Breve storia del futuro

Jacques Attali

Traduttore: E. Secchi
Editore: Fazi
Collana: Le terre
Anno edizione: 2016
Pagine: 238 p., Brossura
  • EAN: 9788876258817

18° nella classifica Bestseller di IBS Libri - Società, politica e comunicazione - Politica e governo - Relazioni internazionali - Geopolitica

Disponibile anche in altri formati:

€ 14,88

€ 17,50

Risparmi € 2,62 (15%)

Venduto e spedito da IBS

15 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
Aggiungi al carrello

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Anna

    21/11/2011 12:01:29

    Previsioni lucide, chiare e lungimiranti che aiutano a inquadrare la criticità della situazione odierna, non solo dal punto di vista squisitamente economico.

  • User Icon

    marco

    31/07/2008 11:17:32

    E probabile che nel prevedere il peggio in tutti i campi qualche cosa si indovina <l'uomo nel mostrare la capacità di fare danno è riuscito sempre a superarsi>. Mi sono piaciute le informazioni sullo stato attuale di cambiamento del mondo, meno le ipotesi sul futuro , troppo distanti nel tempo ,intuire una costruzione sociale che si svilupperà tra oltre venti anni ? con la rapidità vissuta oggi capire cosa accadrà in un'orizzonte di pochi anni è già molto .

  • User Icon

    fulvio zanoni

    19/04/2008 12:21:28

    Nelle prime quaranta pagine di Jacques Attali, Breve storia del futuro, un libro che merita senz'altro di essere letto, ho còlto ben quindici errori o imprecisioni. Se un provinciale come me che di professione non fa lo storico ma il musicista è in grado di pizzicare Jacques Attali quindici volte in quaranta pagine, significa che: 1) questi nouveaux philosophes francesi, a cui tutta Europa chiede lumi, non sono poi così eccelsi; 2) la scuola italiana (almeno qui al nord) non è poi così male! Cordialmente, fulvio zanoni (Rovereto) . Errori o imprecisioni. . P.23 La piramide di Cheope non risale al 2400 aC bensì al 2600 o tutt’al più al 2500. P.28 I Micenei vengono definiti Cretesi. P.30 La sconfitta di Atene del 404 aC viene attribuita a Filippo re dei Macedoni (definito un vicino occidentale). P.31 Il saccheggio di Gerusalemme del 170 aC ad opera di Antioco IV, viene collegato ai romani. P.32 Fra i barbari che nel III secolo premono alle frontiere di Roma vengono citati gli Slavi. P.33 Bisanzio è collocata in Asia minore. P.33 Il decreto sulla libertà di culto del 313 viene attribuito a Massenzio (che nel 313 era già morto). P.33 La conversione di Costantino è datata al 320. P.33 I Mongoli vengono citati fra le tribù indoeuropee. P.35 I principati longobardi in Italia vengono datati al IX secolo. P.36 Nel XII secolo il centro del potere mondiale vira verso l’Europa: Francia, Inghilterra, Russia. E l’Italia? P.42 Nella prima metà del XIV secolo, Venezia viene definita una città ancora insignificante. P.43 Un ponte ardito sulle pendici del Brennero apre la via del san Gottardo: tre errori in una sola frase!

  • User Icon

    nicola morgantini

    04/04/2008 11:33:16

    Attali affronta con coraggio e disinvoltura un tema difficile. Il rischio era di scadere nella pseduo-fantascienza o di raccontare il futuro come una semplice amplificazione delle forze che dominano il presente. Molto plausibile l'ipotesi del capitalismo globale che annienta la politica e che porta l'umanità verso la catastrofe (siamo già su quella strada) e assai suggestiva la possibile reazione, speriamo ex ante, a ciò che sembra inevitabile: l'iperdemocrazia.

Vedi tutte le 4 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione