Chiudi

Siamo spiacenti si è verificato un errore imprevisto, la preghiamo di riprovare.

Blocco 11. Il bambino nazista - Piero Degli Antoni - ebook

Blocco 11. Il bambino nazista

Piero Degli Antoni

Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Testo in italiano
Cloud: Scopri di più
Compatibilità: Tutti i dispositivi (eccetto Kindle) Scopri di più
Dimensioni: 494,63 KB
Pagine della versione a stampa: 248 p.
  • EAN: 9788854124585
Salvato in 4 liste dei desideri

€ 4,99

Punti Premium: 1

Venduto e spedito da IBS

EBOOK

Compatibile con tutti i dispositivi, eccetto Kindle

Cloud: Sì Scopri di più

Aggiungi al carrello
spinner
Fai un regalo
spinner

non è possibile acquistare ebook su dispositivi Apple. Puoi comunque aggiungerli alla wishlist

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Un campo di concentramento. Un prigioniero da sacrificare. L’orrore di Auschwitz rivive in un thriller a orologeria.

Auschwitz, 1944. Dieci detenuti sono rinchiusi in isolamento, condannati a pagare con la vita l’evasione di tre compagni. Tra loro una donna, alcuni ebrei, un comunista, un gay, un ex SS. L’esecuzione è fissata per la mattina successiva, ma il comandante del campo decide che solo uno sarà sacrificato e infligge ai prigionieri un crudele supplizio: saranno loro stessi a stabilire chi merita di morire. Le ore passano, e nella baracca la tensione e la paura si fanno insostenibili, tra reciproche accuse, rivelazioni e segreti inconfessabili. Poco lontano, intanto, il comandante gioca con suo figlio una macabra partita a scacchi che si avvicina all’inesorabile conclusione. Chi sarà sacrificato? Alle prime luci dell’alba i prigionieri sono ancora in attesa, in bilico tra la vita e la morte.

«È un libro che mi ha commosso.»
Nedo Fiano, sopravvissuto di Auschwitz-Birkenau

Hanno scritto di Piero Degli Antoni:

«Uno dei pochi, tra i nostri scrittori, che sappia cosa sia un ritmo narrativo e che riesca a tenerlo egregiamente per tutta la trama.»
Il Sole 24 ore

«Una scrittura asciutta e svelta.»
Corriere della Sera

«Uno dei più bravi scrittori di thriller italiani.»
Il Mattino

Piero Degli Antoni è nato a Bergamo nel 1960 e vive a Milano. È sposato e ha tre figli. Giornalista professionista, ha lavorato per varie testate. Attualmente si occupa di spettacoli per il Quotidiano Nazionale. Ha pubblicato Gli uomini preferiscono le donne, Sarò sincero, La verità è un’altra, L’udienza è tolta, Ghiaccio sottile, La notte di Peter Pan, Quel che non è stato.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

4,54
di 5
Totale 19
5
11
4
7
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Vittorio

    28/12/2020 10:29:00

    Coinvolgente dall'inizio alla fine, ti fa amare i personaggi e ti fa entrare nell'inferno di un campo di concentramento...ed il finale è pura poesia!! Splendido libro.....

  • User Icon

    Fabrizio

    09/01/2020 14:17:37

    Libro entusiasmante, che ti tiene con il fiato sospeso dall'inizio alla fine

  • User Icon

    Giovanni Galaffu

    09/08/2019 21:24:49

    Romanzo scorrevole e avvincente anche se ha qualche buco / lacuna nella narrazione. Rende discreta giustizia agli orrori dei lager e mette in scena una tensione, legata alla "bambina" che invoglia il lettore ad andare avanti senza fermarsi. Il finale mi è sembrato un po' frettoloso.

  • User Icon

    Giovanni Galaffu

    09/08/2019 21:24:29

    Romanzo scorrevole e avvincente anche se ha qualche buco / lacuna nella narrazione. Rende discreta giustizia agli orrori dei lager e mette in scena una tensione, legata alla "bambina" che invoglia il lettore ad andare avanti senza fermarsi. Il finale mi è sembrato un po' frettoloso.

  • User Icon

    Anna

    15/05/2019 15:54:05

    Lettura interessante e sconvolgente, che ti fa rabbrividire. La storia è coinvolgente e ben scritta. Dieci prigionieri in un campo di concentramento che dovranno decidere la vita di uno di loro. Le storie s'intrecciano e si confondono in una partita a scacchi dove le pedine sono i 10 derelitti. Nove uomini e una donna perché la Regina è una sola. Una lettura drammatica che andrebbe consigliata per non dimenticare che quello che ci sembra assurdo è esattamente la realtà di ciò che è realmente successo.

  • User Icon

    CETRIOLINA87

    08/10/2017 14:16:33

    QUANDO SI LEGGONO LIBRI CHE TRATTANO TEMI COSI CRUDI, TOSTI, ATROCI E PURTROPPO REALI CI SI ASPETTA CHE CIÒ CHE LEGGEREMO SARÀ DIFFICILE DA DIMENTICARE E DA SOPPORTARE MA QUESTO LIBRO HA DAVVERO SUPERATO DI MOLTO TUTTO CIÒ! HO LETTO MOLTI LIBRI SULL'ARGOMENTO MA NON COME QUESTO SI APRONO NUOVI MONDI D CUI NON SI CONOSCEVA L'ESISTENZA LO SCHIFO AUMENTA È UN LIBRO MOLTO DURO, COME PURTROPPO LO È L'ARGOMENTO MA NON POSSO FARE MENO DI STRACONSIGLIARE QUESTO LIBRO! NATURALMENTE SE SIETE SENSIBILI ALLORA NON CREDO SIA IL LIBRO GIUSTO TROPPI DETTAGLI!! A CHI PIACE INFORMARSI SULL'ARGOMENTO ALLORA NON FATEVELO SCAPPARE...

  • User Icon

    Dami

    03/11/2016 20:46:47

    Un intreccio ben riuscito, raccontato in modo geniale e si legge velocemente in quanto gradevole ed a tratti commovente. Un finale interessante e... purtroppo, ti ricorda che dietro ad un racconto costruito con un po di fantasia ci sono storie simili veramente accadute!

  • User Icon

    raffaele

    02/01/2015 11:58:57

    Una bella sorpresa, ottimo libro scritto benissimo. Se possibile leggerlo tutto d'un fiato in giornata si apprezza il ritmo narrativo incalzante e mai banale. Merita un voto più alto.

  • User Icon

    Gondrano

    29/10/2013 16:46:50

    Romanzo molto bello ed intenso. Ho visitato Auschwitz non troppo tempo fa, ed immaginare le situazioni descritte in quei luoghi precisi mi ha coinvolto particolarmente.

  • User Icon

    Laura

    07/06/2013 10:30:16

    Il senso di questo romanzo è descritto, a mio parere, dallo stesso autore, nelle pagine in cui il comandante del lager - che ha imprigionato 10 detenuti pretendendo che siano loro stessi a consegnare al boia uno di loro, come punizione per l'evasione di alcuni compagni - descrive al figlio Felix il senso del gioco degli scacchi. Un gioco che non rappresenta solo una battaglia ma descrive anche gli uomini: ad ogni pezzo corrisponde anche una personalità, un modo di essere e di reagire sotto pressione. I 10 detenuti richiamano i pezzi degli scacchi e la loro è una partita contro la morte in un campo di concentramento, dove la dimensione umana e il senso del limite non trovano dimora. Peccato che il finale appaia un po' tirato via. Psicologico.

  • User Icon

    ferdi

    14/04/2013 11:39:10

    Non e' facile oggi scrivere di Auschwitz e farlo, oltre che con cognizione di causa , anke in maniera originale. Bel thriller forse piu' adatto ad una rappresentazione teatrale che allo sviluppo di un romanzo.In ogni caso scritto bene, con un buon ritmo e sufficientemente sorprendente...mezzo punto in piu' per il coraggio e la voglia di parlare ancora di una delle pagine piu' nere della storia dell'umanita', troppo spesso dimenticata e mistificata.

  • User Icon

    monica

    03/01/2012 13:36:44

    Un bellissimo thriller mi ha tenuta inchiodata ad ogni pagina e lo si legge in un fiato. Ambientato in un luogo tristemente famoso, dieci persone vengono recluse nel blocco 11 denominato ad Auschwitz il bloccodella moorte, la loro reclusione ha un unico solo macrabo scopo, le loro vite sono solo un gioco, sono pedine di una scacchiera. Il finale mi ha sopresa, e' un bellissimo thriller.

  • User Icon

    Leonardo

    14/09/2011 21:08:41

    Bellissimo libro,davvero commovente,soprattutto il finale,non ci sono parole! Sembra abbastanza realistico,anche se una situazione del genere non si è verificata davvero e il romanzo è inventato,non c'è dubbio che il trattamento brutale riservato agli ebrei fosse davvero quello descritto se non peggio. Fortemente consigliato!

  • User Icon

    Silvia

    02/07/2011 22:05:31

    Davvero molto bello e toccante questo libro... anche se non è un "romanzo come un altro", perchè qui siamo ad Auschwitz e ci ritroviamo a vivere poche ma intense e angoscianti ore insieme a dieci prigionieri costretti loro malgrado a prendere un'atroce decisione... Decisione che li costringerà a mettersi a nudo, a confessare colpe, rancori e rimpianti di una vita passata. Li vedremo perdere ogni speranza x il futuro con rassegnazione, li vedremo scontrarsi, litigare, sospettare di tutto e di tutti, li vedremo puntarsi il dito contro uno x volta.... Ma alla fine li vedremo finalmente prendere coscienza del fatto che il loro punto di forza è l'unione e solo collaborando mettendo da parte pregiudizi, rancori e incomprensioni anche personali, riusciranno a reagire ed opporsi in qualche modo e lottare, nonostante tutto, con i pochi mezzi disponibili... Davvero sconcertante la freddezza con cui il comandante gioca letteralmente con le loro vite... Il finale poi è davvero tanto commovente... Consigliato!!!

  • User Icon

    giada

    02/07/2011 15:28:48

    libro bellissimo che si legge tutto d'un fiato! l'autore è molto bravo a scrivere i dialoghi e a descrivere i personaggi. la trama è meno angosciante di quello che sembra, anzi è molto coinvolgente e il finale fa commuovere!! lo consiglio!!!

  • User Icon

    Rubio

    01/06/2011 11:53:00

    Coinvolgente,caratterizzazione psicologica dei protagonisti realista e commovente,buona la ricostruzione storica di un evento triste della storia umana... da leggere!

  • User Icon

    Koki

    16/11/2010 15:10:02

    bello!

  • User Icon

    andrea

    29/10/2010 14:33:20

    Non male questo romanzo, originale e in alcun casi con sorpresa. Forse sembra più una sceneggiatura per uno spettacolo teatrale che non un romanzo e credo anche che a teatro verrebbe molto bene. Comunque di può leggere, senza lode e senza infamia.

  • User Icon

    manlio

    11/10/2010 15:46:44

    Siamo di fronte ad un thriller, ma a un thriller di genere molto particolare. Innanzitutto perché è ambientato ad Auschwitz, in una baracca dove sono rinchiusi 10 prigionieri che devono decidere chi di loro sarà fucilato come punizione per la fuga di 3 loro compagni. Tutto più o meno si svolge in una notte. Eppure, nonostante queste premesse, il libro è tutt'altro che noioso o prolisso. I dieci personaggi sono descritti in modo asciutto e stringato, e la vicenda corre via veloce da un colpo di scena all'altro - per quanto possa sembrare incredibile. E' un thriller adatto a chi si è stufato di serial killer, di commissari o di marescialli. E' un libro che sorprende e avvince al tempo stesso, non è mai banale o noioso. Oltreutto spiega molto bene, direi più di un saggio, com'era realmente la vita ad Auschwitz. Da leggere senz'altro.

Vedi tutte le 19 recensioni cliente
  • Piero Degli Antoni Cover

    È giornalista dal 1979; ha scritto dieci romanzi per vari editori italiani (l’ultimo è Ti porterò nel buio, Sperling&Kupfer, 2015), tradotti in molti Paesi tra cui Germania, Francia, Spagna, Stati Uniti, Russia, Olanda, Corea. Ha vinto il Premio Azzeccagarbugli nel 2007 con il romanzo La notte di Peter Pan (Rizzoli, 2007).Nel 2015 esce un suo racconto nell'antologia Gente di Bergamo (Bolis Edizioni). Approfondisci
Questo prodotto lo trovi anche in:
Note legali