Bancarotta. L'economia globale in caduta libera

Joseph E. Stiglitz

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806224875
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Usato su Libraccio.it - € 8,37

€ 13,18

€ 15,50

Risparmi € 2,32 (15%)

Venduto e spedito da IBS

13 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Nobile

    24/10/2017 16:49:59

    Questo libro si occupa della crisi economico-finanziaria che ha colpito gli Stati Uniti d'America e ne analizza tutti gli avvenimenti susseguiti tra il 2007 e il 2010, indicando anche le misure che si sarebbero dovute adottare e che non sono state adottate. Nel complesso il libro di stiglitz rinforza il mio convincimento in ordine all'idea secondo la quale il mondo Occidentale e non solo è governato da un'oligarchia capitalistico-finanziaria spregiudicata e priva di scrupoli, con un potere immenso capace di dettare in via esclusiva l'agenda governativa dei vari paesi, primo fra tutti, degli USA. Il potere di questo ceto capitalistico è ontologicamente diretto a realizzare il desiderio di profitto a scapito di tutti gli altri ceti sociali: tutti quelli che non appartengono all'oligarchia costituiscono solo terreno di caccia, vittime designate prive di qualunque forma di garanzia o tutela. In passato i disastri del capitalismo erano circoscritti in alcune aree del globo (terzo, quarto mondo); la crisi manifestata a partire dal 2007 dimostra che a partire dagli anni novanta anche il Primo e il Secondo mondo e gli stessi Stati Uniti d'America sono diventati l'obiettivo dell'azione nefasta dell'oligarchia capitalistico-finanziaria. La causa fondamentale di questa espansione è il crollo del blocco sovietico che ha permesso e legittimato una sistematica deregolamentazione dell'economia e dei mercati secondo la volontà e i desideri degli oligarchi. Il capitalismo non può essere eliminato perché ha le sue radici nel carattere umano; quello che si può fare per limitarne i danni e fruire dei suoi benefici in modo più esteso è regolamentarlo, tuttavia la regolamentazione del capitalismo può avvenire, come insegna l'esperienza, solo se esiste al suo esterno una forza capace di competervi, secondo una logica di tipo manicheo. Purtroppo oggi questa forza non c'è. ...

Scrivi una recensione