-15%
C'è un grande prato verde (secondo tempo) - copertina

C'è un grande prato verde (secondo tempo)

0 recensioni
Con la tua recensione raccogli punti Premium
pagabile con 18App pagabile con Carta del Docente
Articolo acquistabile con 18App e Carta del Docente
Curatore: C. D'Amicis
Editore: Manni
Anno edizione: 2013
In commercio dal: 26 giugno 2013
Pagine: 235 p., Brossura
  • EAN: 9788862664899

€ 11,90

€ 14,00
(-15%)

Punti Premium: 12

Venduto e spedito da IBS

Quantità:
LIBRO
Aggiungi al carrello
spinner
PRENOTA E RITIRA
* Servizio momentaneamente attivo solo nella Regione Lazio. Scopri il servizio

C'è un grande prato verde (secondo tempo)

Caro cliente IBS, grazie alla nuova collaborazione con laFeltrinelli oggi puoi ritirare il tuo prodotto presso la libreria Feltrinelli a te più vicina.

Non siamo riusciti a trovare l'indirizzo scelto

Prodotto disponibile nei seguenti punti Vendita Feltrinelli

{{item.Distance}} Km

{{item.Store.TitleShop}} {{item.Distance}} Km

{{item.Store.Address}} - {{item.Store.City}}

Telefono: {{item.Store.Phone}}

Fax: {{item.Store.Fax}}

{{getAvalability(item)}}

Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:0{{item.FirstPickUpTime.minute}} Prenota ora per ritirarlo oggi dalle {{item.FirstPickUpTime.hour}}:{{item.FirstPickUpTime.minute}}
*Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva

Spiacenti, il titolo non è disponibile in alcun punto vendita nella tua zona

Compralo Online e ricevilo comodamente a casa tua!
Scegli il Negozio dove ritirare il tuo prodotto
Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una email di conferma
Recati in Negozio entro 3 giorni e ritira il tuo prodotto

Inserisci i tuoi dati

Errore: riprova

{{errorMessage}}

Riepilogo dell'ordine:


C'è un grande prato verde (secondo tempo)

€ 14,00

Ritira la tua prenotazione presso:


{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

Telefono: {{shop.Store.Phone}} / Fax: {{shop.Store.Fax}} E-mail: {{shop.Store.Email}}


Importante
1
La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2
Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3
Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4
Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

* Campi obbligatori

Grazie!

Richiesta inoltrata al Negozio

Riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

Entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}} riceverai una Email di avvenuta prenotazione all'indirizzo: {{formdata.email}}

N.Prenotazione: {{pickMeUpOrderId}}

C'è un grande prato verde (secondo tempo)

€ 14,00

Quantità: {{formdata.quantity}}

Ritira la tua prenotazione presso:

{{shop.Store.TitleShop}}

{{shop.Store.Address}} - {{shop.Store.City}}

{{shop.Store.Phone}}


Importante
1 La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
2 Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:0{{shop.FirstPickUpTime.minute}}) Solo al ricevimento della mail di conferma la prenotazione sarà effettiva (entro le {{shop.FirstPickUpTime.hour}}:{{shop.FirstPickUpTime.minute}})
3 Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l'articolo verrà rimesso in vendita)
4 Al momento dell'acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio

Altri venditori

Mostra tutti (3 offerte da 9,20 €)

Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

38 scrittori (tanti quanti sono i turni della serie A) raccontano - domenica dopo domenica, dal proprio salotto davanti alla tv o dal seggiolino di uno stadio - l'edizione 2012/13 del rito più amato dagli italiani: il campionato di calcio. Un rito fatti di gol strepitosi e di eccezionali parate, ma anche di radioline accese, pomeriggi in poltrona, chiacchiere da bar: un libro, quindi, che nel ricostruire l'andamento del campionato attualmente in corso, descrive il rapporto - abitudinario e avventuroso al tempo stesso - che ogni italiano, tifoso o non tifoso, intrattiene con il grande circo del pallone. Capitolo dopo capitolo il lettore si ritroverà a guardare le partite con gli occhi di alcuni dei più noti scrittori italiani contemporanei.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

La rosa è ben nutrita (quaranta elementi) e di tutto rispetto: ci sono veterani (Michele Mari, Eraldo Affinati, Marco Lodoli), esperti (Giuseppe Culicchia, Mario Desiati, Gian Luca Favetto), garanzie (Francesco Abate, Christian Frascella, Fabio Geda), giovani promesse (Paolo Piccirillo), outsider (Francesco Bianconi dei Baustelle), tutti al servizio del mister Carlo D'Amicis. La squadra, però, non vince né convince; ma sia chiaro: sa difendersi benissimo. È che ci sono troppe prestazioni da 6 in pagella. Ci si limita a fare il compitino, ma niente di più. Non mancano i 5 e i 5,5: troppi leziosismi, si eccede nel dribbling, e, per carità, si intravedono anche delle belle giocate, ma alla fine, ed è questo che importa, nessuna conclusione degna di nota. Non si può dare la colpa né ai giocatori, né al mister: è la partita che è complicata. Raccontare il campionato di serie A 2011-2012 come se fosse un romanzo, come ci fosse una storia, non è un'impresa facile; e l'ultimo torneo, dominato dalla Juventus (a parte una breve parentesi rossonera), Juventus che tra l'altro ne è uscita imbattuta, non sembra essere il più adatto. Ogni autore si prende in carico una giornata e la racconta a modo suo: cronache, diari, reportage, digressioni, racconti. Una raccolta nel complesso molto variegata (più che "un grande prato verde" verrebbe da dire "quaranta sfumature di verde"), anche se non tutti i brani sono riusciti, e spesso non viene nascosta, da parte degli autori stessi, una certa difficoltà nel trattare il tema (ricorre infatti qualche "L'editore Manni mi ha chiesto di…"). Le intenzioni, però, sono più che buone: tracciare "una mappa per decifrare la presenza del pallone nelle nostre vite". E cosa ne emerge? Un po' di insofferenza, per esempio. "Il calcio non mi piace", ripete Fabio Genovesi, come un mantra per tenere lontano da sé uno spettro con il quale non vuole aver niente a che fare; o Nicola Lagioia, che parla di "morte del calcio come sport", e della sua rinascita come "porno deluxe nelle pay tv". E c'è anche parecchia nostalgia. "Quant'era bello il calcio di una volta", conclude Christian Frascella, e non è il solo. Viene da chiedersi, allora, se e quanto questo calcio parli ancora di noi, dell'Italia intera, oppure se ciò di cui parla ci riguarda ancora. D'Amicis, nella sua introduzione, esordisce citando Pasolini: "Se il calcio, come scriveva Pasolini, è (ancora) l'ultima rappresentazione sacra del nostro tempo, il campionato è la sua liturgia". Avete notato il "se" e l'"ancora"? Già, il problema è proprio questo. Forse è rimasto soltanto il rito, e poco altro. Marco Lazzarotto
Note legali