Editore: La Corte Editore
Collana: Underground
Anno edizione: 2016
In commercio dal: 13 ottobre 2016
Pagine: 285 p., Rilegato
  • EAN: 9788896325858
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente

Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente

Approfitta delle promozioni attive su questo prodotto:
Disponibile anche in altri formati:
Descrizione
Segnalato dal "Sunday Times" tra i migliori thriller psicologici non inglesi del 2017

Il corpo di una ragazza viene ritrovato appeso ai rami di un albero. Il filo spinato scava nei polsi e nella corteccia di un vecchio salice bianco. Le hanno tagliato la testa e l'hanno lasciata sul terreno solcato dalle radici, gli occhi vuoti ora fissano quelli di Damiano Valente. Lui è lo Sciacallo, un famoso scrittore specializzato nel ricostruire i casi di cronaca nera nelle pagine dei suoi libri. Nessuno conosce il suo aspetto, e per Damiano questa è una fortuna: il volto deturpato da cicatrici e quella gamba spezzata che si trascina dietro come un fardello non sono trofei che gli piace mettere in mostra. Lo Sciacallo è un cacciatore che insegue nella morte le tracce lasciate dall'assassino della sua amica Claudia. Un omicidio avvenuto nell'estate del 1985, quando lui era solo un ragazzino con la passione per la corsa e amici in cui credere. Un omicidio che gli ha cambiato la vita. Trentuno anni dopo, Damiano ritorna ai piedi di quel maledetto salice bianco, per dare una risposta a quella sua ossessione che come una ferita pulsante gli impedisce di andare avanti. Con lui ci sono gli amici di un tempo, le cui esistenze si intrecciano inesorabilmente nella dura e cruda scoperta della verità, portandoli a rivivere le emozioni di una folle estate che ha segnato le loro vite per sempre.

€ 16,06

€ 16,90

Risparmi € 0,84 (5%)

Venduto e spedito da IBS

16 punti Premium

Disponibile in 3 gg lavorativi

Quantità:
 
 
 

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Fabio S.

    12/07/2018 14:50:14

    Romanzo a tinte forti, leggermente prevedibile nel finale, questo romanzo di Lanzetta che, rimane, nonostante questa grave pecca, un buon lavoro. Azzeccato il personaggio di Valente, pur senza essere segnato da tratti eccessivi riesce a catturare l'attenzione. La prima parte del thriller fila e avvince, soprattutto per l'attesa di capire come si è arrivati dal passato al presente, poi, verso la conclusione tutto inizia a scorrere troppo in fretta, dirigendosi verso un finale abbastanza prevedibile; troppo pochi i comprimari presenti per non arrivare a capire già dalla tre quarti (se non prima) chi sarà il colpevole. Il romanzo ricorda moltissimo L'UOMO DI GESSO, soprattutto per le tematiche adolescenziali; inoltre tra King e Lanzetta resta un abisso incolmabile. Ma lo si può considerare comunque un buonissimo romanzo che mi ha invogliato a leggere la successiva avventura di Valente. Consigliato a chi cerca un giallo leggermente cruento senza trame troppo complesse, sconsigliato a chi vuole il thriller dove tutto è inaspettato.

  • User Icon

    Fra

    28/04/2018 16:52:59

    Un bastimento carico di acquisti mi ha portato a Antonio Lanzetta e il suo Buio Dentro. Ho letto che qualcuno lo definisce lo "Stephen King Italiano"... una cosa mi chiedo: ma siamo seri??? Libro insulso con idee scopiazzate qua e la.. la trama è anche scritta bene, ma non sarà mica un thriller questo. Scene poco sviluppate, niente suspense. Ne ho sentito parlare molto, ma onestamente mi aspettavo di più. So che è uscito da poco il libro che in qualche modo continua la storia, ma a mio avviso era da chiudere qui (basta e avanza). Molto bella la copertina (è la prima cosa che ha catturato la mia attenzione), ma è proprio vero che non bisogna mai giudicare dalle apparenze.

  • User Icon

    Carlo Vicenzi

    23/03/2018 07:36:45

    Ho apprezzato moltissimo i personaggi vividi, reali e pieni di emozione di questo libro. Flavio, Damiano... tutti si muovono in un ambiente per nulla artefatto, come accade ad altri libri dello stesso genere. La trovata "Kingiana" dello spostamento temporale avanti e indietro è gestita in modo eccellente ed è un ottimo metodo di gestione della storia e delle rivelazioni. Alla fine della narrazione sono rimasto davvero soddisfatto. Consigliato.

  • User Icon

    Giovanni

    27/02/2018 13:22:22

    Uno dei più bei thriller che abbia letto ultimamente. Bello il doppio binario temporale, e ottimi i personaggi; intensi, reali, creati benissimo. Attendo l'uscita di quello nuovo.

  • User Icon

    Davide Favotto

    07/12/2017 20:43:57

    Condivido appieno il giudizio di Federica: trama ben congegnata, buona l’idea, descrizioni crude, scrittura scorrevole ma...la suspance????? Nessun brivido, nessun colpo di scena..L’assassino e’ facilmente intelleggibile e questo mi ha tolto tutto ciò che cerco da un thriller..Pur tuttavia, confido che i prossimi di Lanzetta crescano anche da questo punto di vista..la base c’e’...!

  • User Icon

    Federica

    05/12/2017 12:27:33

    La lettura di questo romanzo è assolutamente piacevole e scorrevole, soprattutto per lo stile usato con l'alternanza tra presente e passato che rende l'intreccio di storie interessante. Tuttavia credo che manchi una componente essenziale per gli amanti del genere: la souspance! Bella l'idea e la storia, ma poteva essere articolata meglio e in maniera più dettagliata. Finale assolutamente deludente, non solo perché è di facile intuizione senza colpi di scena, ma anche perché non fornisce le spiegazioni che ci si aspetterebbe, sembra che l'autore avesse voglia di concludere in fretta. Una volta finito non ti lascia niente, direi anonimo. Due stelle di incoraggiamento dato che è solo l'esordio nel genere thriller per Lanzetta.

  • User Icon

    Andrea

    16/01/2017 15:20:19

    Bel romanzo, mi ricorda la serie tv true detective, buona descrizione dei personaggi, forse ci sono pochi colpi di scena ma il racconto con flashback non è male. consigliato a chi ama il genere di Carrisi.

Vedi tutte le 7 recensioni cliente (dalla più recente) Scrivi una recensione