente. Si legge con piacere e il finale non è per nulla scontato.

  • User Icon

    Ester Della Torre

    25/10/2017 19:10:10

    Bellissimo appassionante voto 10

  • User Icon

    zan

    22/10/2017 07:58:38

    Bello bello bello ...ancora una volta un'eccellente prova di Costantini, a conferma di una vena ispiratrice ben viva e di uno stile di scrittura affascinante. Merita (ancora una volta ...) il massimo dei voti.

  • User Icon

    glastonburi

    16/10/2017 21:19:04

    Bellissimo anche quest ultimo libro di Costantini. Scorrevole, ottima trama, ambientazioni affascinanti. Voto 10

  • User Icon

    Fabio

    03/10/2017 10:39:11

    Questa volta il protagonista dei libri di Costantini torna nei luoghi della sua adolescenza, costituendo il perno centrale di uno dei romanzi più "impegnati" dell'autore. Oltre alle tematiche già presenti nei gialli precedenti, come l'amore, l'odio, la rabbia, la parte più cupa e nascosta dell'Italia, qui si trattano anche temi politici con un'imparzialità assoluta e una visione d'insieme che sa catturare tutto il male delle dieviazioni e degli estremismi politici, sia di destra che di sinistra. Balistreri non ha perso la sua vena "maledetta" (coeretemente con la sua storia che conosciamo, trovandoci tra il 1974 e il 1986), eppure resta sempre un antieroe con un proprio codice morale. Difficile amare il protagonista, ma impossibile odiarlo. Romanzo consigliato per chi ha amato lo stile tipico del duplice filo temporale, da evitare per chi non apprezza questa tipologia di intreccio.

Vedi tutte le 20 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione