La bella scrittura

Rafael Chirbes

Traduttore: A. Guarino
Editore: Feltrinelli
Collana: I narratori
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 23 giugno 2016
Pagine: 118 p., Brossura
  • EAN: 9788807031977
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 7,02
Descrizione

Un piccolo grande romanzo di Chirbes, semplice da leggere ed estremamente avvincente. La storia di una passione illecita e di un tradimento.

La bella scrittura è soprattutto la storia di una passione illecita e di un tradimento, in cui sentimento, politica ed etica si compenetrano e si contrappongono.
Ana, ormai anziana, vuole morire nella sua casa, popolata soltanto dai ricordi. Il figlio e la nuora vogliono invece abbatterla e costruire al suo posto un bel condominio, dove la donna potrebbe abitare in un appartamento nuovo. Di fronte alla minaccia della cancellazione di quanto rimane del suo passato, Ana inizia a scrivere un memoriale per il figlio, rievocando le persone che hanno abitato la casa: i suoceri, il marito Tomàs, il cognato Antonio e, nello stesso tempo, rivivendo le speranze degli anni trenta, le angosce della Guerra civile e gli anni cupi e repressivi del franchismo. Ana racconta frammenti di una vita di piccole miserie che dominano i rapporti personali e famigliari. Un congiunto di gesti e silenzi che segna le vite di personaggi feriti dal tradimento e dalla slealtà.
Un breve romanzo che provoca quasi dolore fisico, scritto con grande maestria, con le parole giuste, l'espressione adeguata, e che dice sempre più di quel che scrive.

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Libro inedito Chiara Gamberale
OMAGGIO ESCLUSIVO PER TE
Con soli 19€ di libri del Gruppo Feltrinelli fino al 15/01/2019

Scopri di più

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Umberto Mottola

    13/07/2016 17:26:52

    Romanzo breve notevole, attraversato da una costate vena di tristezza. Singolare la voce narrante della protagonista che si rivolge narrando alla seconda persona singolare del figlio. La guerra, la fame, il franchismo, l'uscita dalla miseria, ma anche molti rancori familiari. Bello il concetto che i ricordi ci danno un'identità.

  • User Icon

    lina

    28/06/2016 19:36:34

    monologo-memoir che sa di già letto. non manca una certa levità nello stile ma non avvince.

Scrivi una recensione