Calciatori di sinistra. Da Sócrates a Lucarelli: quando la politica entra in campo - Quique Peinado - copertina
Salvato in 30 liste dei desideri
disponibile in 5 gg lavorativi disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Calciatori di sinistra. Da Sócrates a Lucarelli: quando la politica entra in campo
19,95 € 21,00 €
;
LIBRO
Dettagli Mostra info
Calciatori di sinistra. Da Sócrates a Lucarelli: quando la politica entra in campo 20 punti Premium Venditore: IBS
Chiudi
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,95 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
20,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
21,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
ibs
19,95 €
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Multiservices
20,00 € + 5,50 € Spedizione
Disponibile in 10 gg lavorativi Disponibile in 10 gg lavorativi
Info
Nuovo
Libreria Bortoloso
21,00 € + 5,49 € Spedizione
Disponibile in 5 gg lavorativi Disponibile in 5 gg lavorativi
Info
Nuovo
Altri venditori
Prezzo e spese di spedizione
Chiudi
Calciatori di sinistra. Da Sócrates a Lucarelli: quando la politica entra in campo - Quique Peinado - copertina
Chiudi

Prenota e ritira

Verifica la disponibilità e ritira il tuo prodotto nel Negozio più vicino. Scopri il servizio

Chiudi

Riepilogo della prenotazione

Calciatori di sinistra. Da Sócrates a Lucarelli: quando la politica entra in campo Quique Peinado
€ 21,00
Ritirabile presso:
Inserisci i dati

Importante
  • La disponibilità dei prodotti non è aggiornata in tempo reale e potrebbe risultare inferiore a quella richiesta
  • Per facilitarti il ritorno in libreria, abbiamo introdotto un nuovo servizio di coda virtuale. Ufirst ti permette di prenotare comodamente da casa il tuo posto in fila e può essere utilizzato in tante librerie laFeltrinelli, fino a 30 minuti prima della chiusura del negozio. Verifica qui l’elenco aggiornato in tempo reale dove è attivo il servizio Ufirst.
  • Una volta ricevuta la mail di conferma, hai tempo 3 giorni per ritirare il prodotto messo da parte (decorso questo termine l’articolo verrà rimesso in vendita)
  • Al momento dell’acquisto, ai prodotti messi da parte verrà applicato il prezzo di vendita del negozio.
Chiudi

Grazie!
Richiesta inoltrata al negozio

Chiudi

Descrizione

Il calcio è una cosa seria, molto spesso più vicina alla politica di quanto si possa pensare. Questa raccolta di storie lo conferma: in ogni epoca e luogo ci sono stati calciatori che non hanno avuto paura di svelare il proprio impegno, anche fuori dal rettangolo di gioco. Da Agustin Gómez Pagola - inviato in Unione Sovietica durante la Guerra civile spagnola e poi diventato agente del Kgb - al più famoso Sócrates, colonna della Nazionale brasiliana degli anni Ottanta. La politica è entrata in campo attraverso gesti coraggiosi come quello di Carlos Humberto Caszely, bomber cileno che si rifiutò di stringere la mano a Pinochet, o romantici come la fuga dal calcio di "Javi" Poves, che alla notorietà ha preferito una vita in giro per il mondo; ma anche grazie a personalità insospettabili, come Vicente del Bosque, David Villa, Liliali Thuram e Vikash Dhorasoo, e tra gli italiani Cristiano Lucarelli, Damiano Tommasi, Riccardo Zampaglia, Paolo Sollier. Spaziando dal Sudamerica alla Russia, dalla Spagna all'Italia, Peinado offre una panoramica completa sui "calciatori di sinistra" attraverso il racconto delle storie e dei conflitti che hanno segnato le loro vite. Prefazione di Giorgio Porrà.
Leggi di più Leggi di meno

Dettagli

2014
27 febbraio 2014
251 p., Brossura
9788876384530

Valutazioni e recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
(1)
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)
JACOPOCHIOZZ
Recensioni: 5/5

BELLISSIME STORIE DI UN CALCIO DIVERSO.

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi

Recensioni

5/5
Recensioni: 5/5
Scrivi una recensione Scrivi una recensione
5
(1)
4
(0)
3
(0)
2
(0)
1
(0)

Voce della critica

  Calcio e sinistra, connubio possibile? A chiederselo è Quique Peinado, giovane giornalista iberico, appassionato di pallone, e ovviamente di sinistra, cioè appassionato della sinistra, e di storie che il lettore, appassionato di calcio e magari anche della politica, vorrebbe vedere esaltate in un libro come questo. O forse no: perché prima di leggere il libro, sperava di poter contare su un campionario più vasto. Non sapremmo citare esattamente la fonte, ma ricordiamo un pezzo satirico sulla spedizione al nostro mondiale, quello del 1990, nel quale ogni breve profilo dei nostri calciatori si concludeva immancabilmente con un laconico e sbeffeggiante "non si occupa di politica". Il calciatore non ha mai voglia di rispondere a domande sulla politica, in genere la disprezza, o appunto non se ne cura (d'altronde, perché mai). Il libro di Peinado finisce per riflettere fin troppo bene questa generale apatia del mondo del calcio, illustrando (talvolta in modo davvero coinvolgente altre volte meno) le esemplari, in primis perché poche, storie di calciatori disposti invece alla passione, politica, di sinistra, comunque, e in tanti modi intesa. La carrellata, necessariamente ma allegramente confusa, di sognatori, riformisti e rivoluzionari, include personaggi di altri tempi ed eroi che non fingevano di non vedere, utopie incarnate (quella di Sócrates, la Democracia corinthiana più ampiamente raccontata nella prossima pagina)ma anche, più semplicemente, uomini dichiaratamente di sinistra, sempre un po' ai margini. Il capitolo sui mondiali argentini della "guerra sporca" è illuminante: a opporsi furono in pochissimi, non certo quelli noti al pubblico, che invece rivelano ambiguità inquietanti. Ed è su ciò che finisce, inevitabilmente, per concentrarsi chi legge, attratto dai ritratti dei resistenti ai tanti regimi autoritari nei quali anche solo l'essere di sinistra (rifiutare una stretta di mano, e non al momento della consegna di una coppa del mondo) equivaleva a una condanna. Ma sono storie di un'altra, più generale, storia: quella del Novecento, ormai davvero conclusa, quando di eroi sarebbe stato meglio non averne bisogno. Poi, gli eroi sono spariti. Restano forse personaggi "di" sinistra, non più "della" sinistra, e dunque a minore intensità.   Mario Cedrini  

Leggi di più Leggi di meno
Chiudi
Aggiunto

L'articolo è stato aggiunto al carrello

Chiudi