Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Stripe PDP Libri IT
Le benevole - Jonathan Littell - copertina
Le benevole - Jonathan Littell - 2
Le benevole - Jonathan Littell - 3
Le benevole - Jonathan Littell - 4
Salvato in 69 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Le benevole
12,00 €
LIBRO USATO
Venditore: ilsalvalibro
12,00 €
disp. immediata disp. immediata (Solo una copia)
+ 5,00 € sped.
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ilsalvalibro
12,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libro di Faccia
25,30 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
12,96 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
ibs
22,80 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
22,80 € Spedizione gratuita
disponibile in 7 settimane Non disponibile
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ilsalvalibro
12,00 € + 5,00 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - Come Nuovo
Libro di Faccia
25,30 € + 5,30 € Spedizione
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Usato Usato - In buone condizioni
Libraccio
12,96 € Spedizione gratuita
Usato
Aggiungi al carrello
Chiudi
Le benevole - Jonathan Littell - copertina
Le benevole - Jonathan Littell - 2
Le benevole - Jonathan Littell - 3
Le benevole - Jonathan Littell - 4
Chiudi
Chiudi

Promo attive (0)

Descrizione


Maximilian Aue dirige una fabbrica di merletti nel Nord della Francia, la guerra è ormai lontana. È nato in Alsazia da madre francese: parla così bene la lingua materna che non ha avuto difficoltà a nascondere, durante il caos del dopoguerra, il suo passato da ufficiale delle SS. Racconta la sua storia senza alcun rimorso. Infanzia in Francia, studi di diritto e di economia politica in Germania: il giovane Maximilian è intelligente, colto, omosessuale (in lui l'omosessualità si lega all'incesto, all'amore morboso per la sorella). Sorpreso in un luogo compromettente, viene salvato da un giovane SS che lo prende sotto la sua protezione: Max entra nelle SS anche perché è affascinato dall'ideologia nazista. Dopo essere stato a Parigi, passa sul fronte orientale: in qualità di ufficiale redige rapporti per i vertici del Reich sull'avanzare della campagna di Russia. Ferito alla testa a Stalingrado, si salva per miracolo e diventa un eroe nazionale. In seguito lavora a stretto contatto con Himmler per riorganizzare i campi di concentramento, e viene spedito a cercare in Ungheria manodopera per le industrie belliche. A Berlino si dedica alla scherma e al nuoto; assiste ai concerti diretti da Karajan e Furtwängler; ha una sterile storia sentimentale con una donna. Dopo un tentativo di fuga in Pomerania, ritorna nella capitale e vive il crepuscolo del nazismo. Un affresco epico e tragico, che fa rivivere la tragedia della seconda guerra mondiale dal punto di vista ripugnante dei carnefici.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2007
2 ottobre 2007
953 p., Rilegato
9788806187316

Valutazioni e recensioni

3,73/5
Recensioni: 4/5
(115)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(51)
4
(27)
3
(7)
2
(15)
1
(15)
Roppi
Recensioni: 1/5

Libro letto con crescente disagio sino a raggiungere il livello di enorme disagio, vuoi per la sgradevolezza dei temi trattati, del protagonista (cosa che certo non mi ha più di tanto colto di sorpresa) ma anche a causa del linguaggio assai ricercato, direi sfociante nell'auto-compiacimento adottato dall'autore. Scambiato con un molto più semplice e gradevole "Le lacrime della giraffa" ed il bellissimo "Il prigioniero del cielo" del compianto Zafon.

Leggi di più Leggi di meno
Raffaele
Recensioni: 5/5

Ho trovato questo libro molto interessante e coinvolgente, durante la lunga lettura sono stato nello stesso tempo vittima e carnefice, è stato come partecipare in prima persona agli eventi provando le sensazioni di entrambi. Un quadro storico descritto con attenzione e scrupolo che mi ha impressionato e stimolato, per quanto mi riguarda tra i migliori romanzi del genere.

Leggi di più Leggi di meno
L.
Recensioni: 5/5

Un libro immenso, un capolavoro da far leggere nelle scuole.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,73/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(51)
4
(27)
3
(7)
2
(15)
1
(15)

La recensione di IBS

La voce che ascoltiamo leggendo questo romanzo è quella di un anziano direttore di una fabbrica di merletti. Maximilian Aue è sposato, ha due figli gemelli, vive nel nord della Francia e normalmente, dalla vetrata del suo ufficio, ascolta il rumore dei telai. Questo rumore di fondo, il ritmo della produzione che ha scandito la sua vita dalla fine della guerra, è anche il suono che percorre tutto il romanzo. Intitolati con i nomi dei vari balli, Toccata, Sarabanda, Minuetto, proprio come in una danza macabra e cinica, i capitoli del libro seguono la cronologia dei ricordi di Max Aue, facendoci addentrare nel mezzo della Seconda guerra mondiale.
Di madre francese e padre alsaziano, Aue è un ufficiale delle SS. Laureato in giurisprudenza, prima della guerra lavorava come archivista per il servizio di sicurezza della polizia del Führer, ma con l'apertura del fronte sovietico viene destinato a incarichi operativi, prima per redigere rapporti per i vertici del Reich e poi per collaborare all'organizzazione dello sterminio ebreo. Alla fine della guerra Aue riuscirà ad abbandonare Berlino in fiamme e a raggiungere la Francia, dove, grazie alla conoscenza della lingua e alla doppia cittadinanza, inizierà una nuova vita senza destare alcun sospetto.
L'epilogo della vicenda, l'impunità di questo gerarca che riesce a farla franca nonostante le atrocità commesse, ispira il titolo del romanzo: Le Benevole (in lingua originale Les Bienvieillants). Si tratta delle mitiche Eumenidi, cantate da Eschilo nell'Orestea, che si contrappongono alle Erinni (le divinità della vendetta) e proteggono Oreste dalla furia degli dei nonostante il matricidio di Clitennestra. Sono proprio le Benevole ad essere invocate alla fine del romanzo, quando Aue riesce a sfuggire alle ritorsioni naziste, ai bombardamenti alleati e anche ai giudici di Norimberga. Sono queste strane divinità, in grado di proteggere anche coloro che si sono macchiati dei crimini più efferati, a spingerci fino alla fine del romanzo senza riuscire ad odiare o a disprezzare il protagonista.
Maximilian Aue è un personaggio estremamente complesso. Omosessuale, innamorato segretamente di sua sorella gemella, odia sua madre (che una notte troverà assassinata insieme al suo compagno) e partecipa alla più grande strage della storia. L'ufficiale, durante la guerra, osserva e spiega, riporta gli episodi più raccapriccianti compiuti dai suoi colleghi e superiori nei confronti di ebrei, comunisti, zingari e omosessuali. Giudica le perversioni degli altri, ma non trascura le sue, non nasconde assolutamente niente delle sue pulsioni più segrete. In ogni pagina emergono nuovi personaggi che gli ruotano intorno creando un affresco sempre colorito e vario, eppure in nessuna circostanza il lettore è portato ad assumere una posizione netta.
Jonathan Littell descrive un uomo banale, ma non la banalità del male: il male di cui ci parla è estremamente complesso. Questa storia è costellata da burocrati che, come giustamente ha affermato Hannah Arendt, sono davvero convinti di stare eseguendo solo degli ordini, ma anche da sadici che torturano le loro vittime per provare piacere. Alcuni dei carnefici possono rifiutare di eseguire gli ordini e dimostrare compassione, altri si trovano costretti a guardare scene raccapriccianti per poi vomitare nelle loro camerate, o ubriacarsi, o suicidarsi. Nel romanzo di Littell c'è tutto questo, un intero universo di uomini in guerra che perseguono il male con i mezzi che hanno a disposizione, con maggiore o minore potere, con maggiore o minore cattiveria, con la loro umanità.
è un libro che demolisce lo stereotipo del nazista deliberatamente crudele, così come quello dell'esecutore acritico e meccanico della volontà del Führer cui è assoggettato. Ci restituisce un uomo che sorride di fronte al compagno fanatico, vede la morte di troppi ebrei come un problema cui far fronte, si interroga sull'opportunità di alcune decisioni e teme per la sua vita.
Maximilian Aue non è un invasato, è solo, banalmente, un nazista razionale, un uomo che gioca la sua parte in una guerra. Un uomo normale e reale. Quello che non vorremmo vedere, che è sotto gli occhi di tutti, che Jonathan Littell ha portato alla luce. Alla fine del romanzo, scritto con una prosa ricca e scorrevole, denso di descrizioni, citazioni colte, piacevoli divagazioni psicologiche e sociologiche, non si può non pensare all'interrogativo che molti anni fa Primo Levi si pose a proposito degli ebrei martoriati nei campi di sterminio. La stessa domanda è sottesa alla conclusione di questo romanzo, "è questo un uomo?"… La risposta probabilmente è "Sì".

Leggi di più Leggi di meno

Conosci l'autore

Jonathan Littell

1967, New York

Scrittore statunitense naturalizzato francese. Attualmente vive a Barcellona.Nato in una famiglia di origine ebraica, emigrata dalla Polonia negli Stati Uniti alla fine dell'Ottocento, è figlio dello scrittore Robert Littell e ha trascorso l'infanzia in Francia. Dopo tre anni all'università Yale, si reca nei Balcani in conflitto, dove si impegna nell'azione umanitaria per la quale lavorerà sette anni, soprattutto in Bosnia, ma anche in altri luoghi, quali la Cecenia, l'Afghanistan, il Congo. Nel 2001 lascia l'azione umanitaria per dedicarsi alla scrittura del suo primo romanzo, Le Benevole, che affronta il tema della Seconda Guerra mondiale e del fronte orientale, attraverso le memorie immaginarie di un ufficiale SS a cui ha dato il nome di Maximilien Aue. L'opera...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Aggiungi l'articolo in

Chiudi
Aggiunto

L’articolo è stato aggiunto alla lista dei desideri

Chiudi

Crea nuova lista

Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore