Categorie

Massimo Mila

Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Formato: Tascabile
  • EAN: 9788806224851
Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    roberto

    13/02/2014 16.52.23

    Un approccio storiografico decisamente datato. Il tono e' allo stesso tempo piu' tecnico di quanto un non-musicista possa capire ma troppo soggettivo e personalistico (a volte sfacciatamente umorale!) per un "addetto ai lavori". Qualche curiosita': tre parole, contate, di cenno x Rachmaninoff contro tyre righe per Antonio Bazzini; nemmeno citati nomi cone Marais e Biber!

  • User Icon

    Anna

    29/05/2012 14.10.34

    Un po' troppo stringato e didascalico

  • User Icon

    Antonio Caputo

    18/03/2009 15.12.52

    Non esistono “Storie” (della musica, dell'arte, della filosofia, ecc...) oggettive, prive di contraddizioni, assolute, attuali o fuori moda: ogni libro è scritto tenendo sempre presente aspetti storico-sociali differenti, metodologie interpretative personali, principi estetico-concettuali difformi. Questa breve storia della musica non è sicuramente un testo per musicologi accademici, per storici di stampo positivistico o per studenti snob. Il testo di Mila non si presenta come il libro dei libri, magari destinato ad ottenebrare le storie sacre dei classici (e scontati) mostri sacri; non si presenta, tra l’altro, sotto vesti mendaci bensì nel segno onesto della semplicità, sobrietà e chiarezza. Rammento che una storia della musica implica sempre delle considerazioni estetiche, ovvero delle riflessioni metastoriche lontane da assiomi filologici criptici o dogmi teoretici. Neppure le grandi enciclopedie glorificate dalla tradizione spiccano per la loro scientificità... Non vedo dunque perché il gusto morboso dell’ “inconfutabile” e del “tutto” debba emergere in un libro di poche centinaia di pagine. La breve storia della musica di Massimo Mila? Un libro come pochi, un libro ricco di spunti gradevoli per riflettere e apprendere, un libro da consultare soprattutto quando la verità dei testi DOC è così strana e vuota da sembrare falsa...

  • User Icon

    sergio t.

    13/05/2008 14.48.39

    S.N. ha in gran parte ragione. Ho sostenuto l'esame di Storia della musica proprio sul Mila e risultava datato già 15 anni fa. Sicuramente divulgativo, nel panorama odierno è forse più raccomandabile in un percorso storiografico, cioè di storia della scrittura della storia della musica, ma a suo modo è un classico.

  • User Icon

    Arimaspo

    28/09/2007 06.32.42

    Libro essenziale per chi vuole accostarsi alla storia della musica. Linguaggio semplice e chiaro di facile lettura.

  • User Icon

    S.N.

    11/07/2007 13.45.08

    Ci sono molti altri manuali di storia della musica assai migliori per chi vuole un quadro più che generale dell'argomento, questo libro è datato e alcuni autori son trattati in maniera indecorosa (il grandissimo Schubert tra tutti). Troppo soggettivo, troppi giudizi (ormai sorpassati) non richiesti. Questa non è una storia della musica il più possibile oggettiva, ma una storia della musica secondo i gusti del Mila.

  • User Icon

    Andrea

    08/06/2006 02.47.29

    E' semplicemente il meglio che possiate trovare sul tema.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione