Il bambino nella ghiacciaia

James M. Cain

Traduttore: R. Birindelli
Collana: La memoria
Edizione: 2
Anno edizione: 1985
In commercio dal: 28 maggio 1985
Pagine: 172 p.
  • EAN: 9788838902666
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 4,32
Descrizione
In una prefazione del 1940, contro chi crede che il piacere del leggere "avventure" sia inesistente o puerile, Borges scrive: "Il romanzo di peripezie è un oggetto che non tollera nessuna parte ingiustificata. Il timore di incorrere nella semplice varietà successiva impone a quel romanzo un intreccio rigoroso". Definire congegni perfetti nell'intreccio, questi racconti di Cain, è forse un esagerazione. È a volte il colpo di scena che vi domina, spesso improbabile, e in una sfilata di spacconi colti nel loro ambiente di snack-bar e stazioni di servizio: "tutta gente che vi guardereste bene dal far entrare in casa dalla porta principale". C'è però qualcosa che distacca Cain dal magma della letteratura popolare. Quando "Il postino suona sempre due volte" fu tradotto in italiano, nel 1945 da Giorgio Bassani, i più accorti l'avvertirono e fecero del romanzo una lettura obbligata per chi voleva conoscere l'America. È il piacere grezzo per l'azione come via d'uscita dalla noia quotidiana, e al tempo stesso il senso della crudeltà di tutta quell'affannata "ricerca della felicità". E Cain - come il più moralista Hammett, come il più pensoso Chandler - venne a rappresentare il lato più grezzo e greve del sogno americano.

€ 6,80

€ 8,00

Risparmi € 1,20 (15%)

Venduto e spedito da IBS

7 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    roberto cocchis

    10/04/2005 19:43:57

    Questi racconti sono la cosa migliore che ho letto di Cain, un onesto artigiano che deve la sua fama soprattutto alla riduzione cinematografica di alcune opere. Qui, anche se lo schema di ogni storia si assomiglia, gli stereotipi sono un po' meno marcati che nei romanzi e i personaggi un po' meno prevedibili. Forse il principale difetto dei romanzi è proprio quello di sembrare, spesso, dei racconti tirati per le lunghe, il che qui non può avvenire.

Scrivi una recensione