Bob Dylan in Concert. Brandeis University 1963

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Artisti: Bob Dylan
Supporto: Vinile LP
Numero supporti: 1
Etichetta: Columbia
Data di pubblicazione: 25 agosto 2017
  • EAN: 0889854382612
Salvato in 2 liste dei desideri

€ 23,90

Punti Premium: 24

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
VINILE
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

Disco 1
1
Honey, Just Allow Me One More Chance
2
Talkin' John Birch Paranoid Blues
3
Ballad of Hollis Brown
4
Masters of War
5
Talkin' World War III Blues
6
Bob Dylan's Dream
7
Talking Bear Mountain Picnic Massacre Blues
3
di 5
Totale 1
5
0
4
0
3
1
2
0
1
0
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Anna

    17/05/2020 15:50:36

    È il 10 maggio 1963 quando Dylan, alle soglie dei 22 anni, si presenta sul palco del Brandeis Folk Festival, presso la Brandeis University, nel Massachusetts. Gli studenti si raccolgono intorno a lui, armato di armonica a bocca e chitarra acustica, per un live che ancora oggi è in grado di restituirci l’atmosfera dell’epoca. Dylan apre il concerto con una versione di Honey, Just Allow Me One More Chance del bluesman Henry Thomas. Seguendo le orme del suo idolo Woody Guthrie, Bob mescola ironia e talkin’ blues, ingredienti fondamentali di quel concerto che punta i riflettori su un artista ancora in evoluzione, ma già fortemente carismatico e teatrale. Con i suoi sette brani in scaletta In Concert – Brandeis University 1963 viene pubblicato per la prima volta come bonus all’ultimo volume delle Bootleg Series, nel 2010. Oggi è possibile rivivere la magia di quel live in questa edizione in vinile da 180 grammi.

  • Bob Dylan Cover

    Vincitore del Premio Nobel per la Letteratura nel 2016, Bob Dylan (Robert Allen Zimmerman nato a Duluth, Minnesota, nel 1941) è un cantautore e scrittore statunitense. Erede delle cadenze folk di Woody Guthrie e di Pete Seeger, originalmente fuse − nella sua musica − con le sonorità «elettriche» del nuovo rock, è stato uno dei miti più suggestivi, e più «consumati», della controcultura giovanile degli anni Sessanta. Nei suoi testi, canzoni o ballate, blues o poesie (Epitaffi abbozzati, Outlined epitaphs; Qualche altro genere di canzone, Some other kind of song), gli echi della tradizione populista e della parlata nera si combinano con le sperimentazioni della poesia beat, i temi del vagabondaggio nei grandi spazi −... Approfondisci
Note legali