Le benevole - Jonathan Littell - copertina
Salvato in 362 liste dei desideri
disponibilità immediata disponibilità immediata
Info
Le benevole
16,15 € 17,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Le benevole 160 punti Effe Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
16,15 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
16,20 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
17,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
17,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
GIOLICART 4.0
17,00 € + 5,95 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
16,15 €
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Nani
16,15 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 3 gg lavorativi Disponibile in 3 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
16,20 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
LIBRIAMO
17,00 € + 4,99 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
17,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Bookbay Book Store
17,00 € + 5,90 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
GIOLICART 4.0
17,00 € + 5,95 € Spedizione
Disponibilità immediata Disponibilità immediata
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Le benevole - Jonathan Littell - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Le benevole Jonathan Littell
€ 17,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Vincitore premio Goncourt 2006

Maximilian Aue dirige una fabbrica di merletti nel Nord della Francia, la guerra è ormai lontana. È nato in Alsazia da madre francese: parla così bene la lingua materna che non ha avuto difficoltà a nascondere, durante il caos del dopoguerra, il suo passato da ufficiale delle SS. Racconta la sua storia senza alcun rimorso. Infanzia in Francia, studi di diritto e di economia politica in Germania: il giovane Maximilian è intelligente, colto, omosessuale (in lui l'omosessualità si lega all'incesto, all'amore morboso per la sorella). Sorpreso in un luogo compromettente, viene salvato da un giovane SS che lo prende sotto la sua protezione: Max entra nelle SS anche perché è affascinato dall'ideologia nazista. Dopo essere stato a Parigi, passa sul fronte orientale: in qualità di ufficiale redige rapporti per i vertici del Reich sull'avanzare della campagna di Russia. Ferito alla testa a Stalingrado, si salva per miracolo e diventa un eroe nazionale. In seguito lavora a stretto contatto con Himmler per riorganizzare i campi di concentramento, e viene spedito a cercare in Ungheria manodopera per le industrie belliche. A Berlino si dedica alla scherma e al nuoto; assiste ai concerti diretti da Karajan e Furtwängler; ha una sterile storia sentimentale con una donna. Dopo un tentativo di fuga in Pomerania, ritorna nella capitale e vive il crepuscolo del nazismo. Un affresco epico e tragico, che fa rivivere la tragedia della seconda guerra mondiale dal punto di vista ripugnante dei carnefici.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2014
Tascabile
21 febbraio 2014
956 p.
9788806219598

Valutazioni e recensioni

3,73/5
Recensioni: 4/5
(137)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(64)
4
(29)
3
(7)
2
(18)
1
(19)
Kurt
Recensioni: 5/5
Mattone

Non un libro ma un mattone in cui l'autore ha voluto dar sfoggio della sua capacità espressiva non riuscendo interamente nel proposito. A mio parere il libro ha tre livelli. Il 1mo ispirato a De Sade in cui il personaggio esprime le sue pulsioni e abitudini sessuali, francamente ne avrei fatto a meno perché nulla aggiunge alla trama del testo ed è la parte preponderante. Un livello narrativo, piuttosto povero come trama e infine quello storico. Ho appreso con sorpresa che si sarebbe documentato per ben 10 anni. Lo trovo ridicolo perché a parte alcuni errori storici, perdonabili sono se il testo fosse un semplice romanzo, per comprendere la psicologia e le motivazioni di Aue e di chi frequenta bastava leggere la biografia di Hoss, gli atti del processo ad Eichmann, itesti della Arendt e i diari di guerra delle SS. Alcuni personaggi sono poi lontani da come sono stati ricordati dai più stretti collaboratori.

Leggi di più Leggi di meno
Roppi
Recensioni: 1/5

Libro letto con crescente disagio sino a raggiungere il livello di enorme disagio, vuoi per la sgradevolezza dei temi trattati, del protagonista (cosa che certo non mi ha più di tanto colto di sorpresa) ma anche a causa del linguaggio assai ricercato, direi sfociante nell'auto-compiacimento adottato dall'autore. Scambiato con un molto più semplice e gradevole "Le lacrime della giraffa" ed il bellissimo "Il prigioniero del cielo" del compianto Zafon.

Leggi di più Leggi di meno
Cathy Ames
Recensioni: 5/5

Ho atteso parecchio, troppo tempo prima di leggere questo romanzo, scoraggiato dalle tante recensioni che lo tacciavano di eccessiva pesantezza; tutto tempo perso. Comincio col dire che l'opera in questione non è pesante, almeno per quanto riguarda lo stile dell'autore, il quale da grande prova di se con una prosa fluida e scorrevole, priva di orpelli; una prosa in grado di essere fredda e analitica quando le necessità della narrazione lo richiedono, ed al contempo capace di lanciarsi in lunghe divagazioni oniriche, accelerando il ritmo del racconto, fondendo realtà e immaginazione. Se lo stile non rappresenta un ostacolo alla fruizione dell'opera, forse lo stesso non si può dire relativamente alle vicende narrate; Littell non ci risparmia nulla: l'azione annientatrice messa in campo dalle forze tedesche nell'Europa orientale è descritta con generosità di dettagli; ciò che più sconvolge è il ribaltamento di prospettiva, il mettersi nei panni dei carnefici in un modo forse mai sperimentato in precedenza. Maximilian Aue è, infatti, un protagonista tratteggiato talmente bene e così in profondità che non è possibile osservare le sue azioni con la necessaria distanza; empatizzare con lui è inevitabile. Aue ci mostra le brutalità del nazismo come un prodotto di tante piccole azioni messe in campo da uomini le cui motivazioni sono tra le più varie: ben pochi sono mossi dal cieco fanatismo che tutti ci aspetteremmo; la maggior parte esegue il suo compitino, con lo spirito del burocrate che vuol far la sua parte al meglio delle sue capacità. Lo stesso Aue entra nelle s.s. per necessità; disprezza gli ebrei ma non sa ben spiegarsi il perché; è un figlio dei suoi tempi che opera nel vero stile delle s.s.: senza odio, senza passione.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

3,73/5
Recensioni: 4/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(64)
4
(29)
3
(7)
2
(18)
1
(19)

Conosci l'autore

Jonathan Littell

1967, New York

Scrittore statunitense naturalizzato francese. Attualmente vive a Barcellona.Nato in una famiglia di origine ebraica, emigrata dalla Polonia negli Stati Uniti alla fine dell'Ottocento, è figlio dello scrittore Robert Littell e ha trascorso l'infanzia in Francia. Dopo tre anni all'università Yale, si reca nei Balcani in conflitto, dove si impegna nell'azione umanitaria per la quale lavorerà sette anni, soprattutto in Bosnia, ma anche in altri luoghi, quali la Cecenia, l'Afghanistan, il Congo. Nel 2001 lascia l'azione umanitaria per dedicarsi alla scrittura del suo primo romanzo, Le Benevole, che affronta il tema della Seconda Guerra mondiale e del fronte orientale, attraverso le memorie immaginarie di un ufficiale SS a cui ha dato il nome di Maximilien Aue. L'opera...

Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Cerca Cerca
Cerca
Chiudi

Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Chiudi

Verrai avvisato via email sulle novità di Nome Autore