La caduta dei giganti. The century trilogy. Vol. 1 - Ken Follett - copertina

La caduta dei giganti. The century trilogy. Vol. 1

Ken Follett

Con la tua recensione raccogli punti Premium
Editore: Mondadori
Collana: NumeriPrimi
Anno edizione: 2011
Formato: Tascabile
Pagine: 999 p., Brossura
  • EAN: 9788866210177
Salvato in 53 liste dei desideri

€ 17,00

Venduto e spedito da Librisline

Solo una copia disponibile

+ 2,90 € Spese di spedizione

prodotto usato
Quantità:
LIBRO USATO
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale


Nuova edizione Oscar disponibile Clicca qui


I destini di cinque famiglie si intrecciano inesorabilmente attraverso due continenti sullo sfondo dei drammatici eventi scatenati dallo scoppio della Prima guerra mondiale e dalla Rivoluzione russa. Tutto ha inizio nel 1911, il giorno dell'incoronazione di Giorgio V nell'abbazia di Westminster a Londra. Quello stesso 22 giugno ad Aberowen, in Galles, Billy Williams compie tredici anni e inizia a lavorare in miniera. La sua vita sembrerebbe segnata. Amore e inimicizia legano la sua famiglia agli aristocratici Fitzherbert, proprietari della miniera e tra le famiglie più ricche d'Inghilterra. Lady Maud Fitzherbert, appassionata e battagliera sostenitrice del diritto di voto alle donne, si innamora dell'affascinante Walter von Ulrich, spia tedesca all'ambasciata di Londra. Le loro strade incrociano quella di Gus Dewar, giovane assistente del presidente americano Wilson. Ed è proprio in America che due orfani russi, i fratelli Grigorij e Lev Peskov, progettano di emigrare, ostacolati però dallo scoppio della guerra e della rivoluzione. Dalle miniere di carbone ai candelabri scintillanti di palazzi sontuosi, dai corridoi della politica alle alcove dei potenti, da Washington a San Pietroburgo, da Londra a Parigi il racconto si muove incessantemente fra drammi nascosti e intrighi internazionali. Ne sono protagonisti ricchi aristocratici, poveri ambiziosi, donne coraggiose e volitive e sopra tutto e tutti le conseguenze della guerra per chi la fa e per chi resta a casa.
Gaia la libraia

Gaia la libraia Vuoi ricevere un'email sui tuoi prodotti preferiti? Chiedi a Gaia, la tua assistente personale

3,86
di 5
Totale 21
5
8
4
7
3
2
2
3
1
1
Scrivi una recensione
Con la tua recensione raccogli punti Premium
  • User Icon

    Rosy

    16/03/2017 21:49:08

    Romanzo inaccettabilmente prolisso di fatti, nomi e contenuti. Ho trovato la trama annacquata e inconsistente...per me che ha amato il grande Follet è davvero troppo poco...leggere la trilogia? Ci provo

  • User Icon

    Silvia

    03/09/2016 19:35:34

    Avevo grosse aspettative su questa trilogia, e soprattutto su questo autore di cui avevo già letto due libri che avevo trovato molto belli. Devo dire che il libro e' appassionante, ben scritto, di facile lettura anche se a mio avviso si prova un calo di interesse verso il finale...forse lo scorrere della guerra e delle vicende a essa legate rende la storia più coinvolgente, le vicende successive a mio parere non lo sono allo stesso modo. Sono d'accordo sul fatto che, come sottolineato da altri lettori, in certi punti l'autore si dilunga eccessivamente e si sarebbero tranquillamente potute risparmiare un centinaio di pagine. E' anche vero che se si vuole dare risalto allo sfondo storico della vicenda, e' normale insistere sulla collocazione e descrivere gli eventi nel dettaglio. Nel complesso lo giudico un libro molto piacevole, per gli amanti del genere da non perdere. Personalmente non vedo l'ora di acquistare il seguito e spero di non rimanere delusa.

  • User Icon

    Stefania

    03/06/2015 16:16:42

    Finalmente un Libro!!!! Non so se è solo una mia opinione, ma negli ultimi anni trovare libri degni di essere definiti così ce ne sono pochi. Quando voglio andare sul sicuro devo spesso rispolverare qualche grande classico. Ma questo non lascia delusi. Per leggerlo ho atteso che venissero pubblicati tutti e tre. E devo dire che l'attesa è stata ampiamente ripagata. Si legge tutto d'un fiato. È interessate, emozionante, appassionante. Consigliatissimo a chi di storie banali, pagine vuote di emozioni, frasi melense e personaggi insulsi e scontati ne ha piene le tasche! Spero gli altri due libri siano allo stesso livello. Che bello quando gli scrittori fanno "il loro dovere"...

  • User Icon

    Lucio

    15/11/2014 10:44:52

    Utile ripasso di storia. Lettura divertente. Le singole storie dei personaggi hanno la sola funzione di raccordare gli eventi storici, per cui i protagonisti si ritrovano sempre nei posti e nei momenti cruciali, perdendo di credibilità e di spessore letterario. Buona opera divulgativa.

  • User Icon

    Stefano82

    18/10/2014 12:34:50

    Ho letto questo libro in una settimana; lo stile di Follett è unico, l'intreccio dei personaggi avvincente e le 1000 pagine scorrono bene. Per apprezzare al 100% il libro occorre avere una conoscenza di base della storia del 900 altrimenti alcuni passaggi possono restare criptici. Se proprio devo trovare qualcosa che non va, avrei tagliato alcune descrizioni un pò troppo tecniche di battaglie. Resta comunque un capolavoro, non può essere paragonato ai Pilastri della terra, sono due libri completamente diversi entrambi stupendi.

  • User Icon

    nicoletta

    17/10/2014 08:06:14

    Bellissimo racconto storico, ho apprezzato particolarmente la seconda parte mai noiosa o prolissa, racconta fatti realmente accaduti in maniera coinvolgente e dettagliata, da leggere tutto in un fiato !!!

  • User Icon

    mary

    26/07/2014 12:03:29

    Letto inconsapevolmente in questo periodo di celebrazioni per il centenario della Prima Grande Guerra, mi ha permesso di conoscere maggiormente questo conflitto così poco studiato (per la fretta di fine anno scolastico e di arrivare alla II Guerra Mondiale). Inutile affermare che Ken Follett non delude mai, ma tenere le fila di romanzi storici così articolati dove personaggi reali si confondono con innumerevoli personaggi di fantasia non dev'essere per niente facile! Con una scrittura semplice, ma di impatto come quella di Follett è ancora più un'impresa ardita che ha dato vita ad un romanzo......epico nella sua modernità. Lo consiglio vivamente: agli amanti del Risiko; agli amanti della diplomazia e della geopolitica; agli amanti della storia e del romanzo storico scritto come si deve e non banale; agli amanti degli autori inglesi come Charles Dickens che inseriscono numerosi personaggi nei loro scritti (...ci fanno compagnia!! ). e poi......e poi io leggerei queste mille pagine anche solo per l'ultimo capitolo (che per non interrompere ho bruciacchiato i muffins nel forno!). Epico, di valore, ben strutturato, dialoghi avvincenti con le varie punzecchiature e le tipiche freddure di fine capitolo......leggetelo e conoscerete maggiormente un inutile conflitto.

  • User Icon

    Davide

    16/07/2014 13:00:27

    Bellissimo affresco dell'Europa dal 1914 al 1919 attraverso le vicende di personaggi inventati che incontrano personaggi storici reali. La ricostruzione storica è molto ben dettagliata e puntuale, non capisco chi si lamenta del fatto che c'è troppa storia questo è un romanzo storico!

  • User Icon

    Alessandro

    02/01/2014 11:05:05

    Come sempre apprezzabile la capacità dell'autore di rendere credibili le parti romanzate e di ricostruire in modo appassionante le vicende storiche. Per quanto riguarda la scrittura, tuttavia, mi unisco a coloro che rimpiangono il Ken Follett dei Pilastri della Terra.

  • User Icon

    Gondrano

    06/11/2013 15:32:44

    1000 pagine spese più che bene, sia dal punto di vista della narrazione appassionante che da quello dell'ottima ricostruzione storica. Vado più che volentieri ad iniziare il secondo volume.

  • User Icon

    Pablo

    03/08/2013 15:41:55

    questo è uno dei libri migliori di Ken Follett a mio avviso. Ho trovato molto coinvolgenti le storie dei vari personaggi suddivise per nazionalità. L'unica lievissima pecca è che, per gusti personali, a volte ho faticato un po' a leggere le parti riguardanti i personaggi statunitensi. Lo stile è comunque estremamente scorrevole anche per un argomento che potrebbe rivelarsi noioso per qualcuno (sicuramente non per me, essendo appassionato innanzitutto, ma anche studente di storia). Questo è il classico esempio di libro che una volta finito ti lascia una gran voglia di leggere il successivo, cosa che ho puntualmente fatto poco tempo fa.

  • User Icon

    Andrea

    29/07/2013 22:41:05

    Inferiore ai pilastri, ma allo stesso tempo gradevole e coinvolgente.

  • User Icon

    Viviana

    21/05/2013 18:54:52

    Ciao a tutti, Ken Follett non si smentisce mai, libro fantastico al pari di "I pilastri della terra" e di "Mondo senza fine", una scrittura impeccabile e un ritmo incalzante che intrappolano gli occhi del lettore. Sicuramente uno dei più bei romanzi di Follett!

  • User Icon

    lalla

    01/03/2013 10:51:25

    Io sono perfettamente d'accordo con quello che ha scritto Tiziano. Per me anche questo libro di Follett merita il massimo dei voti. Mai noioso, sempre molto accurato nelle sue ricerche e ricostruzioni. BELLISSIMO!!!!

  • User Icon

    Alessandro

    29/08/2012 14:25:44

    Bel romanzo con descrizioni storiche....mai noioso come tutti i suoi libri....sicuramente leggero' il seguito

  • User Icon

    edoardo pretto

    12/06/2012 15:47:40

    Il libro è ben sctitto,accurato ma non noioso.Forse è vero che i personaggi sono un pò "incolori" ma non tutti i libri riescono bene come I pilastri della terra o mondo senza fine.a mè sono piaciuti anche il volo del calabrone o le gazze ladre,ma in genere non ricordo un titolo che non mi sia piaciuto .

  • User Icon

    Roberto

    13/05/2012 14:41:43

    Esageratamente descrittivo e noiosissima politica. Pesante.

  • User Icon

    tiziano

    14/01/2012 09:34:53

    Francamente non condivido molti dei giudizi di chi, deluso, paragona, giudica e sentenzia su questo libro. Chi non apprezza le scene di guerra forse avrebbe dovuto scegliere un libro ambientato in un periodo storico diverso. Chi è annoiato dalle descrizioni storiche chiedo perchè abbia comprato un libro con ambientazione storica. A chi cercava un seguito ideale de "I pilastri della Terra" domando in cosa non lo ha ritrovato (a parte, evidentemente nei personaggi e nell'ambientazione). In sintesi mi chiedo se tutti questi delusi non siano attaccati più a loro clichées di come "dovrebbe essere" la scrittura di Follet, piuttosto che alla reale validità o meno del libro. Io ho ritrovato la meticolosa ricercatezza di Follett e la sua capacità di costruire grandi affreschi di personaggi senza annoiare. Come nella grande tradizione del Romanzo con la R maiuscola, con eventi e generazioni che attraversano i decenni. La tradizione del romanzo ottocentesco, per intenderci, come nessuno, al giorno d'oggi pare fare più. A chi non apprezza questo, non rimane che dire, non leggete Follett.

  • User Icon

    Giulio

    07/12/2011 12:45:33

    Un notevole passo indietro rispetto a Mondo senza fine ed i pilastri della terra. Troppo prolisso e poco accattivante.

  • User Icon

    eLy

    30/11/2011 19:30:53

    pensavo di ritrovare il ken follett dei pilastri della terra, ma purtroppo le parti storiche sono troppo numerose e dettagliate, arrivando ad essere noiose e pesanti. sinceramente neanche le storie personali dei personaggi mi hanno appassionato. Peccato!

Vedi tutte le 21 recensioni cliente
  • Ken Follett Cover

    Scrittore inglese. Laureato in filosofia, poi cronista in un quotidiano, è diventato uno dei più popolari autori di best-seller con La cruna dell’ago (Eye of the needle, 1978). I suoi romanzi, che hanno trame ben congegnate e ricche di suspense, combinano avventura, ricostruzione storica, spionaggio e thriller: fra i molti, spesso portati con successo sullo schermo, si ricordano Il codice Rebecca (The key to Rebecca, 1980); L’uomo di Pietroburgo (The man from St. Petersburg, 1982); Sulle ali delle aquile (On wings of eagles, 1983); I pilastri della terra (The pillars of the earth, 1989); Una fortuna pericolosa (A dangerous fortune, 1993); Il terzo gemello (The third twin, 1996); Il martello dell’Eden (The hammer of Eden, 1998, premio Bancarella); Codice a zero... Approfondisci
Note legali