€ 16,99

Venduto e spedito da IBS

17 punti Premium

Disponibile dal 28/03/2019

Quantità:
Descrizione
Da qualche parte nelle suburb londinesi, Freddie Mercury è ancora Farrokh Bulsara e vive con i genitori in attesa che il suo destino diventi eccezionale. Perché Farrokh lo sa che è fatto per la gloria. Contrastato dal padre, che lo vorrebbe allineato alla tradizione e alle origini parsi, vive soprattutto per la musica che scrive nelle pause lavorative. Dopo aver convinto Brian May (chitarrista) e Roger Taylor (batterista) a ingaggiarlo con la sua verve e la sua capacità vocale, l'avventura comincia. Insieme a John Deacon (bassista) diventano i Queen e infilano la gloria malgrado (e per) le intemperanze e le erranze del loro leader: l'ultimo dio del rock and roll.

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    ILSanto

    29/01/2019 08:25:45

    Film straordinario. L'attore Rami Malek (nel ruolo del grande Freddie Mercury), merita di essere premiato con l' oscar

  • User Icon

    Marco e Pac

    22/12/2018 16:15:03

    Per chi ama i Queen film assolutamente da non perdere,un modo per veder rivivere il grande Freddie Mercury.. Davvero meraviglioso. Freddie unico. Marco e Pac

  • User Icon

    Emi

    19/12/2018 23:19:54

    Non lo si consideri semplicemente la storia della band. Un po' perché, come tutti i film, è in parte romanzato, ma soprattutto perché lo scopo del regista, qui, è essenzialmente quello di analizzare lo stato d'animo del frontman per eccellenza nella sua vita privata e di portarci con lui a toccare con mano le sensazioni provate di fronte ai suoi fans, su un palco, con una interpretazione memorabile. Ecco perché, nonostante alcune invenzioni (tipiche del mondo del cinema quando racconta la storia) e imprecisioni, è un film da ritenere senza dubbio consigliabile a chi ha amato e ama una tra le più leggendarie band musicali della storia. Ottima l'interpretazione degli attori, incredibilmente somiglianti ai veri!

  • User Icon

    Stefy

    16/12/2018 09:22:46

    Bellissimo. Da grande fan dei Queen aspettavo questo film da tempo. Ci sono alcune inesattezze cronologhe ed è un pò romanzato ma dopottutto è un film non un documentario e mi è piaciuto tantissimo!

  • User Icon

    Anita

    12/12/2018 16:06:56

    Bellissimo, ben fatto, piacevole !!

  • User Icon

    Eleonora

    12/12/2018 15:07:32

    Uno dei migliori film degli ultimi tempi. Eccellenti performance degli attori, soprattutto della star Rami Malek, che rende giustizia alla leggenda Freddie. Gli errori presenti sono ovvi e giustificati per questioni di trama. non è infatti pensato per essere un documentario, ma un omaggio a il più grande frontman nella storia della musica. Niente da dire, consigliato per tutte le età, per i fan e non. La storia si concentra su Freddie come artista e come persona, rispettando tuttavia la sua privacy risparmiando i suoi ultimi momenti di vita, quando la malattia lo consumava lentamente. Questo film è un inno al coraggio e alla forza di essere se stessi anche davanti alle difficoltà, capace di coinvolgere ed emozionare

  • User Icon

    tommaso

    11/12/2018 09:36:18

    Da Fan dei Queen da 30 anni non comprendo il perchè di questa pellicola..lasciando perdere le ottime performance degli attori e la musica, Il film è pieno di cose non vere, spero che May e Taylor lascino Freddie riposare in pace,se lo merita.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione

‘Bohemian Rhapsody’: Rami Malek will rock you

Il Freddie Mercury di Rami Malek è vitale, travolgente, e trasforma un film biografico pieno di difetti in un'esperienza da non perdere. La nostra recensione.

Mettete Rami Malek in cima alla lista dei favoriti per l’Oscar. Nei panni di Freddie Mercury, voce leggendaria dei Queen, la star di Mr. Robot compie un miracolo e azzecca il look, l’anima e le movenze di Mercury, morto nel 1991 dopo una lunga battaglia con l’AIDS. Sfortunatamente, il film di cui è protagonista ha avuto una gestazione complicata. Sacha Baron Cohen doveva interpretare Mercury, poi ha lasciato il progetto per divergenze creative. Poi il regista Bryan Singer, licenziato per le continue assenze sul set (al suo posto è intervenuto Dexter Fletcher, non inserito nei titoli di coda).

Detto questo, Bohemian Rhapsody prende forma come la storia di Mercury, dagli inizi all’aeroporto di Heathrow fino alla fondazione dei Queen con il chitarrista/studente di fisica Brian May (Gwilym Lee) e il batterista/studente di medicina Roger Taylor (Ben Hardy). La sua prima audizione fu in un parcheggio e, con una velocità vertiginosa il film ci porta subito al primo concerto con John Deacon (Joseph Mazzello), ultimo arrivato al basso. Timido lontano dal palco e confuso dai suoi sentimenti per Mary Austin (Lucy Boynton) e dalla sua crescente attrazione per gli uomini, Mercury era un uomo riservato e in conflitto con se stesso. Ma quando si siede al piano per suonare Love of My Life e mostrare il suo amore, le emozioni arrivano genuine grazie al lavoro di Malek e Boynton nell’interpretare i rispettivi ruoli. Ci sarà un motivo se nel suo testamento Mercury ha lasciato ad Austin il grosso del suo patrimonio. Non troviamo la stessa autenticità nelle scene sull’omosessualità, nelle feste e nelle orge che in questo film risultano più blande che trasgressive.

Nonostante parli della vita di una rockstar, Bohemian Rhapsody vuole diventare a tutti i costi un film adatto ai minori di 16 anni, e durante la trasformazione perde qualcosa di essenziale. Per fortuna c’è la musica, sempre presente per riempire i buchi della sceneggiatura scritta da Anthony McCarten (Darkest Hour, La teoria del tutto) cercando un virtuosismo che non viene mai a galla.

Poi c’è Malek, che è andato talmente a fondo nel suo personaggio da farci pensare di guardare il vero Mercury, con cui peraltro condivide l’esperienza da migrante (i genitori di Malek sono egiziani, quelli di Mercury di Zanzibar). Aiutato dal cantante Marc Martel, un “sosia vocale” di Mercury, Malek ha cantato comunque tutte le canzoni sul set, così da garantire una perfetta sincronia tra video e audio ed evitare un terribile effetto karaoke. Indossa anche denti finti, così da avere anche lui gli incisivi che Mercury diceva aiutassero a cantare meglio. Malek padroneggia anche la sensualità che la voce dei Queen portava sul palco, baffoni da pornostar compresi.

La scrittura della canzone Bohemian Rhapsody, uno strano mix tra rock e opera che esaltava Mercury nonostante i dubbi della critica, lascia spazio anche al cameo di Mike Myers, nei panni di un dirigente della EMI convinto che nessuno l’avrebbe mai passata in radio.

Il film ci fa ascoltare tutte le grandi hit dei Queen durante il suo climax, una scrupolosa riproduzione dell’apparizione al Live Aid del 1985, per molti la più grande performance della storia del rock. È difficile dargli torto. Non sappiamo quale diavolo di effetto speciale sia stato usato per ricostruire l’evento, ma la scena in cui Mercury duetta con il pubblico ci lascia qualcosa di essenziale a proposito rapporto tra la band e i suoi fan.

La vitalità travolgente di Malek merita tutti i complimenti che sta già ricevendo. Al diavolo i difetti di questo film – non perdetevi questa performance.

 


Trama

Da qualche parte nelle suburb londinesi, Freddie Mercury è ancora Farrokh Bulsara e vive con i genitori in attesa che il suo destino diventi eccezionale. Perché Farrokh lo sa che è fatto per la gloria. Contrastato dal padre, che lo vorrebbe allineato alla tradizione e alle origini parsi, vive soprattutto per la musica che scrive nelle pause lavorative. Dopo aver convinto Brian May (chitarrista) e Roger Taylor (batterista) a ingaggiarlo con la sua verve e la sua capacità vocale, l'avventura comincia. Insieme a John Deacon (bassista) diventano i Queen e infilano la gloria malgrado (e per) le intemperanze e le erranze del loro leader: l'ultimo dio del rock and roll.


Trama

Da qualche parte nelle suburb londinesi, Freddie Mercury è ancora Farrokh Bulsara e vive con i genitori in attesa che il suo destino diventi eccezionale. Perché Farrokh lo sa che è fatto per la gloria. Contrastato dal padre, che lo vorrebbe allineato alla tradizione e alle origini parsi, vive soprattutto per la musica che scrive nelle pause lavorative. Dopo aver convinto Brian May (chitarrista) e Roger Taylor (batterista) a ingaggiarlo con la sua verve e la sua capacità vocale, l'avventura comincia. Insieme a John Deacon (bassista) diventano i Queen e infilano la gloria malgrado (e per) le intemperanze e le erranze del loro leader: l'ultimo dio del rock and roll.

Golden Globes 2019 - Miglior film drammatico Golden Globes 2019 - Migliore attore in un film drammatico (Rami Malek)

  • Produzione: 20th Century Fox Home Entertainment, 2019
  • Distribuzione: Warner Home Video
  • Durata: 134 min
  • Area2