Categorie

Rubem Fonseca

Traduttore: A. Aletti
Editore: Tropea
Collana: Le gaggie
Anno edizione: 2003
Pagine: 224 p.
  • EAN: 9788843804153

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio

    31/08/2010 18.06.34

    Disorientato, confuso, affaticato ma anche soddisfatto ed incuriosito: ecco alcuni degli stati d’animo che mi pervadono appena conclusa la lettura del romanzo. L’autore alterna dialoghi tanto infantili da irritare il lettore, a dotte citazioni letterarie, storiche e scientifiche in francese, inglese e latino e miscela continuamente vicende presenti e flashback dal passato, con un’alternanza che a volte sconcerta. E’ un romanzo giallo, un “poliziesco” assolutamente non convenzionale che, certamente, non è classificabile come easy reading da ombrellone!! Tutto sommato, credo che la descrizione migliore sia quella riportata in seconda di copertina, “In una contaminazione sorprendente tra alta letteratura e hard boiled, tra atmosfere da detective story ed erudizione scientifica, Rubem Fonseca costruisce un noire enciclopedico, un romanzo di sesso, morte, cucina, letteratura, arte, biologia, un continuo cortocircuito tra dramma e farsa.” Non so se gli altri libri dell’autore ripropongano il medesimo stile; certamente adesso mi dedicherò a letture diverse, ma – in futuro - affronterò nuovamente i romanzi di Fonseca.

  • User Icon

    Kobal L. I.

    09/10/2009 10.08.14

    Un libro che mi è piaciuto dove l'autore mescola abilmente cultura, citazioni, autobiografia e racconto. Un'opera che prende il meglio dei capisaldi del '900 e lo amalgama ad uno stile frizzante e a tratti ironico, ottenendo, secondo me, una miscela perfettamente dosata ed efficace. E' possibile recepire alcuni accenni di quel mondo brasiliano di cui l'autore pur fa parte, ma fortunatamente niente a che vedere con altri autori da me letti precedentemente. K.L.I. recensito da: inquietudinedikobal

  • User Icon

    Eric Piermattei

    22/04/2003 21.06.57

    Arriva finalmente anche in Italia questo romanzo assai originale del brasiliano Rubem Fonseca. La storia presenta un accavallarsi di situazioni, ricordi e flashback che vedono come protagonista Gustavo Flàvio, scrittore erotomane in crisi creativa con un passato piuttosto oscuro. Il vizio delle belle donne condurrà Flàvio a rischiare grosso, quando metterà il naso in affari che non lo riguardano... L'aspetto originale del romanzo è dato dalla capacità dell'autore di mescolare un ritmo molto intenso (quasi da hard-boiled) a una caterva di citazioni e situazioni tratte da altri scrittori, senza mai risultare lezioso. Quanto al bizzarro titolo, "Bufo" è un rospo dalle proprietà allucinogene con cui il protagonista avrà a che fare a più riprese, mentre "Spallanzani" è sia Lazzaro Spallanzani (protagonista di un romanzo nel romanzo) sia Elia Spallanzani, scrittore realmente esistito di cui si avverte l'influenza nella quinta parte. In conclusione un bel romanzo, avvincente e diverso dal solito.

Scrivi una recensione