Categorie

Jonathan Littell

Traduttore: M. Botto
Editore: Einaudi
Collana: Super ET
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
Pagine: 956 p.
  • EAN: 9788806219598

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    giorgia vesentini

    14/07/2015 14.13.40

    Il titolo deriva da Eschilo: le Benevole sono le Eumenidi dell'Oresteade, dove si racconta che Oreste, dopo aver ucciso la madre per vendicare l'assassinio del padre (Agamennone), vaga per il mondo perseguitato dai rimorsi (personificati dalle Erinni) fino a quando non viene giudicato dall'Aeropago che trasforma le Erinni in Eumenidi (cioè Benevole). Quindi l'impianto del romanzo è classicamente tragico, e la ragione che giudica è quella del protagonista stesso, che deve raccontare tutto il male che ha fatto per purificarsi. La vicenda familiare riaffiora a spezzoni ed è un classico della psicanalisi: incesto con la sorella gemella (unica donna mai amata), abbandonato dal padre, odio vendicativo contro la madre fino a regolare i conti con lei in un matricidio sonnambulico, incapacità di amare ed essere leale con chiunque (tranne il Furer!), omossessualità dichiarata e goduta ma nascosta per motivi politici. La carriera nelle SS: prima la liquidazione degli ebrei polacchi (con tanto di scene raccapriccianti che fanno venire la nausea perfino al protagonista), poi un piacevole soggiorno sul Mar Nero (con tanto di divagazioni lessicali sui popoli del Caucaso), la tremenda vicenda della battaglia di Stalingrado con il rischio della vita, il rientro a Berlino e la direzione dell'aspetto dei campi di concentramento che riguarda il lavoro degli internati. Infine i tragici giorni della fine del Reich, in una Berlino distrutta dai bombardamenti, e la inopinata salvezza finale. Il protagonista, con il quale si finisce a tratti per fraternizzare, riflette in modo profondissimo e coltissimo su tutto ciò che sta vivendo: l'analisi della colpa della Shoah, sia per i singoli che per la Germania intera, è condotta incessantemente sotto tutte le categorie, storiche, filosofiche, culturali, sociali, politiche, ? nel frattempo delinea un quadro storico accuratissimo di tutto l'apparato del nazismo e delle varie fasi della guerra, ovviamente solo la parte che riguarda i tedeschi.

Scrivi una recensione