Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata...

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Regia: Luigi Zampa
Paese: Italia
Anno: 1971
Supporto: DVD
Salvato in 35 liste dei desideri

€ 7,99

Punti Premium: 8

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
DVD

Altri venditori

Mostra tutti (9 offerte da 6,92 €)

Un operaio emigrato in Australia cerca moglie per corrispondenza usando la foto di un amico. Lo raggiunge, senza rivelarsi, una ex prostituta che vuole cambiare vita. Le reciproche bugie creano una serie di malintesi ma alla fine i due si sposano.
4,33
di 5
Totale 3
5
1
4
2
3
0
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    greg

    13/05/2020 10:32:32

    Un film godibilissimo dall'inizio alla fine, che non sbaglia una curva. Buono per tutte le stagioni. Storia interessante e verosimile e scorci di bei paesaggi australiani con nel sottofondo il dramma dell'emigrazione italiana.

  • User Icon

    Michele Bettini

    14/01/2018 19:02:19

    Evitiamo i superlativi e prendiamo atto del fatto che la storia qui descritta è assai verosimile. Lo sarebbe stata ancora di più se il finale non fosse stato felice, perché c'è chi ci ha provato cento volte e gli è sempre andata male.

  • User Icon

    Ernesto

    13/09/2013 21:53:13

    Con questo bellissimo film, il bravo Luigi Zampa ha colto in pieno il clima che si respirava in quegli anni. Quando migliaia di nostri connazionali spinti dal bisogno, erano costretti a varcare l'oceano nella speranza di un futuro migliore. Alberto Sordi e Claudia cardinale sono superlativi. Bravi anche i vari personaggi di contorno. Un film che sa farci divertire, ma anche commuovere.

Due promessi sposi s'incontrano grazie a un annuncio

Trama
Giovanni, un brav'uomo emigrato in Australia, da molti anni vorrebbe una moglie italiana. Manda in patria un annuncio corredandolo con la foto di un suo amico molto più prestante di lui. Arriva una ragazza giovane e bellissima, che però è una prostituta. L'incontro fra i due promessi non è dei più felici (Giovanni delude la donna con il suo aspetto, ma è a sua volta non poco scioccato dalla scoperta della professione di lei). Tuttavia alla fine i due si metteranno insieme (lui innamoratissimo, lei meno).

1972 - David di Donatello - Miglior attrice - Cardinale Claudia

  • Produzione: Medusa Home Entertainment, 2013
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 115 min
  • Lingua audio: Italiano (Dolby Digital 5.1)
  • Lingua sottotitoli: Italiano per non udenti
  • Formato Schermo: Widescreen
  • Area2
  • Alberto Sordi Cover

    "Attore e regista italiano. Comincia a recitare a metà degli anni ’30 dividendosi fra l’avanspettacolo, il teatro di rivista e piccole comparse al cinema (dà la voce a Ollio/O. Hardy). Il primo film da coprotagonista è I tre aquilotti (1942) di M. Mattòli, anche se negli anni ’40 i maggiori successi gli vengono dal teatro leggero e dalla radio, medium nel quale S. sperimenta e costruisce una galleria di personaggi che porterà infinite volte e con grande successo al cinema, ritraendo un uomo banalmente medio la cui apparente cattiveria nasconde una malcelata ingenuità, un cialtrone sostanzialmente vigliacco, uno sbruffone succube delle circostanze, un individuo in bilico fra la tragedia e la farsa. F. Fellini si accorge del suo immenso talento e lo chiama a interpretare il meschino divo dei... Approfondisci
  • Claudia Cardinale Cover

    "Attrice italiana. Mentre frequenta il Centro sperimentale di cinematografia, il produttore F. Cristaldi le propone un contratto a lungo termine (e in seguito la sposa). Con I soliti ignoti (1958) di M. Monicelli e con il sequel L’audace colpo dei soliti ignoti (1959) di N. Loy, il pubblico si accorge di questa attrice dalla bellezza corrusca, subito notata anche da L. Visconti, che la vuole in Rocco e i suoi fratelli (1960), film in cui comincia a emergere il suo profilo drammatico, fino ad allora messo in ombra dal ruolo di ragazza di borgata, splendida e non priva di una certa malizia; personaggio, quest’ultimo, che comunque non abbandona, per es. con Il bell’Antonio di M. Bolognini, e I delfini di F. Maselli, ambedue del 1960. La sua personalità si consolida nella parte di ballerina dalla... Approfondisci
Note legali