Breve storia del mondo

Ernst H. Gombrich

Traduttore: R. Cravero
Illustratore: F. Negrin
Editore: Salani
Collana: Brevi storie
Anno edizione: 2006
Pagine: 338 p., ill. , Brossura
  • EAN: 9788884516015
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Un classico della divulgazione, un libro che coniuga completezza e semplicità, torna in una versione tascabile, con una nuova immagine coordinata, realizzata dall'illustratore Fabian Negrin. "La favola vera del progresso dell'umanità ridotta in volume di poco più di trecento pagine: un'impresa che richiede coraggio, per non dire faccia tosta. E una non trascurabile conoscenza della materia. Gombrich si rivolge al lettore dandogli del tu, ma non nella maniera condiscendente di uno zio saccente, piuttosto come un fratello maggiore che racconta una storia ai fratellini più piccoli. E la similitudine è appropriata anche per descrivere il livello della scrittura: dai fratelli si pretende infatti che capiscano, che sappiano anche pensare con la propria testa. Gombrich è esigente nell'affrontare la materia: mostra gli sviluppi e descrive i passaggi epocali. Ma per parlarne ricorre a una lingua semplice e trasparente. Non appena gli è possibile, poi presenta personaggi rappresentativi del loro tempo. Non da ultimo, il grande pregio di queste 'storie vere' è che si leggono d'un sol fiato, guadagnando così il senso dell'avvicendamento o della contemporaneità degli decadimenti della storia." Die Zeit

€ 11,05

€ 13,00

Risparmi € 1,95 (15%)

Venduto e spedito da IBS

11 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 13,00 €)

 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    paganida

    06/11/2018 13:47:27

    Un gioiello per lettori adolescenti, irrinunciabile!

  • User Icon

    Giuseppe Roberto Mignosi

    19/08/2015 12:53:15

    Un libro molto adatto ai giovanissimi per il linguaggio chiaro e accattivante ma molto piacevole e utile anche per un pubblico adulto in quanto schema complessivo di una storia dell'umanità. Ovviamente, successivamente alla sua lettura, sarebbe opportuno approfondire i singoli temi ma anche una cultura "a volo di uccello" è già molto di più di quanto oggi non sia nella media conoscenza dell'uomo contemporaneo.

  • User Icon

    Stefano Girola

    27/07/2013 13:06:43

    Un libro molto scorrevole, piacevole da leggere e ricco di aneddoti e curiosità interessanti. Si rivela la grande capacità divulgativa che ha reso Gombrich uno scrittore molto amato dai lettori, soprattutto per la sua opera famosa sulla storia dell'arte. Tuttavia, questo libro è chiaramente viziato da un pesante eurocentrismo. Il titolo più appropriato secondo me dovrebbe essere: "Breve storia dell'Europa, con qualche accenno ai mondi extraeuropei". Questo eurocentrismo poteva essere normale quando Gombrich scrisse la prima edizione nel 1935 come un giovane neo-laureato, ma stranamente non si trova alcun accenno auto-critico in questa edizione rivista e aggiornata per un pubblico italiano, con pagine scritte anche negli anni '90. Qualche esempio di questo eurocentrismo? Non si parla dell'Oceania: il quinto continente del mondo, Australia inclusa, è del tutto ignorato. L'India merita un capitolo incentrato sull'induismo e su Buddha (500 ac), poi scompare. Della Cina, si afferma in modo risibile che praticamente è rimasta lo stesso paese dall'età di Cristo al XIX secolo! Questo commento, che farebbe accapponare la pelle ai sinologi di tutto il mondo, sembra più che altro una maldestra scusa dell'autore per aver ignorato nel libro gli sviluppi cinesi in quell'ampio arco di tempo. Scrivere una storia del mondo è molto complicato e selezionare è ovviamente necessario: però bisognerebbe avere l'onestà intellettuale di spiegare al lettore le ragioni di certe scelte ed esclusioni, e soprattutto di non illuderlo con un titolo che non rispecchia il contenuto di un'opera che comunque si fa leggere con piacere.

  • User Icon

    Piero Giombi

    30/07/2012 15:34:39

    Nella versione iniziale, l'austriaco Gombrich attaccava il Presidente degli Stati Uniti Wilson per non aver tenuto fede alla sua offerta di pace in 14 punti offerta all'Austria-Ungheria. Poi cambiò versione, scusandolo perché l'Austria-Ungheria aveva inizialmente rifiutato il piano Wilson, accettandolo solo quando la situazione militare si era fatta disperata. Cambiamento della serie: spesso gli storici danno giudizi avventati e si fanno accecare dal patriottismo. Poi Gombrich era ebreo ed aver visto gli austriaci accogliere con gioia il nazismo ha certo influito in questo cambiamento di idee.

  • User Icon

    stefano

    21/05/2012 13:54:02

    il miglior libro di storia che io abbia mai letto. incredibile la capacità di essere esaustivo in sole 300 pagine.

  • User Icon

    maurizio codogno

    12/06/2007 10:32:26

    Questo libro è stata la prima opera di Gombrich ad essere pubblicata, subito dopo la sua laurea. La leggenda vuole che avessero chiesto a Gombrich di tradurre in tedesco un libro di storia per ragazzi; lui, dopo averne visto qualcuno, aveva commentato che non gli piacevano per nulla e che l'avrebbe scritto meglio lui; al che l'editore lo prese in parola, e gli fece scrivere un capitolo di prova che fu accettato. L'unica fregatura fu che il libro sarebbe dovuto essere completato in trenta giorni, al che Gombrich seguì lo stile dei suoi vicini tedeschi e si mise a scrivere un capitolo ogni giorno, tranne la domenica in cui faceva leggere i suoi parti alla moglie. Il risultato secondo me è affascinante: il libro è indubbiamente scritto in modo che possa essere compreso da un ragazzo, ma ha una freschezza - mantenuta nella traduzione - che lo rende apprezzabile anche da chi ragazzo non lo è piu da qualche decennio. Aggiungo anche che in qualche punto mi sono stupito di avere imparato qualcosa di nuovo! L'unico neo a mio parere sono le illustrazioni di Fabian Negrin. Quelle proprio non sono riuscito a sopportarle: inutile, non mi piacciono.

Vedi tutte le 6 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione