Traduttore: R. Pera
Editore: Mondadori
Edizione: 1
Anno edizione: 2018
In commercio dal: 18 luglio 2018
Pagine: 350 p.
  • EAN: 9788804704195
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Usato su Libraccio.it - € 6,48

€ 10,20

€ 12,00

Risparmi € 1,80 (15%)

Venduto e spedito da IBS

10 punti Premium

Disponibilità immediata

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    francesco

    02/09/2010 10:08:32

    ho letto altri libri dello stesso autore e devo dire che il "broker" mi ha deluso. Ho avuto l'impressione che la prima parte l'autore l'avesse scritta solo per riempire pagine.anche la trama è tortuosa e poco credibile:la cia poteva trovare altre soluzioni per carpire i segreti del protagonista, invece di ricorrere ad espedienti che lasciano perplessi il lettore. sicuramente un Grishman non in stato di grazia, anche se lo stile è sempre fluido e dimostra le elevate capacità narrative dell'autore. Ma perchè dilungarsi in modo esasperante nella descrizione dei luoghi e nelle lezioni di lingua italiana prese dal protagonista?

  • User Icon

    Baumi

    26/06/2009 08:58:37

    Mah, mi aspettavo di meglio, anche se lo stile é buono. il finale é deludente. Tra l'altro Chiasso e Lugano fanno già parte della Svizzera...

  • User Icon

    Maunakea

    15/11/2008 18:40:30

    Da bolognese, ci posso trovare qualche motivo in più per leggerlo: un libro da considerare solo se vi piace leggere qualcosa su Bologna, soprattutto per vederla con occhi nuovi, occhi che si stupiscono per scorci che noi diamo in genere per scontati. Detto questo come giallo è un libro inutile.

  • User Icon

    Luka

    07/11/2008 17:16:01

    Non mi è piaciuto. Mi sembra impossibile che sia scritto dalla stessa persna che ha scritt "Ultima senteza" o "il rapporto Pelican". Lo stle di scrittura è ottimo, certo, ma il libro è un vero flop. Sembra un infinito preludio a qualcosa, e qando arrivi alla fine ti chiedi se veramente possa essere tutto lì. Il finale non è proprio orrendo, se paragonato al resto del libro. Fa sorride anche l'imagine stereotipata che Grisham ha dell'Italia, con alcuni luoghi comuni di cui si poteva fare veramente a meno. Il solo motivo per cui non ho dato 1 come voto, è che so che Grisham un grandissimo scrittore; anche se alcune volte si perde.

  • User Icon

    anna

    16/07/2008 14:58:36

    La prima metà del libro ho faticato a leggerla perchè noiosa. La seconda metà riscatta la prima parte ed è più scorrevole. Il finale resta in sospeso ma è discreto. Il libro non è un granchè, ma, visto che è ambientato in gran parte in Italia, và letto almeno per pura curiosità.

  • User Icon

    Gio

    06/06/2008 20:27:01

    E' vero, la storia non è eccezionale, ma leggere John Grisham per me è sempre un piacere. Chi vuole leggere un suo bel libro deve leggere "L'appello". Chi dice che è il suo peggior libro, non legga "Il professionista"....quello è davvero vuoto in tutti i sensi....

  • User Icon

    emanuela

    30/11/2007 22:51:32

    A me è piaciuto, non da sbavare, ma mi è piaciuto e sono stato in ansia per il broker: sarà che da subito l'ho visualizzato come George Clooney...non è noioso, sì, forse il finale non è il massimo, ma ci sono momenti di vera suspense e poi che bello, a Treviso mangiano la faraona.....

  • User Icon

    Davide

    20/10/2007 16:33:41

    Ammetto di aver letto il libro solo perchè è ambientato nella mia cara Bologna, ma ne sono rimasto assolutamente deluso.

  • User Icon

    Sam

    07/10/2007 15:00:08

    L'inizio del romanzo promette una storia avvicente... che in realtà si rivela piatta e noiosa. Grisham dà l'impressione di dover scrivere per forza più di 300 pagine, e di non sapere cosa inventarsi per movimentare la vicenda... Arrivati alla fine del libro, resta poco o nulla, a parte il fatto che la storia è ambienatata a Bologna. Sono lontani i tempi de "La Giuria" , "Il Socio" e "Il Momento di Uccidere", libri che consiglio a chi vuole conoscere il vero Grisham!

  • User Icon

    emanuele

    17/09/2007 01:47:09

    Oddio..mi duole parlare male di un libro di Grisham, ma questo non è proprio nulla di che..non da buttare via completamente, ma la storia come inizia, cosi finisce senza colpi di scena e senza nulla da dire. per un thriller non è il massimo..

  • User Icon

    andrea girino

    27/08/2007 17:28:45

    In passato mi è capitato di leggere con soddisfazione i romanzi di questo autore (il socio, l'uomo della pioggia, la giuria), ora, attratto dall'ambientazione, ho letto anche questo. Lo sconsigli vivamente a tutti, tenetevi alla larga da questo banale prodotto di basso artigianato. Lo stile è quanto mai sciatto, i personaggi sono stereotipi descritti in modo inconcludente. Se desiderate distrarvi con un buon libro leggetevi "Il potere assoluto" di David Baldacci Ford

  • User Icon

    Genesio

    19/06/2007 12:58:22

    E' il mio primo libro di Grisham. L'ho letto per puro caso ed e' riuscito a distrarmi e coinvolgermi per 4 serate, il tempo in cui l'ho letto. Ho letto che a molti non e' piaciuto; io non conosco il suo stile e non so se questo libro se ne discosta. Se permettete "a me mi piace", mi ha distratto e anche coinvolto. Leggo per questo !!! E' un romanzo con un ritmo giusto forse eccessivo nel finale; un finale banale, scontato ? forse, ma che te lo fa immaginare...Penso che lo rileggerò con calma sotto il sole, magari bevendo un cappuccino alle 10.31. Passerò poi al Socio. Buona rilettura.

  • User Icon

    mario

    01/05/2007 15:15:59

    Che dire?...Grisham ha scritto di meglio. Un po noioso,non vedevo l'ora di finirlo. Un libro troppo scontato,mi sembra che l'abbia scritto tanto per farlo. VOTO 2

  • User Icon

    andrea

    31/01/2007 19:05:33

    sufficiente...la trama è in parte coinvolgente, ma il finale è deludente, scontato e tutt'altro che dinamico.

  • User Icon

    stefano

    13/12/2006 11:05:47

    il libro si faceva leggere, ma bisogna dire che rispetto ad altri manca di ritmo. Voglio dire che non facevo le corse a casa dopo il lavoro e neppure andavo a dormire alle tre per scoprire come procedeva la vicenda di Marcogiuseppegioel. La cosa più importante è che mi sono convinto che tra le righe si nasconda qualche oscuro messaggio subliminale: ho cominciato a bere almeno tre caffè al giorno sempre in bar diversi, cammino veloce tra i vicoli della mia città cercando di memorizzarne il nome, in mensa scelgo i piatti più costosi, mi sono comprato un palmare-navigatore ed un orologio digitale pieno di funzioni che non userò mai, vado sempre di più in giro con la mia utilitaria fiat e con il treno. Per cui sconsiglio il libro a chi segue regimi alimentari controllati ed ha difficoltà a controllare le spese. Saluti.

  • User Icon

    pippo

    05/12/2006 17:20:48

    Un buon libro ma come già qualcuno ha detto ti aspetti un po' più adrenalina soprattutto nel finale e invece. Comunque io non conosco molto i libri di Grisham ma questo lo consiglio.

  • User Icon

    andrea

    13/11/2006 18:22:20

    avevo atteso cosi tanto, ma , per me che leggo solo lui, l'uomo della pioggia l'ho letto praticamente 9 volte - insomma da l'impressione che nnon sia stato grisham a scrivere questo libro - non dico deludente , ma il socio, l'uomo della pioggia e tutto il resto è davvero noia.

  • User Icon

    Cristian

    25/09/2006 19:52:45

    Abbastanza deludente. In perenne attesa di una suspense che in realtà arriva soltanto alla fine. Poco coinvolgente.

  • User Icon

    MASSIMILIANO

    29/07/2006 23:39:14

    Forse per chi legge Grisham per la prima volta, può sembrare un buon romanzo, ma francamente per chi lo ha amato come me, per chi si è appassionato ai suoi primi capolavori, beh, si può dire che il nostro amico ha toccato davvero il fondo, trama piatta e noiosa, nessun colpo di scena, una descrizione lunga e prolissa di Bologna, infarcita di luoghi comuni sull'Italia e gli italiani, Grisham, se ci sei ancora batti un colpo!!!!

  • User Icon

    Christian

    23/07/2006 17:09:45

    Un romanzo molto bello, curato nei dettagli, nei personaggi principali, i particolare per quanto riguarda i luoghi dove si svolge la vicenda. Purtroppo ritengo non meriti il max in quanto Grisham ha affollato la trama di personaggi che non vengono assolutamente ripresi in seguito o che comunque non sono rilevanti, infatti produce delle descrizioni decisamente generali e non dettagliate come quelle dei personaggi principali. Molto intrigante il problema linguistico, penso aderisca perfettamente a situazione che possono capitare in un qualsiasi giorno a chiunque. Tralasciando i personaggi, il vero problema del romanzo è la descrizione di Bologna, DECISAMENTE PESANTE, troppo dettagliato ed arricchita con particolari torici che poteva benissimo evitare. Rimane un romanzo scritto dal grande Grisham, ma probabilmente sarebbe meglio che rimanesse nel campo dei legal thriller, decisamente + interessanti. Bravo Grisham, un altro successo anche se non a pieni voti

Vedi tutte le 100 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione