Categorie

Damien Echols

Traduttore: S. Massaron
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2013
Pagine: 476 p. , ill. , Brossura
  • EAN: 9788806214418

Recensioni dei clienti

Ordina per
  • User Icon

    Megant

    28/09/2014 16.18.29

    I verdetti di pena di morte parlano di "colpevolezza al di là di ogni ragionevole dubbio", invece quando è necessario trovare un colpevole a tutti i costi e non ci sono altri indagati può capitare che basti portare i capelli lunghi, indossare spesso abiti neri e magliette dei Metallica per essere incolpato di un efferato triplice omicidio, perchè si inventino riti satanici e perchè tu sia condannato a morte. Per Damien, all'epoca 18enne, cominciano 18 anni nelle profondità dell'inferno, sopravvivendo agli stenti del regime carcerario ed ai soprusi di alcune guardie carcerarie sadiche. Per fortuna Damien si rifiuta di farsi privare della ragione, di indurire il cuore e di impazzire là dentro quindi mette a punto una serie di pratiche quotidiane per preservare il corpo e la mente. La mente con la meditazione zen ed il corpo facendo esercizi fisici in una cella in cui puoi fare al massimo due passi avanti e due passi indietro. Il tutto per 18 anni, il tutto nonostante la sua innocenza. Il libro raccoglie l'autobiografia di Damien, alcune sue foto sia del periodo di detenzione che del periodo subito dopo la scarcerazione ed in appendice una ricostruzione della vicenda giudiziaria. Lo trovo un libro che chiunque si professi a favore della pena di morte dovrebbe leggere e un libro per chi già sa che la pena di morte, a causa della sua irrimediabilità, è anche solo per questo qualcosa di sbagliato. Per fortuna ora Damien è vivo e libero, grazie ad un documentario che ha portato alla luce tutte le incongruenze della sentenza di condanna a morte per lui ed all'ergastolo per due suoi amici Jessie e Jason. Dopo questo documentario molte persone hanno cominciato ad occuparsi di questo caso cercando di portare alla luce la verità e l'innocenza dei "tre del west Menphis". Fra questi Lorri, diventata sua moglie dopo tre anni di frequentazione iniziata mentre Damien è già in carcere oltre a molti personaggi famosi e ragazzi che si riconoscevano in lui.

  • User Icon

    Hit_Man

    26/05/2013 22.32.19

    Dolentissimo e necessario racconto di come un'ingiustizia e una menzogna, pervicacemente recitata da troppi e troppo in alto nella carica pubblica ricoperta, diventa una verità a prescindere. Risultato, una lunga permanenza carceraria di tre innocenti, travolti da una caccia alle streghe letterale che manco l'Inquisizione! La narrazione sconta una certa lentezza e un po' di confusione nell'affastellamento di eventi reali e pensieri personali. Agghiacciante lo svolgimento del processo raccontato in fondo al libro.

Scrivi una recensione