Categorie

Marco Franzoso

Editore: Einaudi
Collana: I coralli
Anno edizione: 2012
Pagine: 132 p. , Brossura
  • EAN: 9788806210144

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Cristiana

    14/07/2015 08.44.34

    Bello e scritto bene. Pervaso da una patina di misogenia in alcuni punti è fastidioso per una donna, o almeno per me; un libro duro sulla difficoltà di capirsi e di camminare insieme

  • User Icon

    Valancourt

    08/03/2015 00.19.25

    Un libro che mi ha coinvolto ed emozionato sino alla fine.

  • User Icon

    Cinzia - Madame Selle 28

    15/02/2013 17.11.36

    Uhm ?un libro che lascia dell'amaro in bocca. Durante tutta la lettura non facevo altro che domandarmi se fosse accaduto veramente ed appena finito mi sono subito documentata in merito: E' tratto da una storia vera è solo pura immaginazione dell'autore? La storiella dei "bambini indaco" è una teoria pseudoscientifica che trova sfoco nell' ambito del pensiero new age, secondo cui, appunto, esisterebbero dei bambini, caratterizzati da un'aura color indaco, che si possono definire "molto speciali" è da queste teorie che trova spunto "Il bambino indaco" di Marco Franzoso. Niente di vero, niente di successo veramente. E questo mi rincuora veramemente perché durante la mia lettura non facevo altro che pensare al povero piccino Pietro alle prese con questa mamma insana che gli impediva secondo le sue teorie esoteriche, alimentari ecc di CRESCEREEEE! Ho letto questo libro con gli occhi e il cuore di una mamma, odiando pagina dopo pagina Isabel e le sue scelte di vita. Desideravo che Pietro fosse mio figlio per dar lui tutto ciò di cui aveva bisogno dal cibo alle mille attenzioni/premure che solo le mamme possono dare ai solo cuccioli. Inoltre speravo nella sanità mentale di Carlo, di non esaurirsi dietro alle teorie della moglie e che aiutasse il bambino. Un libro che non mi ha fatto piangere ma che mi ha commosso profondamente. "Donne in attesa non leggetelo con gli occhi di Isabel ma con la fame e la voglia di vivere di Pietro.!"

  • User Icon

    cristina

    03/08/2012 08.11.59

    Comincia come un thriller, ma poi si rivela tutt'altro. Inaspettato, come è stato il fatto che mi capitasse tra le mani, per puro caso e senza averlo voluto. Un altro di quei libri che sono come un pugno nello stomaco, ti smuovono qualcosa dentro. Ancora il tema di "Quando la notte" (che ormai sembra perseguitarmi). Bella e profonda anche la recensione di Tiziano Scarpa sul risvolto di copertina. Da questo momento in poi so già che guarderò con occhi diversi i vasetti di omogeneizzati alla carne sugli scaffali dei supermercati.

  • User Icon

    Salmantino

    13/04/2012 22.44.21

    manca qualcosa a questo romanzo di amore morte esoterismo anoressia scritto da un uomo. La prosa non mi scalda: piuttosto lineare, non crea sussulti. Le immagini non mi convincono: l'introspezione riesce ad essere efficace solo nell'ultimo capitolo. Troppo poco perché lo si possa definire un romanzo riuscito

  • User Icon

    gisella

    01/04/2012 16.08.07

    Una storia molto triste.... Forse un po' inverosimile; non so come si possa arrivare ad un punto simile senza che le istituzioni preposte intervengano adeguatamente. Una lettura profonda che fa riflettere...

  • User Icon

    monica

    04/03/2012 11.40.29

    un argomento forte...quasi un tabù...sono contenta che un uomo abbia trattato così bene una madre così dolorosamente presa dalla sua follia...ma lei non poteva essere aiutata o salvata?...da leggere anche se non si è madri ma comunque donne!

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione