Categorie

Sergio Atzeni

Collana: La memoria
Edizione: 2
Anno edizione: 1996
Pagine: 136 p.
  • EAN: 9788838912948

recensione di Spirito, P., L'Indice 1997, n. 4

Non sono molti gli scrittori, specie i nuovi scrittori, abituati ad attingere al folklore, al mito, alla cultura popolare locale, al vasto patrimonio di storie e leggende regionali per cercare nuove strade tematiche o stilistiche. Sergio Atzeni, prematuramente scomparso, era uno di questi. Perciò è stato anche definito "scrittore etnico", se non fosse che una tale accezione rischia di essere limitativa.
Sardo purosangue, Atzeni in realtà ha sempre aspirato a una più ampia dimensione letteraria, certo non ristretta al regionalismo né tantomeno alla letteratura dialettale. Giocando una difficile scommessa: utilizzare la materia, la cultura e la lingua delle sue radici - stavolta sì - etniche per ottenere una scrittura che andasse ben oltre i confini di quella stessa cultura. Dall'"Apologo del giudice bandito" (Sellerio, 1986) al "Figlio di Bakunin* (Sellerio, 1991) fino a "Il quinto passo è l'addio" (Mondadori, 1995) Atzeni ha sempre seguito tale percorso, approdando con "Passavamo sulla terra leggeri" (Mondadori, 1996) - l'ultimo suo romanzo - a uno stile e a una struttura dai richiami e rimandi epici.
Quasi a voler dare conferma di questo originale progetto narrativo, Sellerio ha pubblicato due racconti di Atzeni, raccolti nel volumetto "Bellas mariposas". Si tratta del primo e dell'ultimo testo scritti da Atzeni: "Il demonio è cane bianco", già pubblicato tanto in volume quanto in rivista con il titolo "Araj dimoniu", e l'inedito "Bellas mariposas", che lo scrittore non aveva fatto in tempo a inviare all'editore prima della sua tragica scomparsa (il testo è da considerarsi comunque concluso).
Il primo ripropone un'antica leggenda sarda, rivisitata da Atzeni con spirito moderno ma attento a rimarcare i caratteri, i suoni, le movenze, gli echi di un'arcaica ballata. Il secondo è una sorta di leggenda metropolitana, ambientata nella Cagliari di oggi, in uno sfascio urbano comune a tante città. E qui Atzeni cerca nei modi e nei ritmi stranianti della rappresentazione moderna il senso e l'anima di un mondo antico.
Sono due forme diverse e complementari di una ricerca stilistica e strutturale tesa a raggiungere il risultato "alchemico" di una narrazione contaminata e pura a un tempo, soprattutto solida, di vasto respiro, in grado di inventare ed evocare altri mondi per meglio leggere e conoscere "questo" mondo.
Il piccolo Luisu, che cavalca un demonio attraverso terre arse e magiche dominate da perfidi baroni, e le due amiche e sorelle adolescenti Caterina e Luna che nella desolata periferia cagliaritana vivono di nulla nell'attesa di un delitto, sono uniti da comuni tensioni: il senso di un male oscuro che viene dagli uomini, l'attesa di un destino che si deve compiere, il riscatto di una presenza magica e risolutrice. Ferocia del potere, oppressione degli umili, passioni sfrenate, sono alcuni dei temi costanti nei racconti di Atzeni, motivi sparsi e disseminati in un groviglio di caratteri, personaggi, metafore, epifanie inattese, vicende sempre in bilico tra atmosfere quasi oniriche e improvvise cadute nel più crudo realismo. Il tutto amalgamato da una scrittura di elegante respiro, musicale.
Proprio la musica, la danza, sono elemento ricorrente nell'opera di Atzeni: non solo scelta tematica, ma precisa attenzione al ritmo delle frasi, delle parole, in un tentativo a volte estremo di avvicinarsi a una rappresentazione quasi scenica - ludica - del racconto. Pochi e irrilevanti i cedimenti: l'autore controlla la materia con severità, evitando facili scivolate in compiaciuti favoleggiamenti o inconcludenti iperrealismi.

Di Atzeni, morto giovane inghiottito dal mare della sua isola, pubblichiamo il primo e l'ultimo racconto: Il demonio è cane bianco, una vecchia leggenda sarda, del diavolo che viene a conoscere un paesino, e Bellas mariposas, una nuova leggenda sarda, di due ragazzine del melting pot umano di un quartiere popolare di Cagliari che in una giornata conoscono se stesse.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    angelo

    05/04/2014 00.08.47

    Ingredienti: una giornata trascorsa dentro la periferia cagliaritana, il mondo visto con gli occhi di una dodicenne scaltra e ingenua, tanti personaggi primitivi e frenetici come insetti, una lingua unica frutto saporito di un incrocio tra sardo e italiano. Consigliato: a chi vola come farfalla variopinta in un mondo grigio, a chi scava nel letame in cerca di diamanti.

  • User Icon

    mato

    15/05/2007 14.49.56

    Un libro molto carino che ci porta in un quartire popolare di cagliari, dove l'ignoranza, la povertà ma anche la voglia di riscatto della principale interprete si mescolano fra loro per rendere la lettura cruda e divertente. Io sono vissuto in un quartiere popolare e vi assicuro che certe cose le ho vissute. Il libro che ho letto conteneva anche una fiaba leggenda intitolata "Il demonio è cane bianco". La ciliegina sulla torta. Da non perdere.

  • User Icon

    Manuel

    17/01/2007 19.23.13

    Io non mi sono tanto divertito. Si tratta di un libro molto suggestivo e molto ma molto sardo. Il secondo racconto, Bellas Mariposas, è quello che specialmente mi ha fatto riflettere, mi ha catapultato in una realtà che sta dietro casa e allo stesso tempo può apparire così distante. Lo smarrimento, la mancanza di prospettive, l'ignoranza, che logora lo spirito quando non è saputa gestire. Senz'altro un racconto molto umano e molto polemico, più che far ridere dovrebbe mettere in evidenta le disuguaglianze, l'indifferenza e la responsabilità della gente "bene"; specie la provincialissima borghesia cagliaritana.

  • User Icon

    Marco Onni

    12/12/2000 12.00.12

    Divertentissimo spaccato del proletariato cagliaritano, scritto per buona parte in un italiano imbastardito dal dialetto cittadino, utilizza un linguaggio che più reale non si può. I sardi si divertiranno moltissimo a leggerlo, gli altri, dopo averlo letto, avranno voglia di visitare Cagliari. Da non dimenticare i capolavori di Atzeni: "L'ultimo passo è l'addio", "Passavamo leggeri sulla terra", "Il figlio di Bakunin".

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione